BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
4
WAS Capitals
4
3. tempo
(1-2 : 0-2 : 3-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
3. tempo
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
3
ARI Coyotes
1
2. tempo
(1-1 : 2-0)
NAS Predators
3
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
STL Blues
2
TB Lightning
3
2. tempo
(0-3 : 2-0)
DAL Stars
1
CAR Hurricanes
0
1. tempo
(1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
4
WAS Capitals
4
3. tempo
(1-2 : 0-2 : 3-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
3. tempo
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
3
ARI Coyotes
1
2. tempo
(1-1 : 2-0)
NAS Predators
3
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
STL Blues
2
TB Lightning
3
2. tempo
(0-3 : 2-0)
DAL Stars
1
CAR Hurricanes
0
1. tempo
(1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
il-sollievo-di-cereda-ho-detto-ai-ragazzi-di-non-panicare
La gioia di McMillan, dopo il pareggio che ha rilanciato l’Ambrì (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6448
2
LHC Bombers
6055
3
HC Aspi Capitals
6049
4
Maxim la biere
5933
5
25 Francs trop cher
5914
6
Iselis Punktebuebe
5796
7
TrigoAce2
5795
8
Pastelitos de Guayaba
5782
9
Metallurg Bangitonov
5728
10
SPARTAK JACK
5705
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
3 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
5 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
5 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
8 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
8 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
8 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
8 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
9 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
12 ore

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
18 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
DOPOPARTITA
 
16.10.2021 - 00:010

Il sollievo di Cereda. ‘Ho detto ai ragazzi di non panicare’

Nel terzo derby l‘Ambrì ritrova il successo. ‘Lo dovevamo ai nostri tifosi’. Mentre il Lugano vuol correggere il tiro. ’Dischi profondi e più precisi’

Ambrì – Stavolta nei corridoi che portano allo spogliatoio dell’Ambrì ci sono sì delle grida, ma sono grida di gioia. «Dovevamo vincere. Lo dovevamo ai nostri tifosi, dopo otto derby persi di fila – dice, entusiasta, il difensore biancoblù Tobias Fohrler –. Quando il Lugano ha sbloccato il risultato, e per me quello è stato un gol fortunato, noi non ci siamo lasciati andare. Anzi, siamo tornati subito in pista con la voglia di spingere ancora di più. Sapevamo che a cinque contro cinque, grazie al nostro buon forechecking, avevamo noi il pallino del gioco».

Forechecking che ha messo in difficoltà il Lugano in fase di costruzione. «Siamo andati a cercarli, eravamo molto vicini a loro nel momento della partenza dell’azione e questo li ha indubbiamente disturbati. Abbiamo anche finito bene la partita, e stasera contro il Berna vogliamo riprendere esattamente dal punto in cui abbiamo lasciato nel derby».

Se c’è stato un momento decisivo, per Inti Pestoni quello è stato l’istante in cui il Lugano ha segnato il primo gol. «La loro rete è stata come una sveglia per noi – commenta il topscorer biancoblù –. Abbiamo spinto, non abbiamo concesso molto al Lugano e siamo stati in generale molto attenti. A parte forse nel secondo tempo, in cui siamo troppo fermi, e abbiamo troppo creato poco».

Stavolta, anche Luca Cereda può dirsi contento. «È stata una bella battaglia – commenta il coach dell’Ambrì –. Dopo il secondo tempo siamo stati bravi, e abbiamo avuto la prontezza di rispondere subito al loro gol. Sappiamo qual è la loro tattica contro di noi, cioè quella di spezza il ritmo: e quando McSorley ha chiamato il timeout nel finale, alla squadra io ho detto che non era il momento di panicare, ma che invece bisognava continuare a lavorare nello stesso modo di prima. Il Berna? Mi aspetto che sarà un’altra battaglia. So che c’è poco tempo ma dobbiamo ricaricare le batterie ed essere pronti a soffrire».

’Non vinci molte partite, se non segni a cinque contro cinque’

C’è invece delusione, e non potrebbe essere altrimenti, sul fronte bianconero. Ma se Chris McSorley è deluso, lo è soltanto per il risultato. «Non, invece, per gli sforzi che la squadra ha fatto – commenta, a caldo, il tecnico canadese del Lugano –. Questa era la sera dell’Ambrì, che credo che abbia vinto con merito, perché noi non siamo stati in grado di capitalizzare le occasioni che abbiamo avuto a cinque contro cinque, e se non ci riesci, be’, non puoi vincere molte partite. Non solo: loro a cinque contro cinque hanno creato anche di più».

Segnando il gol partita nel cosiddetto ‘money time’. Con Michael Fora che è riuscito ancora a tirare, dopo aver già messo il puck sulla porta, infilandosi tra tre giocatori bianconeri. «Capisco che spesso ci si focalizza sul gol decisivo, perché, appunto, è quello che ha segnato le sorti della partita, ed è indubbiamente vero che avremmo dovuto proteggere meglio il nostro portiere – spiega il difensore Alessandro Chiesa –. Però, in generale mi dico che sull’arco di tutti i sessanta minuti avremmo dovuto mettere maggiormente pressione sulla loro porta. Quindi mi dico che l’Ambrì in generale ha lavorato meglio di noi davanti alle due porte».

In una partita cominciata al piccolo trotto e che si è animata cammin facendo, fino a offrire emozioni vere nel finale. «Il punto è che non siamo entrati subito in partita, e all’inizio abbiamo faticato – commenta, invece, Elia Riva –. Poi, sì, è vero, c’erano dei dischi che non arrivavano, oppure altri che dovevano andare profondi e invece non andavano».

E quando i dischi non arrivano, poi è difficile costruire gioco. «La verità è che sappiamo cosa dobbiamo fare, e avremmo dovuto metterlo in pratica sin dall’inizio – conclude il numero 37 –. Ed è vero che stiamo giocando tantissimo, ma non dev’essere una scusa: dobbiamo soffermarci su questo aspetto e lo faremo già per stasera, quando ci aspetta una nuova sfida».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved