nello-spogliatoio-nessuno-punta-il-dito-contro-nessuno
Il miracolo (vano) di Leland Irving su Martschini (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
Unihockey
2 ore

Il Verbano vince in trasferta e agguanta i playoff

La compagine locarnese si è imposta 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt conquistando la certezza di disputare la fase decisiva della stagione
tennis
2 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
2 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur.
Sci
18 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
19 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
20 ore

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
21 ore

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
21 ore

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
22 ore

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
23 ore

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
SKICROSS
23 ore

Doppietta per Ryan Regez a Idre Fjäll

Nella tappa svedese di Coppa del mondo, il bernese si è imposto in entrambe le prove disputate. Assente Smith, la migliore elvetica è stata Sanna Lüdi
Sci
1 gior

A Cortina podio di Gisin, male Gut-Behrami, malissimo Goggia

La ticinese lontana (13esima) anche nel superG vinto dall’italiana Curtoni, con l’obvaldese ottima terza. Caduta e Olimpiadi a rischio per la bergamasca
FREESTYLE
1 gior

Ragettli ad Aspen si mette l’oro al collo

Solo settimo nel Big Air, il grigionese dimentica subito la delusione centrando il successo nello slopestyle agli X-Games in Colorado
TENNIS
1 gior

Nadal non si ferma, nuova delusione per Zverev

L’iberico approda ai quarti di finale degli Australian Open grazie alla vittoria sul francese Mannarino. Il tedesco spedito a casa dal canadese Shapovalov
 
03.11.2021 - 00:190
Aggiornamento : 12:14

‘Nello spogliatoio nessuno punta il dito contro nessuno’

Lo Zugo rifila sei gol al Lugano in una serata in cui i bianconeri sbagliano la gestione dei momenti chiave. ‘Con Boedker avremmo vinto? Possibile’

Zugo – Sei gol sul groppone. Esattamente come l’ultima volta in cui il Lugano aveva sfidato i campioni svizzeri, il 23 ottobre sul ghiaccio della Cornèr Arena. Sei gol pesantissimi, certo, che dicono molto ma non dicono però tutto, pensando a quel che succede stavolta sul ghiaccio di Zugo. Per un Lugano che quando va sul ghiaccio lo fa con il piglio giusto, lo provano le due occasioni subito in avvio sul conto di Hudacek e di Nodari. Quell’opportunità sul conto del difensore ticinese, che al momento di concludere cicca il tiro, è però l’emblema di ciò che accade durante tutta la serata: quel tiro mancato, infatti, si trasforma nel migliore degli assist per quelli dello Zugo, che partono in break con Martschini e Suri, e il lucernese al primo tiro in porta fa secco Leland Irving. La differenza tra i bianconeri e i campioni svizzeri, almeno adesso, sta tutta qui: quando gli capitano delle occasioni (e di questi tempi non sono certamente molte) il Lugano le occasioni non le coglie, mentre a uno Zugo che di opportunità ne avrebbe quante ne vuole, basta un niente per fare la differenza. Non vale solo per le occasioni da rete, bensì anche (ma forse soprattutto) per la gestione dei momenti chiave.

In fondo, basta citare ciò che capita in avvio di secondo tempo, quando il Lugano torna in pista determinato da una prima frazione piuttosto complicata, eccezion fatta per gli ultimi cinque o sei minuti, e sul 2-0 (quindi quando ancora la partita è tutta da giocare) prima sbaglia due buone occasioni con Müller e Hudacek, per poi sciupare la più ghiotta di tutte al 24’47’’, quando Hansson è costretto a fermare in extremis il canadese Josephs, che guadagna un disco a centroghiaccio e se ne va a sfidare Hollestein. Fazzini, da topscorer qual è, si carica sulle spalle l’onere di tirare il rigore, ma spara il puck sopra la traversa. Col senno di poi, sarebbe quello il momento del Lugano. Infatti poco dopo quelli dello Zugo si fanno trovare in pista in sei, e nel corso di quella penalità rifilata alla panchina, Thürkauf si ritrova sul bastone un disco d’oro dopo un passaggio disgraziato di Kovar, ma non riesce a mettere il puck in rete. Poi, quando Irving compie il miracolo davanti a Martschini, con una parata che più acrobatica non potrebbe essere, sulle tribune della BossardArena tutti credono che il famoso ‘momentum’ sia definitivamente passato dalla parte del Lugano. Invece no: appena qualche istante dopo lo svedese Anton Lander trova il modo di segnare il 3-0, dando un colpo al morale dei ticinesi. Per completare il quadro, oltre alla sfortunata traversa di Arcobello in powerplay, è sufficiente ricordare cosa succede in occasione della penalità inflitta a Stoffel al 33’07’’, per colpo di bastone: dopo il 3-1 in shorthand dell’ostinato Thürkauf, sugli sviluppi di quella stessa superiorità numerica allo Zugo bastano ventisei secondi per riportare a tre le lunghezze di vantaggio, grazie alla mira di Lander.

Quel gol, il 4-1, che è poi quello che mette la parola fine alla partita, tuttavia non va giù al coach bianconero, siccome quell’azione era viziata da un’ostruzione non ravvisata dagli arbitri ai danni di Müller. «Era chiaramente un’ostruzione – dice, seccato, Chris McSorley –. E quella era una chiamata facile: non so, magari dovremmo dire ad Andreas Fischer (l’ispettore arbitrale, ndr) di mandare in pista quattro arbitri, o magari cinque o sei, non so».

Polemiche a parte, a McSorley si dice contento di come ha giocato la sua squadra. «Mi è piaciuta l’energia che abbiamo messo nei primi due tempi a cinque contro cinque. In questo momento, però, le cose non vanno come dovrebbero: è un periodo difficile ma lo supereremo, e i puck, presto, spero, cominceranno a rimbalzare anche in nostro favore. Però mi dico che se venerdì (contro lo Zurigo, ndr) metteremo in pista la stessa attitudine, sarà una buona cosa. Poi è chiaro, tutti noi saremo chiamati a dare di più. Vale per tutti: i giocatori, siano essi titolari, riserve, giocatori di prima o di quarta linea, ma vale anche per noi come allenatori».

A proposito di allenatori: la scelta di confermare il canadese Irving tra i pali contro lo Zugo, mettendo nuovamente fuori dal lineup il danese Boedker (specialmente pensando che nelle ultime tre partite il Lugano ha segnato la miseria di tre gol), ha spiazzato un po’ tutti. «La domanda è: con Boedker in pista avremmo vinto? Magari, è possibile. Cerchiamo sempre di prendere quelle che per noi sono le decisioni migliori, però sul retro del tesserino di qualsiasi allenatore c’è scritto che merita di cambiare idea in qualsiasi momento (sorride, ndr). Quel che è certo – conclude – è che da alcuni giocatori abbiamo bisogno di più. Però so anche che sono contento della leadership che c’è in questo gruppo, in uno spogliatoio in cui non ci sono ragazzi cattivi e dove nessuno punta il dito contro nessuno».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved