piu-che-sul-domani-mi-concentro-sul-qui-e-ora
Quattro assist (due nelle ultime due partite) sul suo conto in questa prima parte di stagione
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6418
2
HC Aspi Capitals
6048
3
LHC Bombers
6030
4
Maxim la biere
5933
5
25 Francs trop cher
5862
6
Pastelitos de Guayaba
5782
7
TrigoAce2
5771
8
Iselis Punktebuebe
5723
9
HC VIEILLE POIRE A BOTZI AOP
5705
10
Metallurg Bangitonov
5690
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Pugilato
30 min

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
40 min

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
57 min

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Atletica
1 ora

Al cross capriaschese doppietta per Roberto Delorenzi

Alla terza tappa della Coppa Ticino Ftal fanno festa gli atleti di casa, con sette vittorie e undici podi
Tennis
2 ore

Susan Bandecchi vince il torneo Itf 25’000 di Ortisei

Per la ticinese è il quarto successo in carriera, il primo nel 2021. In doppio sconfitta solo in finale, in coppia con la svizzera Ylena In-Albon
Calcio
3 ore

Dal 2022 più squadre in Promotion League e Prima Lega

L’Asf riforma le strutture delle categorie ed elimina il limite di Under 21 in Promotion League per promuovere i giovani talenti
Pugilato
3 ore

Andrija Petric vince per ko a Como

Il pugile di Minusio ha mandato al tappeto alla seconda ripresa Bojan Cestic. Previsti due incontri anche in dicembre
Roller hockey
3 ore

Biasca rimontato dall’Uttigen e playoff più lontani

Nel campionato di Lna Camillo Boll e compagni partono alla grande (2-0) ma poi subiscono la rimonta e perdono 5-2. Il quarto posto ora è a sette punti
Gallery
Unihockey
3 ore

Un successo e una sconfitta per Ticino e Verbano

Il Tiuh sbanca Altendorf ma subisce la legge dell’Eggiwil, il Vuh doma il Davos ma cede al Langenthal/Aarwangen
Sci
5 ore

Cancellate le Universiadi invernali di Lucerna

La decisione del comitato organizzatore in seguito alle restrizioni all’entrata da diversi Paesi decise dalla Confederazione
BASKET
21 ore

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
23 ore

Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin

Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
1 gior

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
1 gior

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Hockey
 
25.11.2021 - 17:450
Aggiornamento : 21:33

‘Più che sul domani, mi concentro sul qui e ora’

Il difensore del Lugano Elia Riva tra presente e futuro. ‘Non voglio mettermi addosso inutili pressioni: punto a fare il meglio possibile con la squadra’

Due partite e altrettante vittorie. Ma è adesso che per Elia Riva e il Lugano iniziano le cose difficili. Perché domani contro il Friborgo, nell’unica partita della settimana bianconera, gli uomini di McSorley saranno confrontati con una vera e propria prova di maturità. Alla Cornèr Arena di fronte ci sarà infatti la formazione che guarda tutte le altre dall’alto della graduatoria, con due punti di vantaggio sull’accoppiata Zugo-Davos. Quella che, per intenderci, con una media di 1,818 punti a trasferta, è seconda solo allo Zugo (1,833) nella classifica per bottino raccolto lontano da casa, e che nel precedente stagionale (il 28 settembre alla Bcf Arena) si era imposta 3-2. E quello mostrato nelle prime due partite dalla ripresa del campionato è già il vero volto del Lugano, quello promesso da McSorley una volta recuperati gi acciaccati? «Abbiamo fatto un bel passo avanti, ma sicuramente c’è ancora un buon margine per crescere ancora – sottolinea il difensore numero 37 dei bianconeri –. Ogni giorno cerchiano di fare un ulteriore step, sforzandoci di dedicare la massima attenzione a ogni aspetto del gioco. Quello che facciamo in allenamento non è un semplice lavoro ‘tanto per fare’, ma una costante ricerca di ciò che può essere affinato, al fine di presentarci in pista sempre al top». In questo senso, anche alla luce dell’andamento delle partite di settimana scorsa, la pausa è stata una sorta di toccasana per voi. «La pausa dedicata alla Nazionale ci è stata utile per mettere a posto quelle cose che nei primi due mesi di campionato non sono funzionate secondo le aspettative. Questo ha permesso a tutto il gruppo di ripresentarsi in pista alla ripresa delle ostilità con tutto un altro atteggiamento e un livello decisamente superiore rispetto alla prima parte della stagione».

Battuto l’Ambrì Piotta nel quarto derby stagionale in entrata, e poi, sullo slancio, liquidato anche il Losanna in trasferta, adesso però per voi è il momento di andare alla ricerca delle conferme. Per ruolino di marcia e per qualità del gioco espresso... «È un vero e proprio banco di prova per noi. Il Friborgo sta attraversando un buon momento e non a caso guida la graduatoria. Sarà una bella battaglia, ma faremo in modo di farci trovare pronti. Adesso è il momento di ribadire quanto di buono fatto nelle prime due partite dalla ripresa: non è il momento di sederci, ma quello di insistere, di continuare su questa strada per lanciare in tutto e per tutto la nostra stagione». Peccato, vien da dire, che ora che il Lugano parrebbe aver trovato la quadratura del cerchio, gli impegni di campionato abbiano una frequenza più diluita rispetto al mese di ottobre: «Per un giocatore è sicuramente meglio disputare tante partite ravvicinate piuttosto che il contrario, ma a volte anche le pause sono necessarie, oltre che utili. Ti permettono di lavorare sulle cose che ancora non rendono a dovere e prestare maggiore attenzione ai dettagli, quelli che poi, in partita, ti consentono di fare un ulteriore salto di qualità e fare la differenza». Una pausa, quella di novembre, di cui tu, ad ogni buon conto, hai beneficiato ben poco, avendo disputato la Deutschland Cup con la selezione di Patrick Fischer, tornando a respirare aria di Nazionale a due anni di distanza dall’ultima volta (stagione 2018/19). E come è stato ritrovare quell’ambiente? «È sempre un onore poter vestire la maglia della Svizzera. Ci credevo: quella di avere un’altra chance era una cosa che volevo. Perciò mi sono rimboccato le maniche e ho lavorato sodo per questa convocazione, e quando è arrivata la chiamata di Patrick (Fischer, ndr) mi sono fatto trovare pronto. E a bocce ferme non posso che essere contento di come siano andate le cose per me, al di là dei modesti risultati come squadra». Un pensierino alle Olimpiadi di Pechino ce l’hai già fatto? «Beh, non nascondo che sarebbe straordinario poterci andare: disputare un’Olimpiade in fondo è un po’ il sogno di ogni sportivo, e ovviamente anche il mio. Ma non ne faccio comunque una ragione di vita: se venissi scelto bene, altrimenti vorrà dire che la scelta sarà caduta su qualcun altro più meritevole di me per rappresentare la Svizzera a Pechino con la consapevolezza però che avrò comunque ancora le mie chance più in là».

In questi giorni, ad ogni buon conto, di te si è anche parlato in relazione a una tua possibile partenza da Lugano a fine stagione (voci alimentate dalla declinazione della prima offerta fatta dal club al 23enne): come ti poni di fronte a questi ‘rumors’? «Sono voci a cui cerco di non badare più di quel tanto; preferisco non pensarci, altrimenti mi metto addosso pressioni inutili. Adesso mi concentro sul presente: sono uno che preferisce focalizzare la sua attenzione sul ‘qui e adesso’ piuttosto che guardare a ciò che potrebbe essere a medio o lungo termine. Ragion per cui ora come ora la mia priorità è fare il meglio possibile con la squadra, e nient’altro».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved