Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
2
Lugano
4
2. tempo
(1-3 : 1-1)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
3
Bienne
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Davos
2
Berna
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Zugo
4
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
2
Lugano
4
2. tempo
(1-3 : 1-1)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
3
Bienne
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Davos
2
Berna
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Zugo
4
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
l-abnegazione-la-pazienza-e-poi-la-mira-di-daniel-carr
Thürkauf cerca di sorprendere Descloux con una deviazione al volo (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
10096
2
Maxim la biere
9858
3
25 Francs trop cher
9378
4
Iselis Punktebuebe
9312
5
TrigoAce2
9154
6
Team Gobbi
9141
7
ADTC
9132
8
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
9086
9
BalaBala
9070
10
Wild Hogs
9026
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
1 ora

Anche Alina e Sinja spiccano il volo. Con Ammann e Odermatt

Reduci da isolamento, le due ragazze della Nazionale di hockey raggiungono Pechino assieme al saltatore e al leder di Coppa del mondo di sci
CALCIO
2 ore

Quindici anni al vertice e non sentirli

Ancillo Canepa, da tre lustri alla testa dell’Fc Zurigo, è pieno di entusiasmo per la ripresa di una stagione che la sua ‘ceratura’ affronta da leader
Hockey
4 ore

Lugano, sciolto il contratto di Nodari. Finirà a Kloten?

Il trentaquattrenne difensore ticinese non rientrava ormai più nei piani di Chris McSorley, e ora potrebbe raggiungere Zurkirchen alla Stimo Arena
Basket
5 ore

Gubitosa: Per la Coppa ‘intelligenza, gioco e aggressività’

A Montreux si assegna nel weekend il primo trofeo stagionale, la Swiss Basketball Cup. Semifinali Sam-Neuchâtel e Olympic-Ginevra. Finale domenica alle 16
VOLLEY
5 ore

Due sfide fondamentali per il Lugano

Nel tentativo di rincorsa ai playoff, le ticinesi dovranno superare domani il Val de Travers e martedì il Franches-Montanges. Le due partite a Cadempino
CALCIO
5 ore

Dieci anni in bianconero, Sabbatini bandiera del Lugano

Il capitano uruguaiano spera di poter prolungare il contratto in scadenza. E sulla ripresa della stagione afferma: ‘Rosa da completare, ma sono fiducioso’
SCI ALPINO
6 ore

Grave infortunio per Urs Kryenbühl in Coppa Europa

Lo svittese è caduto in SuperG a Saalbach ed è stato elitrasportato a Zurigo dove ha subito un intervento chirurgico al bacino
SCI ALPINO
6 ore

A ottobre appuntamento con la velocità sul Cervino

Due discese maschili e altrettante femminili lungo la Gran Becca disegnata da Didier Défago. Le prime gare già nella prossima stagione
Gallery
Tennis
7 ore

Australian Open, in finale Nadal contro Medvedev

Il maiorchino ha sconfitto Matteo Berrettini in quattro set (6-6 6-2 3-6 6-3), il russo ha fatto lo stesso contro il greco Tsitsipas (7-6 4-6 6-4 6-1)
Freestyle
11 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
20 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
21 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
22 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
30.11.2021 - 22:020

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette

Quarta partita dopo la pausa di novembre, terzo successo per il Lugano di McSorley. Con il tecnico canadese che decide di privarsi nuovamente di Hudacek (che finisce in tribuna assieme al portiere Irving e Nodari), in una serata che si apre con il clamoroso palo di Thürkauf in backhand, dopo un curioso puck a palombella su appoggio di Carr sulla balaustra, in quella che – in verità – sarà la sola preoccupazione di Descloux nei due minuti tracorsi sul ghiaccio con un uomo in meno per un crosscheck fischiato a Berthon al 2‘22’’. Poi, all’ottavo, è Luca Fazzini ad andare vicinissimo al gol, dopo un’insistita azione del primo blocco nel settore d’attacco, col puck che passa sì tra le gambe di Descloux, ma che anche senza l’intervento di Rod a due passi dalla linea quel disco non sarebbe mai finito in rete. Nonostante abbia spesso e volentieri il puck sul bastone, il Lugano nel primo tempo non riesce a passare. E, anzi, durante la penalità inflitta a Jooris (per ostruzione) sul finire del tempo, un puck dimenticato per strada in uscita dal terzo libera Noah Rod davanti all’incredulo Schlegel, che riesce però a salvarsi allungando il gambale.

Anche in avvio di periodo centrale è subito il Lugano a cominciare a spingere, e al secondo minuto Fazzini si crea subito una buona occasione, ma la sua conclusione non trova la porta. Ma l‘occasione più ghiotta è sui bastoni di quelli del Servette, dopo una liberazione mancata da Herburger in inferiorità numerica (fuori Vedova, al 22’26’’), con Schlegel costretto a compiere due parate miracolose su due tocchi ravvicinati di Rod e Vatanen. Poi, al 5’03’’ tutta la pista trattiene il fiato: Fazzini s’accascia al suolo nell’angolo alla destra della porta di Schlegel, e quando si rialza viene portato fuori dal ghiaccio apparentemente con un problema al costato. Fortunatamente, però, dopo un paio di cambi il topscorer è di nuovo nel lineup. E il Lugano ricomincia a premere, impensierendo a più riprese Descloux, pur se soltanto con conclusioni dalla distanza. In un secondo tempo il cui epilogo oltretutto è spezzettato a causa di un paio di penalità.

Alla ripresa delle ostilità nel terzo tempo, invece, il primo brivido è per Schlegel, su un tentativo di Jooris. Il Lugano risponde un minuto dopo con Josephs in inferiorità numerica (stavolta fuori c‘è Carr per una trattenuta), il cui pregevole allungo avrebbe meritato miglior sorte. Poco dopo ci provano Herburger e Morini, ma l’appoggio dell’austriaco al compagno non è dei più puliti. Finché arriva anche il gol. Al termine di un contropiede da manuale, con Fazzini che lascia il disco a un ispitarissimo Carr, che dopo essersi guardato attorno finta il tiro, fa sedere Jacquemet, e dopo averlo saltato ruba il tempo a Descloux, appoggiando il disco nell’angolo in alto alla sua destra. E il trentenne canadese numero 7 decide di non fermarsi lì: al 51’45’’, in situazione di superiorità numerica, con un gran tiro al volo Carr affonda definitivamente il Servette, firmando il punto del 2-0. Prima del definitivo 3-0 di Josephs nella porta vuota.

Lugano - Ginevra Servette (0-0 0-0 3-0) 3-0
Reti:
47’01’’ Carr (Fazzini) 1-0. 51’45’’ Carr (Alatalo/esp. Filppula) 2-0. 59’50’’ Josephs (Herburger/a porta vuota) 3-0.
Lugano: Schlegel; Loeffel, Mirco Müller; Riva, Alatalo; Guerra, Chiesa; Wolf; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Carr; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.
Ginevra Servette: Descloux; Karrer, Tömmernes; Maurer, Vatanen; Jacquemet, Le Coultre; Völlmin; Rod, Filppula, Vermin; Vouillamoz, Richard, Winnik; Moy, Jooris, Smirnovs; Antonietti, Berthon, Riat; Patry
Arbitri: Wiegand, Hürlimann; Cattaneo, Kehrli.
Note: 4’758 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro il Ginevra Servette. Tiri: 30-22 (7-5, 12-9, 11-8). Lugano privo di Herren (infortunato), Irving, Hudacek e Nodari (tutti in soprannumero); Servette senza Tanner, Mercier, Charlin, Miranda (tutti infortunati), Pouliot e Smons (in soprannumero). Al L’ingaggio d’inizio della partita effettuato dall’ex difensore finlandese del Lugano Petteri Nummelin. Al 3’35’’ palo colpito da Thürkauf. Al 59‘34’’ timeout chiesto dal Ginevra, che gioca senza portiere da 59’20’’ al 59’50’’. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Daniel Carr e Gauthier Descloux.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved