Inter
0
Venezia
1
1. tempo
(0-1)
GCK Lions
1
Olten
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
Inter
0
Venezia
1
1. tempo
(0-1)
GCK Lions
1
Olten
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
lugano-un-altra-serata-a-vuoto-e-fanno-sei-su-sette
Il rientrante Boedker cerca di farsi largo dalle parti di Flüeler. Invano... (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9237
2
Maxim la biere
9206
3
25 Francs trop cher
8640
4
Iselis Punktebuebe
8624
5
Wild Hogs
8520
6
BalaBala
8487
7
ADTC
8449
8
Team Gobbi
8424
9
TrigoAce2
8413
10
Gep Flyers II
8343
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
3 ore

Slalom maschile a Kitzbühel: successo storico per Ryding

Per il 35enne britannico è il primo successo in Coppa del Mondo. Fra i rossocrociati il migliore è stato Loic Meillard, che si aggiudica il settimo posto
Sci
5 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
20 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
23 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
1 gior

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
1 gior

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
1 gior

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
1 gior

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
1 gior

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
1 gior

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
1 gior

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
1 gior

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
05.11.2021 - 22:030
Aggiornamento : 22:53

Lugano, un’altra serata a vuoto. E fanno sei su sette

Nonostante un bel primo tempo, bianconeri costretti alla resa anche dallo Zurigo, oltre che dai propri errori. Decisiva una doppietta di Andrighetto

Anche stavolta al Lugano la serata va di traverso. Nonostante per l’occasione sul ghiaccio si riveda anche Mikkel Boedker, schierato sulla sinistra di una linea piuttosto curiosa, con Hudacek in qualità di centro ed Herburger, invece, riconvertito all’ala. Naturalmente ciò significa che Leland Irving – al pari di Yves Stoffel, in attacco – finisce in soprannumero, per far posto tra i pali a Davide Fadani, nel giorno in cui torna sul ghiaccio anche Thibault Fatton, pur se per l’occasione deve accontentarsi di fare la riserva, dopo aver sostenuto il suo primo allenamento con la squadra solo il giorno prima.

E l‘inizio di Lugano-Zurigo somiglia maledettamente alla partenza dello Zugo-Lugano di martedì: infatti non passa nemmeno un minuto che i ticinesi si trovano subito costretti a rincorrere (stavolta sono 51 secondi, l’altra sera erano 56), neanche a farlo apposta ancora dopo un liscio di Nodari (l’altra sera per un tiro sbucciato in attacco, nell’occasione invece per un disco aereo mal gestito in difesa) con l’incredulo Quenneville che da due passi buca Fadani tra i gambali. La Cornèr Arena è pietrificata, ma i dubbi che nascono spontanei vengono subito fugati dal seguito del primo tempo. In cui il Lugano ispirato continua a spingere, buttandosi su ogni disco, e si crea senza dubbio le occasioni migliori. Una di quelle, al 12’53’’, in superiorità numerica, Fazzini la concretizza trovando il pareggio. Fazzini che un paio di minuti dopo, ancora in superiorità numerica, colpisce il palo con un tiro a botta sicura, con Flüeler ormai fuori causa.

Il secondo tempo, però, ha una fisionomia ben diversa dal primo. Con lo Zurigo che comincia a sua volta a spingere, e il Lugano finisce col pagar cari un paio di dischi persi: il primo, al 30‘34’’, nel proprio terzo, lo sfrutta l’inattaccato Andrighetto per riportare in vantaggio i suoi, mentre il secondo puck che scotta è il risultato di un’incomprensione sulla blu offensiva, con Vedova che alla fine è costretto al fallo d’emergenza al 33’06’’, per fermare Sigrist in qualche modo. L’arbitro assegna il rigore agli ospiti, ma Fadani ci mette una gran pezza sbattendo la porta in faccia a Quenneville. La gioia zurighese è però solo rinviata di qualche minuto: al 36’14’’, con Riva sulla panchina dei cattivi per bastone alto, Andrighetto festeggia la doppietta portando lo Zurigo sul 3-1.

Quel vantaggio alla fine i Lions riescono a traghettarlo in porto, nostante il Lugano che nel terzo tempo senz‘altro ci provi, senza però mostrare di avere né gli argomenti, né l’energia per dare una piega diversa all’epilogo di serata. Che, anzi, regala allo Zurigo anche una quinta rete, dopo un altro disco perso, stavolta da Arcobello, per giunta in powerplay, che lancia Malgin verso il 4-1 in shorthand al 55’30’’.

Lugano - Zsc Lions (1-1 0-2 0-1) 1-4
Reti: 0’51’’ Quenneville 1-0. 12’53’’ Fazzini (Alatalo, Schäppi/esp. Hollenstein per la panchina) 1-1. 30’34’’ Andrighetto (Roe) 1-2. 36’14’’ Andrighetto (Krüger/esp. Riva) 1-3. 55’30’’ Malgin (esp. Diem!) 1-4.
Lugano: Flüeler; Alatalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Wolf; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Morini; Herburger, Hudacek, Boedker; Vedova, Walker, Haussener; Traber.
Zsc Lions: Fadani; Noreau, Marti; Phil Baltisberger, Geering; Guebey, Meier; Chris Baltisberger, Roe, Andrighetto; Azevedo, Malgin, Quenneville; Sigris, Krüger, Hollenstein; Diem, Schäppi, Pedretti.
Arbitri: Tscherrig, Fluri; Fuchs, Duarte.
Note: 4’729 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 35-32 (22-10, 4-14, 6-7). Lugano privo di Carr, Guerra, Schlegel, Loeffel (tutti infortunati), Stoffel, Tschumi (in soprannumero) e Irving (straniero in soprannumero); Zurigo senza Bodenmann, Morant, Trutmann, Riedi (infortunati) e Weber (ammalato). Al 15’20’’ palo colpito da Fazzini. Al 33’06’’ rigore sbagliato da Quenneville (fallo d’emergenza di Vedova su Sigrist). Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Davide Fadani e Lukas Flüeler.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved