HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Furrioso
1321
2
KISS of DEATH
1318
3
LucHC Lions
1289
4
heida75
1273
5
AmStars
1262
6
check squadron
1258
7
Herr Hans Mueller
1250
8
Whity Selection
1238
9
Ambri due
1238
10
Heed shoots Heed scores
1233
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
1 ora

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
2 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
2 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
2 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
2 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
3 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
4 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
8 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
9 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
10 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
15 ore

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
HOCKEY
laR
 
18.11.2021 - 18:29
Aggiornamento: 19:19

A Lugano Schlegel morde il freno. ‘Felice di poter giocare’

Infortunatosi all’ultimo derby, il portiere titolare vuole lasciarsi alle spalle settimane difficili. ‘In carriera non avevo mai vissuto un momento così’

di Daniele Neri
a-lugano-schlegel-morde-il-freno-felice-di-poter-giocare
Ti-Press/F. Agosta
‘Medico e fisioterapista mi hanno dato luce verde, ma naturalmente l’ultima parola spetta agli allenatori’

Lugano – C’è voglia di riscatto alla Cornèr Arena, dopo una settimana di parentesi dedicata alla Nazionale che, in verità, per gli uomini di Chris McSorley è stata segnata da diversi allenamenti molto intensi, naturalmente dopo qualche giorno libero per ricaricare le batterie. Una pausa che è servita anche per reintegrare i vari Romain Löffel, Samuel Guerra e Niklas Schlegel, con quest’ultimo che si era infortunato proprio in occasione di un derby, quello del primo ottobre ad Ambrì, e che ora non vede l’ora di tornare a difendere la gabbia anche in partita. «Io mi sento bene, e sono pronto a scendere sul ghiaccio, anche se l’ultima parola spetta allo staff tecnico – dice il ventisettenne portiere nato e cresciuto a Zurigo –. Sono contento per il lavoro che ho potuto svolgere nelle ultime settimane, e per essere finalmente pronto al possibile rientro. Oltre che molto motivato sono però anche ottimista: è vero che soltanto da una settimana sono tornato a parare sul ghiaccio, ma le sensazioni sono molto buone. Del resto, sia dal punto di vista medico, sia da quello del fisioterapista ho ottenuto il nulla osta per tornare, quindi ora vedremo cosa decideranno gli allenatori. Di positivo c’è che con quattro portieri nella rosa, durante gli allenamenti c’è più possibilità di avvicendarsi, così l’aumento del carico è stato graduale. Negli ultimi giorni, poi, abbiamo avuto anche degli allenamenti specifici per noi portieri, che sono fondamentali».

Dopo una nuova sconfitta sul ghiaccio di Berna, avete avuto a disposizione qualche giorno di tregua... «Quei giorni ci hanno fatto molto bene. Naturalmente per me che ero infortunato ed ero relegato in tribuna la situazione era un po’ diversa, ma avevamo bisogno di staccare la spina. Soprattutto mentalmente era necessario: poter trascorrere molte ore in famiglia ci ha rigenerati, e al rientro tutti erano molto motivati. Ognuno di noi sa che la situazione in classifica non è delle migliori, ma trovo che tra noi si possa captare un’energia positiva».

Senza contare che, a poche ore dal quarto derby della serie, le motivazioni non mancano... «Come sempre, sarà una partita ‘accesa’, giocata in modo molto fisico, veloce, aperta a qualsiasi risultato. Un appuntamento che, però, noi non possiamo mancare: sappiamo che l’Ambrì giocherà alla morte, come si dice, per tutti i 60 minuti. Ma non è niente di nuovo: starà a noi avere la giusta determinazione per contrastarli, senza contare che abbiamo sicuramente molta sete di rivincita dopo la sconfitta nell’ultimo derby».

Anche perché ora come ora la classifica piange, e tre punti darebbero indubbiamente nuovo slancio. «Ma non è soltanto per i tre punti, di cui abbiamo bisogno come l’aria... – conclude Niklas Schlegel –. Il derby è una partita che vogliamo a tutti costi vincere, a prescindere. Sarebbe un bel trampolino di lancio specialmente per uno come me, che ha vissuto una situazione particolare in queste ultime settimane, perché non aver potuto poter aiutare i miei compagni è stata dura: mai mi era capitato in carriera di stare così tanto lontano dal ghiaccio per colpa di un infortunio, senza poter mai giocare. Ciò nonostante tutti giorni ti ritrovi comunque nello spogliatoio con i tuoi compagni, e vorresti aiutarli ma non puoi: l’unica cosa che ti rimane da fare è parlare con loro, ma adesso spero davvero tanto di tornare il più presto possibile nuovamente in pista, così da poter dare un aiuto tangibile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved