la-sterilita-offensiva-condanna-il-lugano
Keystone
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
2 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
3 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
5 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
6 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
7 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
7 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
7 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
8 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
8 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
8 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
8 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
10 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
12 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
06.11.2021 - 22:000
Aggiornamento : 23:59

La sterilità offensiva condanna il Lugano

Bianconeri battuti a Berna 3 a 1. McSorley: “Dopo la pausa riusciremo a incanalare risultati positivi”.

l Lugano si presenta a Berna con Irving al rientro a difesa della gabbia. La riserva è Fatton. A fare spazio al portiere canadese è lo slovacco Hudacek. Torna in squadra anche Stoffel.

Il Berna deve fare a meno di Daugavins. Il lettone si è rotto un braccio e dovrà rimanere fermo per circa 6 settimane. I locali giocano dunque con soli tre stranieri.

Dopo una fase di studio la prima vera occasione è locale, Conacher in powerplay la 7’ non riesce però a infilare Irving. La prima vera chance ospite è per Stoffel al 10’, abile a sfruttare un errore di Scherwey, ma Wüthrich è attento. Poco dopo è il turno di Arcobello a presentarsi a tu per tu con il portiere avversario, bravo a fermare il tentativo del capitano bianconero. Le emozioni non placano, sul rovesciamento di fronte è Irving a illustrarsi. Al 14 è Morini a tentare la fortuna, ma la buona azione dell’italiano viene neutralizzata da Wüthrich. È in seguito il turno del Berna a creare minacce, Scherwey e Thomas non hanno però il sangue freddo necessario e così si va alla pausa a reti inviolate. Un primo tempo giocato in modo abbastanza confuso da ambo le parti.

La seconda frazione inizia senza particolari sussulti. A farla da padrone è la poca fluidità, rare le trame interessanti. La prima vera emozione è la grande chance in boxplay sul bastone di Herburger al 28’, l’austriaco solo davanti a Wüthrich non riesce a trovare il pertugio buono. La scena si ripete qualche istante più tardi, stavolta è Traber a non concretizzare. Ritrovata la completezza numerica sul ghiaccio è il turno di Morini, il numero 23 da sottomisura non riesce a fare centro. Al 34’ è Müller, ben servito da Haussener, a sparare a lato. Il Lugano preme e mette gli Orsi alle strette, ma il disco non vuole saperne di entrare. Chi sbaglia paga, e cosî al 38’ arriva la rete ottenuta da Thomas. Nel frangente Chiesa, Herburger e Wolf non riescono a spazzare via il disco davanti allo slot. Per i sottocenerini andare alla seconda pausa in ritardo è una beffa.

Il terzo periodo si apre con un brivido, Kahun colpisce un palo da posizione favorevole. Lo stesso topscorer poco dopo colpisce con una gomitata al volto Alatalo e riceve una penalità di partita. Il Lugano spreca i 5’ di powerplay e non crea mai veri pericoli. Attorno al 52’ altra lunga fase di pressione di Morini e compagni, ma il Berna in qualche modo resiste. In contropiede è Henauer a cercare il punAl to forse decisivo, ma sul più bello il difensore del Berna inciampa e cade al cospetto di Irving. Il 2 a 0 arriva poco dopo, Neuenschwander sfrutta un errore di Thürkauf. Sullo slancio qualche secondo più tardi arriva anche il 3 a 0 di Henauer. I bianconeri reagiscono e 15’’ dopo avere incassato la terza rete segnano finalmente con Herbuger. Tre reti nello spazio di 41’, se non è record poco ci manca. L’assalto finale dei ticinesi a porta vuota non porta a nulla e cosî il Berna può festeggiare.

Il tecnico McSorley si esprime così a fine gara: “Creiamo molto, facciamo tanti tiri, ma purtroppo i risultati non arrivano”. Il tecnico resta fiducioso. “Sono convinto che dopo la pausa riusciremo a incanalare risultati positivi, la squadra finora ha lavorato duro, ci ha messo il fisico, ha seguito il gameplan senza essere ricompensata".

Berna– Lugano 3-1

(0-0 1-0 2-1)

Reti: 37’29’’ Thomas (Untersander, Kahun) 1-0. 55’35’’ Neuenschwander (Thomas) 2-0. 56’01’’ Henauer (Conacher, Moser) 3-0. 56’16’’ Herburger (Nodari, Morini) 3-1

Berna: Wüthrich; Untersander, Henauer; Andersson, Beat Gerber; Thiry, Colin Gerber; Kast; Thomas, Kahun, Scherwey; Conacher, Praplan, Moser; Fahrni, Bader, Jeremi Gerber; Sciaroni, Neuenschwander, Berger; Näf

Lugano: Irving; Riva, Alatalo; Nodari, Müller; Chiesa, Wolf; Villa; Bertaggia, Arcobello, Josephs; Fazzini, Thürkauf, Haussener; Boedker, Herburger, Morini; Vedova, Walker, Stoffel; Traber

Arbitri: Hebeisen, Salonen; Schlegel, Gnemmi

Note: 13’966 spettatori. Penalità: Berna 1 x 2’ +1 x 5’ e penalità di partita (Kahun). Lugano 4 x 2’. Tiri: 20-32 (10-10, 5-10, 5-12). Berna senza Jeffrey, Pinana, Blum, Daugavins e Rüfenacht (infortunati). Lugano privo di Carr, Guerra, Schlegel, Loeffeli (infortunati), Fadani, Tschumi, Hudacek (in soprannumero). Al 40’25’’ palo di Kahun. Al 58’41’’timeout Lugano. Lugano dal 58’34’’ senza portiere. Premiati come migliori in pista Wüthrich e Irving.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved