HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
2 ore

Urs Fischer prolunga il contratto con l’Union Berlin

Il tecnico zurighese era giunto nella capitale tedesca nel 2018 e l’anno successivo aveva festeggiato la promozione nella Prima Bundesliga
TENNIS
3 ore

Bencic nei quarti di finale, Golubic eliminata

A Tallin la sangallese ha superato con qualche difficoltà la britannica Boulter, mentre la zurighese è stata sconfitta dalla ceca Muchova
CALCIO
4 ore

A due mesi dai Mondiali c’è chi sogna e chi ha gli incubi

Brasile e Argentina sembrano le selezioni più pronte. In Europa bene Spagna e Olanda, mentre per Francia e Inghilterra sono più i dubbi delle certezze
BMX FREESTYLE
6 ore

Il Park di Cadenazzo ospita i Campionati svizzeri

Sabato 1° ottobre (o domenica in caso di brutto tempo) al via una cinquantina di atleti, tra i quali la medaglia olimpica Nikita Ducarroz
Calcio
10 ore

Svizzera - Cechia: le pagelle

Sommer migliore in campo. Bene anche Widmer e Sow. Troppe imprecisioni e prestazione non perfetta per Elvedi
HOCKEY
18 ore

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’
Calcio
19 ore

La Spagna espugna Braga e va alle Final-four

Nations League, il Portogallo è stato sconfitto in casa dagli iberici 1-0
CALCIO
19 ore

Una Svizzera poco brillante batte la Cechia e si salva

Nations League, i rossocrociati faticano ma alla fine si impongono con le reti di Freuler ed Embolo. Decisivo Sommer che para un rigore
hockey
20 ore

Il primo derby è tutto del Lugano

I bianconeri si impongono con autorità alla Gottardo Arena, grazie alla doppietta di Thürkauf e alle reti di Granlund e Andersson
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie
laR
 
01.12.2021 - 00:01
Aggiornamento: 17:57

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ‘Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’

la-gioia-di-cereda-la-squadra-ha-accettato-di-soffrire
Keystone
Tutta la gioia di Matt D’Agostini

Zugo – Chi la dura la vince! Dopo quattro sconfitte consecutive, in cui i biancoblù avrebbero meritato di raccogliere qualcosa in più, i ragazzi di Cereda si prendono il lusso di espugnare la pista dei campioni svizzeri in carica.

La vittoria non fa una grinza ed è figlia del collettivo, a immagine della brillante prova offerta anche dal quarto blocco. Con abnegazione, spirito di sacrificio e tanto pattinaggio l’Ambrì riesce a sopperire alla differenza tecnica.

La contesa s’incanala subito sui binari ideali. Dopo appena 4’ Grassi sfrutta un errore di Martschini e può esultare. Lo Zugo prova a reagire, ma Conz è bravo a opporsi a Lander. Chi sbaglia paga, e allora poco dopo al 12’ arriva la prima rete stagionale di Incir, favorita da un ottimo assist di Kneubuehler. Gli ospiti in seguito sono bravi a gestire il vantaggio, ma i pericoli sono sempre in agguato, specialmente quando lo Zugo gioca in powerplay. I locali sfruttano due volte la situazione speciale e pareggiano con Hansson al 26’ e Kovar al 30’. Tornano i fantasmi di sabato scorso, dove si era sprecato un vantaggio di ben quattro reti? Ebbene no. Anzi, i leventinesi reagiscono e al termine di una lunga fase offensiva ottengono la rete del 3 a 2 con Hietanen al 38’.

Nell’ultimo periodo Heim e soci gestiscono bene il vantaggio e concedono poco alla corazzata di Tangnes. Al 47’ arriva anche il quarto gettone a opera di D’Agostini. Nel finale, un po’ dal nulla, giunge la rete del 3 a 4 a soli 30’’ dall’ultima sirena con l’Ambrì in superiorità numerica con conseguente finale da brivido, ma stavolta la fine è a tinte biancoblù e i sopracenerini festeggiano. Finalmente è arrivata la vittoria come giusta ricompensa.

«A ranghi completi sul ghiaccio abbiamo giocato molto bene – esordisce Luca Cereda –. Nelle situazioni speciali invece non siamo stati così efficienti, ma nel complesso è un successo meritato e sono contento per i ragazzi».

La più grande risposta dell’Ambrì è stata la reazione dopo aver incassato il pareggio. Non era evidente restare a galla e riprendersi. «Gli ultimi 5’ della frazione centrale sono stati ottimi, la squadra ha accettato di soffrire senza mai farsi prendere dal panico, questa è stata la chiave della sfida».

Il 40enne non ha mai avuto il timore che la sua squadra potesse disunirsi dopo essere stata riagguantata? «No, siamo rimasti tutti calmi e sereni, in primis ovviamente i giocatori sul ghiaccio. Sono stati molto bravi a non mollare la presa». Positiva anche la prestazione del pacchetto stranieri. Hietanen e D’Agostini sono andati in rete, McMillan ha svolto come di consuetudine una grande mole di lavoro e Regin è stato spesso nel vivo dell’azione mostrando personalità e vincendo anche l’importante ingaggio dopo avere subìto il terzo gol. «Esatto, hanno giocato bene, sono stati tranquilli e lucidi, aggiungerei che la terza segnatura ad esempio è arrivata dopo una bella azione precedente di Regin. Questo suo spunto ha dato coraggio a tutta la squadra».

Tre punti preziosi che aiutano anche a preparare le prossime sfide con maggiore tranquillità. «Ci aspetta un weekend durissimo contro gli Zsc Lions e poi a Davos. All’interno dello spogliatoio e della società la serenità c’è e c’è sempre stata, spero che questa vittoria aiuti a portarla un po’ anche all’esterno», conclude il coach.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved