lo-zugo-rifila-altre-sei-sberle-al-lugano
Giovanni Morini prova a portare scompiglio dalle parti di Hollenstein (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
FOOTBALL
4 min

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
26 min

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
38 min

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 ora

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
4 ore

Il Verbano vince in trasferta e agguanta i playoff

La compagine locarnese si è imposta 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt conquistando la certezza di disputare la fase decisiva della stagione
tennis
4 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
4 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
20 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
21 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
22 ore

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
23 ore

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
23 ore

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
1 gior

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
1 gior

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
02.11.2021 - 22:000
Aggiornamento : 23:31

Lo Zugo rifila altre sei sberle al Lugano

Come il 23 ottobre, i campioni svizzeri dettano legge, in una partita in cui i bianconeri non sfruttano le occasioni e finiscono col pagare l’indisciplina

Anche a Zugo il Lugano è costretto a masticare amaro. Con McSorley che decide di dare una seconda chance agli stessi uomini di sabato dopo la partitaccia contro il Servette, quindi rimettendo il canadese Leland Irving tra i pali invece di giocare la carta Fadani, scegliendo di sacrificare (e per la quarta volta di fila) il danese Mikkel Boedker. Nonostante qualche progresso, il risultato rimane lo stesso. Con il Lugano che becca altre sei sberle dai campioni svizzeri, come gli era già successo in casa il 23 di ottobre, quando finì 2-6.

Anche se, stavolta, l’inizio sembra essere ciò che si aspetta da una squadra reduce da quattro sconfitte nelle ultime cinque partite: energia, dischi in avanti e subito delle occasioni, la prima sul conto di Hudacek, la seconda su quello di Nodari. Il problema è che proprio il tiro ciccato dal difensore numero 88 lancia in contropiede Suri e Martschini, con nel mezzo il povero Mirco Müller che fa quel che può, al contrario del numero 46 che fulmina Irving con un tiro dei suoi. È già 1-0 dopo appena 56 secondi. E per i bianconeri l‘inizio in salita si fa ancor più ripido nove minuti dopo: in powerplay (fuori c’è Fazzini per uno sgambetto) quelli dello Zugo col disco fanno ciò che vogliono, al contrario dei bianconeri, che nella prima superiorità numerica al 4’18’’ non riescono neppure a piazzarsi nel terzo, e Bachfner nel vivo dello slot aggancia il disco che vale il 2-0, al 9’18’’. Insomma, esattamente come contro Bienne e Ginevra, il Lugano è costretto a correre appresso a un doppio svantaggio. In un primo tempo indubbiamente complicato (con lo Zugo che sfiora in un paio di occasione il terzo gol, come in occasione del palo di Martschini all’undicesimo), pur se i ticinesi chiudono il terzo in crescendo, sfiorando il gol a due minuti dal termine con Stoffel, l’ala di una quarta linea che nell’occasione è appena al suo terzo cambio della serata.

Il secondo tempo si apre come era finito il primo, cioè con il Lugano che ci prova: prima Müller, poi Hudacek le prime due occasioni. La più ghiotta, però, arriva al 24‘47’’, quando Hansson è costretto a fermare in extremis il canadese Josephs, che guadagna un disco a centroghiaccio e poi se ne va a sfidare Hollestein: a incaricarsi di battere il rigore è Fazzini, che però spara il puck sopra la traversa. Poco dopo quelli dello Zugo si fanno trovare in pista in sei, e durante quella penalità Thürkauf si ritrova sul bastone un disco dopo, dopo un passaggio azzardato di Kovar. E quando Irving compie il miracolo davanti a Martschini, tutti si dicono che adesso il famoso momentum è definitivamente passato dalla parte del Lugano. Invece no: appena qualche istante dopo lo svedese Anton Lander trova il modo di segnare il 3-0, dando un colpo al morale dei ticinesi. Che però non mollano: prima una traversa di Arcobello in powerplay, poi il 3-1 di Thürkauf addirittura in shorthand al 33’30’’, con Stoffel fuori per un colpo di bastone. Ma sulla stessa penalità, appena ventisei secondi più tardi, lo Zugo rimette tre lunghezze tra sé e il suo avversario, ancora grazie alla mira di Lander.

Quel gol, in pratica, spegne le emozioni in pista. E in un terzo tempo che si trascina stancamente, i padroni di casa trovano pure una quinta rete, con Suri dimenticato da tutti nel bel mezzo dello slot (5-1 al 46‘16’’) prima di sesto gol a firma Bachofner in superiorità numerica (al 51’21’’), dopo che Traber si becca una doppia penalità minore.

Zugo - Lugano (2-0 2-1 2-0) 6-1
Reti:
0’56’’ Martschini (Suri) 1-0. 9’18’’ Bachofner (Djoos/esp. Fazzini) 2-0. 29’51’’ Lander (Bachofner, Klingberg) 3-0. 33’30’’ Thürkauf (Chiesa/esp. Stoffel!) 3-1. 33’56’’ Lander (Djoos/esp. Stoffel) 4-1. 46’16’’ Suri (Martschini) 5-1. 51’21’’ Traber (Kreis/esp. Traber) 6-1.
Zugo: Hollenstein; Hansson, Stalder; Schlumpf, Gross; Djoos, Kreis; Cadonau; Klingberg, Lander, Bachofner; Martschini, Kovar, Suri; Allenspach, Müller, De Nisco; Hofer, Leuenberger, Stehli.
Lugano: Irving; Riva, Alatalo; Müller, Nodari; Chiesa, Wolf; Arcobello, Morini, Fazzini; Josephs, Thürkauf, Hudacek; Bertaggia, Herburger, Vedova; Stoffel, Walker, Traber.
Arbitri: Wiegand, Dipietro; Cattaneo, Wolf.
Note: 6’423 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro lo Zugo; 9 x 2’ contro il Lugano. Tiri in porta: 27-25 (12-4, 8-14, 7-7). Zugo senza Herzog (squalificato), Zehnder, Simion, Senteler (infortunati) e Wüthrich (ammalato); Lugano privo di Carr, Guerra, Loeffel, Fatton, Schlegel e Boedker (straniero in soprannumero). Pali: 10’04’’ Martschini, 31’30’’ Arcobello. Al 24’47’’ rigore sbagliato da Fazzini (fallo d’emergenza di Hansson su Josephs). Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Anton Lander e Calvin Thürkauf.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved