Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
Xamax
20:15
 
Langnau
Lugano
19:45
 
Ginevra
Zurigo
19:45
 
Friborgo
Bienne
19:45
 
Davos
Berna
19:45
 
Zugo
Ajoie
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Zugo Academy
19:45
 
Kloten
La Chaux de Fonds
19:45
 
Ticino Rockets
Langenthal
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
Xamax
20:15
 
Langnau
Lugano
19:45
 
Ginevra
Zurigo
19:45
 
Friborgo
Bienne
19:45
 
Davos
Berna
19:45
 
Zugo
Ajoie
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Zugo Academy
19:45
 
Kloten
La Chaux de Fonds
19:45
 
Ticino Rockets
Langenthal
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
un-lugano-da-3-su-4-certo-che-quando-si-e-al-completo
Ti-Press/Crinari
Serata di festa anche per la difesa, a cominciare da Schlegel
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
10096
2
Maxim la biere
9858
3
25 Francs trop cher
9378
4
Iselis Punktebuebe
9312
5
TrigoAce2
9154
6
Team Gobbi
9141
7
ADTC
9132
8
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
9086
9
BalaBala
9070
10
Wild Hogs
9026
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
39 min

Anche Alina e Sinja spiccano il volo. Con Ammann e Odermatt

Reduci da isolamento, le due ragazze della Nazionale di hockey raggiungono Pechino assieme al saltatore e al leder di Coppa del mondo di sci
CALCIO
1 ora

Quindici anni al vertice e non sentirli

Ancillo Canepa, da tre lustri alla testa dell’Fc Zurigo, è pieno di entusiasmo per la ripresa di una stagione che la sua ‘ceratura’ affronta da leader
Hockey
3 ore

Lugano, sciolto il contratto di Nodari. Finirà a Kloten?

Il trentaquattrenne difensore ticinese non rientrava ormai più nei piani di Chris McSorley, e ora potrebbe raggiungere Zurkirchen alla Stimo Arena
Basket
4 ore

Gubitosa: Per la Coppa ‘intelligenza, gioco e aggressività’

A Montreux si assegna nel weekend il primo trofeo stagionale, la Swiss Basketball Cup. Semifinali Sam-Neuchâtel e Olympic-Ginevra. Finale domenica alle 16
VOLLEY
4 ore

Due sfide fondamentali per il Lugano

Nel tentativo di rincorsa ai playoff, le ticinesi dovranno superare domani il Val de Travers e martedì il Franches-Montanges. Le due partite a Cadempino
CALCIO
4 ore

Dieci anni in bianconero, Sabbatini bandiera del Lugano

Il capitano uruguaiano spera di poter prolungare il contratto in scadenza. E sulla ripresa della stagione afferma: ‘Rosa da completare, ma sono fiducioso’
SCI ALPINO
5 ore

Grave infortunio per Urs Kryenbühl in Coppa Europa

Lo svittese è caduto in SuperG a Saalbach ed è stato elitrasportato a Zurigo dove ha subito un intervento chirurgico al bacino
SCI ALPINO
5 ore

A ottobre appuntamento con la velocità sul Cervino

Due discese maschili e altrettante femminili lungo la Gran Becca disegnata da Didier Défago. Le prime gare già nella prossima stagione
Gallery
Tennis
6 ore

Australian Open, in finale Nadal contro Medvedev

Il maiorchino ha sconfitto Matteo Berrettini in quattro set (6-6 6-2 3-6 6-3), il russo ha fatto lo stesso contro il greco Tsitsipas (7-6 4-6 6-4 6-1)
Freestyle
10 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
19 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
19 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
21 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
 
01.12.2021 - 00:010
Aggiornamento : 17:54

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutto un’altra cosa’

Lugano – È il suo posto naturale, lì da qualche parte nello slot. A fianco di Arcobello e Fazzini, in una linea che trascina il Lugano al suo terzo successo in quattro partite da quando sono riprese le ostilità dopo la pausa d’inizio novembre consacrata alla Nazionale. Nuovamente preferito allo slovacco Hudacek, una specie di vittima designata da quando Daniel Carr è tornato a fare ciò che sa fare, e bene, cioè segnare. E sono le primissime reti dopo una lunga convalescenza per i postumi di una complicata commozione cerebrale, per l’ala con l’inconsueto numero 7 dipinto sulla maglia (trattandosi pur sempre di un attaccante) che risolve da solo una partita con il Ginevra che il Lugano di qualche tempo fa avrebbe rischiato seriamente di perdere. Quando gli bastava un niente per rovinare anche le serate più promettenti.

Stavolta, invece, per Chris McSorley e i suoi ragazzi il martedì ha un epilogo con lieto fine. In una partita forse non delle più appassionanti, in cui però il Lugano si mette in testa di voler fare la partita e ci riesce. E non smette mai di crederci neanche quando capisce che non gli è tanto facile arrivare fino davanti a Gauthier Descloux, come in un secondo tempo in cui le conclusioni bianconere sulla porta ginevrina piovono tutte dalla distanza. E in cui (pur se fortunatamente solo per breve tempo) la Cornèr Arena trattiene il fiato, vedendo Luca Fazzini rimanere sul ghiaccio a lungo, nell’angolo alla destra della porta ginevrina: tempo un paio di cambi e il topscorer ticinese è di nuovo in pista. Sarà proprio lui, del resto, a riconquistare nel proprio terzo il puck che Daniel Carr sfrutterà per dare uno scossone alla serata, allo scoccare del minuto numero quarantotto di una serata senza lo straccio di una rete. Finché, appunto, il trentenne nato a Sherwood (in Canada, però) mette piede nel terzo del Servette, e dopo essersi guardato in giro decide d’arrangiarsi da solo, dapprima facendo sedere il povero Jacquemet che s’aspettava tutt’altro, poi mettendo il disco là dove Descloux non può arrivare. In quel momento, è il 47’01’’, lo stadio balza in piedi mentre Carr va a festeggiare sotto una curva in cui nel terzo tempo fa la sua apparizione nientemeno che Petteri Nummelin, leggenda del Lugano dei tempi che furono e che non ha certo bisogno di presentazioni: tornato in Ticino in visita dopo parecchi anni, doveva essere lui il protagonista assoluto della serata, invece va a finire che la star, quella vera, è appunto Daniel Carr. Il cui missile al volo, meno di cinque minuti dopo, in situazione di superiorità numerica, quando il finlandese del Servette Valtteri Filppula si trova sulla panchina dei cattivi per un aggancio, manda definitivamente al tappeto un Ginevra venuto in Ticino per avvicinarsi un altro po’ a un simbolico ottavo posto, e quando invece riparte si trova ancor più attardato. Intanto sugli spalti il pubblico applaude, mentre sul ghiaccio festeggia pure l’altro canadese Troy Josephs, autore del definitivo 3-0 a porta vuota che è il premio per una partita generosa, per non dire di più. Insomma, si può ben dire che ora Chris McSorley abbia l’imbarazzo della scelta: chi l’avrebbe mai detto, anche solo tre settimane fa?

‘Ritmo e competitività anche in allenamento’

Non solo un Daniel Carr che ha trascinato la squadra a suon di gol, ma anche una difesa impeccabile, con lo shutout del portiere Niklas Schlegel. «Direi che stasera ha girato bene tutta la squadra – dice il difensore Samuel Guerra, che però non elogia solo il reparto difensivo –. In settimana abbiamo aggiustato qualche meccanismo: oggi molti dischi profondi, che sono stati gestiti molto bene. Chiaramente quando hai la squadra al completo è sempre più facile giocare: si alza il ritmo e la competitività durante gli allenamenti. Ciò che dovremo assolutamente continuare a fare. Importante anche la fiducia nei propri mezzi, e come gestire bene le partite. Stasera c’era anche un gioco veloce di transizione: non lo facciamo ancora perfettamente, dobbiamo lavorarci tanto, ma è sicuramente meglio se lo paragoniamo a inizio stagione». Un altro aspetto molto importante è che anche in questa serata si è visto un boxplay perfetto: «Giusto. Un boxplay che da inizio stagione funziona molto bene: non conosco i numeri ma siamo tra i migliori della Lega. In una partita tirata come questa, dà tanta fiducia ed energia alla squadra. Poi ci si aspetta le reti anche dal powerplay e una oggi è puntualmente arrivata. Anche loro lo allenano ogni giorno e noi giocatori che siamo in pista nei boxplay sappiamo che in queste situazioni possiamo essere utilissimi e ogni volta diamo tutto per non subire reti».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved