MUSETTI L. (ITA)
2
TSITSIPAS S. (GRE)
1
4 set
(7-5 : 6-4 : 2-6 : 0-0)
PAQUET C. (FRA)
1
SABALENKA A. (BLR)
2
fine
(6-2 : 3-6 : 4-6)
Canada
7
Francia
1
fine
(2-0 : 2-0 : 3-1)
hudacek-show-ma-decide-pesonen-fadani-andava-aiutato
Il tiro di Pesonen che tutto decide. ‘Quel 2-0 in avvio avremmo dovuto portarlo alla pausa’ (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 ora

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
2 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
4 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
4 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
4 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
5 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
5 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
5 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
5 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
5 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
laR
 
23.10.2021 - 00:08

Hudacek show, ma decide Pesonen. ‘Fadani andava aiutato’

Il Lugano torna da Langnau con un punto, dopo una rimonta nell‘ultimo minuto e un prolungamento trascorso nel terzo bernese. Chiesa: ’Sono 2 punti persi’

di Valdo Baumer
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Langnau – Di venerdì, alla Ilfis succede di tutto: con il Lugano che trova il doppio vantaggio in meno di cinque minuti, per poi ritrovarsi sotto di due reti a un minuto dalla fine, capace tuttavia di agguantare il prolungamento grazie alla doppietta di Hudacek, andando poi più volte vicino alla vittoria nell’appendice a 3 contro 3, prima di venir punito da Pesonen. In una serata condita da undici reti, ma anche qualche errore di troppo.

Per la trasferta a Langnau McSorley perde anche Riva e Fatton, mentre rientra Morini. In porta c’è Fadani, con in qualità di sua riserva il giovanissimo Gabriel Crivelli, classe 2003. Il Lugano parte a tutta e si porta sul 2-0 già dopo soli quattro minuti. Thürkauf realizza in powerplay sfruttando un disco messo in mezzo da Blaser, poi lancia Fazzini che al volo serve Josephs per il bellissimo secondo gol. Il Langnau si rifà sotto al 13’ grazie a Schmutz, più rapido di Hudacek a raccogliere il rebound sul tiro di Grenier in contropiede. Anche il pareggio, al 18’, arriva in contropiede, ma è un autogol dello sfortunato Müller, che devia un centro di Pesonen per Olofsson: la grande colpa dei bianconeri è farsi trovare scoperti dopo un ingaggio in attacco in inferiorità numerica, quella di Fadani invece è lasciar passare il tiro dalla distanza di Huguenin per il 3-2 al 19’47”.

Nel secondo tempo il Lugano tira di più (18 volte), ma inizialmente lo fa con poca pericolosità. A segnare è così Olofsson, al 29’, dopo un mancato di controllo di Fadani. Per riportarsi a -1 il Lugano deve aspettare una superiorità numerica e addirittura tre i pali: sui primi due tentativi di Fazzini il disco rimbalza fuori, mentre sul terzo, di Josephs, al 36’48”, si insacca alle spalle di Mayer. Il problema per i ticinesi è che anche Huguenin firma poi una doppietta, in superiorità, a due soli decimi dal quarantesimo.

Nel terzo tempo il Langnau deve impegnarsi soltanto per superare un’inferiorità numerica, mentre per il resto del tempo si accontenta di liberare il disco in liberazione vietata. L’hockey però è sport imprevedibile, e non meno imprevedibili sono le due prepotenti conclusioni di Hudacek che nell’ultimo minuto segna due volte (la prima in sei contro quattro, la seconda in sei contro cinque) e porta tutti al prolungamento. Dove il Lugano passa praticamente tre minuti nel terzo dei giallorossi (con Arcobello che fallisce una ghiottissima occasione), prima del gol partita di Pesonen su una ripartenza, al 62’56’’.

«Abbiamo creato molto nel secondo e nel terzo tempo, per cui trovo che questi siano più due punti persi – dice Alessandro Chiesa –. Abbiamo però anche commesso errori. Per esempio abbiamo aiutato troppo poco Fadani, che secondo me ha disputato un’ottima partita, lasciando troppo traffico davanti a lui».

Molto meglio la situazione nello slot avversario: «Noi non molliamo mai, fino alla fine: l’allenatore vuole che giochiamo aggressivi, cercando il gol anche in box-play e grazie a questa attitudine abbiamo ottenuto questo punto. Hudacek poi con quattro reti in due partite ha avuto un grande inizio e potrà darci una grande mano. Pure il gioco in superiorità numerica, grazie anche ai diversi ritorni, sta crescendo».

In una partita passata a rincorrersi a vicenda la differenza l’hanno fatta gli uomini di maggior classe dei padroni di casa, come Olofsson (un gol e tre assist) e Pesonen: «Sapevamo che loro hanno ottimi stranieri e un ottimo power-play. Ancor più con i diversi rientri, avremmo però dovuto portare il 2-0 alla prima pausa, invece abbiamo preso gol come il terzo da evitare. E sul quinto gol quel disco non doveva nemmeno arrivare sulla porta».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved