HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
2 ore

Fallimento elvetico nel superG iridato vinto dalla Bassino

Soltanto sesta Lara Gut-Behrami, che era campionessa in carica. Decimo posto per Michelle Gisin, 13a la Hälen, 20a la Suter, 22a la Flury
Calcio
3 ore

Hoffenheim, a Matarazzo la panchina di Breitenreiter

Condannato dalla sconfitta 5-2 subita dal Bochum, l’ex tecnico dello Zurigo - licenziato lunedì - lascia il posto all’ex allenatore dello Stoccarda
Calcio
3 ore

Domenico Tedesco nuovo selezionatore del Belgio

Il 37enne tecnico italo-tedesco ha firmato coi Diavoli Rossi un accordo valido per campagna relativa a Euro 2024
Basket
3 ore

Lebron James supera Kareem

Il giocatore dei Lakers ha stabilito il nuovo record di punti segnati nella storia della Nba
Calcio
4 ore

Addio a ‘Ciro’ Blazevic

A lungo protagonista nel calcio svizzero come giocatore e allenatore, guidò la Croazia allo strepitoso 3° posto mondiale nel ’98
Calcio
16 ore

Flamengo nel pallone, Al Hilal in finale

La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
18 ore

Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni

Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
21 ore

Mondiali, Simon Ammann ci sarà

Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
21 ore

Moggi e Petrucciani da record a Macolin

I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
21 ore

Una squadra in Europa? No, meglio quattro

La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
22 ore

Lara a difesa del suo titolo iridato

In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
23 ore

Il Berna mette le mani su Josh Teves

Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
23 ore

Nuovo look per l’Alfa Sauber

Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
Parigi 2024
23 ore

‘Niente russi finché c’è la guerra’

Anne Hidalgo, sindaca della capitale francese, cambia idea: ora è contraria alla presenza di Mosca alle Olimpiadi di Parigi del 2024
Sci
1 gior

Combinata d’oro per Pinturault

Sulle nevi di casa, il veterano francese precede sul podio gli austriaci Schwarz e Haaser. Rossocrociati senza acuti
01.11.2021 - 16:19
Aggiornamento: 16:51

‘Necessario un passo avanti. E dobbiamo chiudere prima i match’

Alla vigilia della sfida diretta di Rapperswil, Diego Kostner torna sul weekend in chiaroscuro dei leventinesi

necessario-un-passo-avanti-e-dobbiamo-chiudere-prima-i-match
L’altoatesino qui alle prese con Romanenghi (Ti-Press)

Questa è un’occasione da non perdere. Archiviato il lungo weekend fruttato due punti – merito del successo all’overtime sul fanalino di coda Ajoie – l’Ambrì Piotta domani va a rendere visita al Rapperswil per quello che si preannuncia uno scontro diretto tra due formazioni a cavallo della linea che separa le prime sei della classe (sinonimo di accesso diretto ai playoff) dalle altre. Con i sangallesi a precedere la truppa di Luca Cereda di quattro lunghezze. La posta in palio alla St. Galler Kantonalbank Arena è insomma di quelle pesanti, anche perché una sconfitta significherebbe perdere contatto con la parte alta della classifica.

Da vendicare c’è poi anche il bruciante 0-3 rimediato nel primo confronto stagionale con i sangallesi, la sera del 21 settembre... «Esatto, anche perché ripensando a quella partita c’è ancora parecchio amaro in bocca per quella sconfitta – racconta Diego Kostner –. Avremmo meritato sicuramente qualcosa in più: il risultato finale non ha rispecchiato l’esatto valore degli equilibri in pista. Eravamo stati battuti al termine di una buona prestazione, fors’anche migliore del nostro avversario... Per cui siamo pronti per questa rivincita, pronti per andare a dar filo da torcere al Rapperswil con la speranza che stavolta l’esito finale dia ragione a noi». Frattanto, anche la vittoria al supplementare di sabato a spese dell’Ajoie qualche retrogusto amaro ce l’ha comunque per i biancoblù. Soprattutto per quanto mostrato in particolare nel primo e nel secondo tempo dai leventinesi. «Beh, sabato abbiamo buttato via un punto – si rammarica il numero 22 dell’Ambrì Piotta –. Nei primi quaranta minuti ci siamo costruiti un buon numero di occasioni, che sarebbero state sufficienti per chiudere anzitempo la partita, evitando che i nostri avversari prendessero fiducia. Ciò che invece è successo in avvio di terzo tempo: quella rete incassata subito in entrata ha permesso ai giurassiani di riaprire un confronto che noi avremmo dovuto archiviare ben prima. Peccato, anche perché alla luce dei fatti sicuramente avremmo meritato quel punto in più. Dovevamo buttare dentro il disco prima; dobbiamo essere più cattivi e freddi sotto porta, lo dobbiamo fare in partita, ma anche in allenamento».

Chiuso con la citata vittoria oltre il sessantesimo di sabato, il weekend dell’Ambrì Piotta si era aperto con la sconfitta (2-0) sul ghiaccio dello Zugo: al di là del risultato, cosa hanno mostrato queste due partite? «Globalmente penso che possiamo e dobbiamo fare un passo avanti. Venerdì non avevamo iniziato benissimo la partita: è solo negli ultimi venti minuti che siamo stati in grado di giocare sui nostri livelli. Ma a quel punto era troppo tardi per sperare di ribaltare il risultato. Contro l’Ajoie, sabato, abbiamo invece fatto quasi il contrario, con due tempi, quelli iniziali giocati bene, e un terzo periodo in cui abbiamo invece un po’ abbassato il ritmo. Questa è una lezione che dovremo tener presente per il futuro: dovremo riuscire a essere costanti sull’arco di tutti i sessanta minuti, cercando di chiudere prima le partite quando ci si presenta l’opportunità di farlo». All’appello, pensando allo scorso weekend, mancano di più i tre punti lasciati sul ghiaccio a Zugo o quello perso contro l’Ajoie sabato? «È difficile da dire. Ovviamente noi ogni partita l’affrontiamo con l’intento di prendere il massimo della posta, e in passato siamo stati in grado di farlo anche su piste ostiche come quella di Zugo. Se mettiamo su un piatto della bilancia la sfida di venerdì e sull’altro quella di sabato, forse a bruciare un po’ di più è il punto non fatto contro l’Ajoie, non foss’altro per il fatto che eravamo stati anche in vantaggio 2-1 e che subito dopo le opportunità per incrementare ulteriormente il nostro margine le avevamo avute». Ciò che ancora manca all’Ambrì Piotta, a ben guardare, è l’apporto degli stranieri: ancora troppo discostante. L’ultimo esempio in ordine di tempo, appunto, sabato, con le tre reti (e i relativi assist, fatta eccezione per quello in seconda sul 3-2 di Bürgler, propiziato da Hietanen) tutte con il... passaporto svizzero: «Anche se il loro nome non figura con regolarità fra i realizzatori di questo o quell’incontro, gli stranieri stanno aiutando parecchio la squadra. A volte è anche questione di fortuna, quella che ad esempio sabato non è stata dalla loro parte. Sono comunque persuaso che una volta ritrovata la via del gol pure per loro, poi tutto sarà più facile». Basterà una prestazione come quella di sabato per piegare il Rapperswil o occorrerà un ulteriore salto di qualità? «Vogliamo e dobbiamo fare un ulteriore step avanti».

A ingrigire ulteriormente il quadro del weekend c’è poi la defezione di Fora, costretto a gettare la spugna nel corso del terzo tempo della sfida con l’Ajoie per problemi a una spalla. E a Rapperswil, Cereda dovà fare a meno pure di Grassi, squalificato per un turno per un intervento scorretto ai danni di Devos nel secondo tempo della partita contro i giurassiani. Intervento per il quale l’attaccante numero 21 dei leventinesi dovrà pure pagare una multa di 1’500 franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved