SINNER J. (ITA)
1
Wawrinka S. (SUI)
1
3 set
(7-5 : 4-6 : 0-0)
BENCIC B. (SUI)
0
WANG Q. (CHN)
0
1 set
(2-2)
il-lugano-si-conferma-dopo-il-derby-in-una-pazza-serata
Loïc Vedova festeggiato così dai compagni dopo il suo gol sul ghiaccio vodese (Keystone)
20.11.2021 - 22:18
Aggiornamento: 21.11.2021 - 15:30

Il Lugano si conferma dopo il derby in una pazza serata

Anche grazie a una doppietta di Arcobellio, i bianconeri vincono a Losanna. Pur se con qualche brivido di troppo, dopo essere travolgenti per 40 minuti

di Valdo Baumer

In una serata in cui rispetto al derby Chris McSorley deve rinunciare a Thürkauf, il cui posto in seconda linea viene preso dal rientrante Bertaggia, a Losanna in porta c’è Fatton, e i bianconeri iniziano meglio l’incontro, tanto che nel primo periodo sfruttano due superiorità numeriche grazie a Josephs, dopo una traversa di Herren al 10’, mentre al 16’ va in rete Arcobello. Anche la terza superiorità numerica viene sfruttata dagli ospiti in entrata di secondo periodo grazie a Fazzini e al suo solito polsino implacabile.

Al 24’ arriva anche il poker con Arcobello che sfrutta un mancato di controllo di Genazzi. A quel punto Boltshauser lascia il posto al giovane Uberti, che, dopo il punto in 2-1 di Kenins al 26’, fa una magrissima figura sul tiro dal proprio terzo di difesa di Loeffel. Tuttavia anche Fatton non è perfetto sul secondo gol dei losannesi a firma Emmerton al 31’, ma Hudacek ristabilisce le quattro lunghezze di vantaggio al 34’.

Anche il terzo periodo si apre con una rete in superiorità del Lugano, questa volta a firma Herburger, che sembra chiudere definitivamente i conti. Tuttavia il Lugano sembra rilassarsi troppo presto e subisce due reti in tre minuti. Allora per gli ultimi 12 minuti McSorley si affida a Schlegel. I vodesi spingono per tentare la rimonta, ma la difesa degli ospiti ha riacquisito solidità e Vedova a 5’ con una pregevole deviazione fa 4-8. Per il Lugano si tratta pertanto della seconda vittoria consecutiva dopo la pausa.

Losanna - Lugano (0-2, 2-4, 2-2) 4-8
Reti:
10’32” Josephs (Herren, Arcobello/esp. Frolik) 0-1, 16’36” Arcobello (Josephs, Alatalo/esp. Sekac) 0-2, 21’34 Fazzini (Herburger/esp. Frick) 0-3, 24’23” Arcobello 0-4, 26’27” Kenins (Fuchs, Genazzi) 1-4, 29’06” Loeffel (Herren) 1-5, 31’19” Emmerton 2-5, 34’47” Hudacek (Alatalo) 2-6, 41’26” Herburger (Boedker, Fazzini/esp. Holdener per Douay) 2-7, 44’32” Almond 3-7, 47’53” Baumgartner (Genazzi) 4-7, 54’46” Vedova (Riva) 4-8
Losanna: Boltshauer (dal 24’30” Uberti); Glauser, Gernat; Heldner, Frick; Krueger, Genazzi; Holdener; Frolik, Emmerton, Sekac; Bertschy, Fuchs, Kenins; Maillard, Jäger, Bozon; Douay, Baumgartner, Almond.
Lugano: Fatton (dal 47’53” Schlegel); Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Wolf; Traber, Guerra; Fazzini, Arcobello, Herren; Bertaggia, Josephs, Hudacek; Morini, Herburger, Boedker; Vedova, Walker, Stoffel.
Arbitri: Stricker, Borga; Huguet, Obwegeser.
Note: 7’005 spettatori. Penalità: 5 x 2’ + 1 x 5’ e penalità disciplinare di partita (38’30” Douay) contro il Losanna, 1 x 2’ contro il Lugano. Tiri in porta: 38-37 (9-16, 15-13, 14-8). Losanna senza Stephan, Marti, Riat (infortunati), Barberio, Krakauskas, Arnold (sovrannumero); Lugano senza Thürkauf, Carr (infortunati), Irving, Fadani, Nodari, Tschumi. Pali: 10’29” Herren (traversa), 39’06” Alatalo. Migliori in pista Uberti e Arcobello.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved