WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
PHI Flyers
04:00
 
WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
PHI Flyers
04:00
 
il-lugano-in-viaggio-con-due-stranieri-proprio-come-nel-2009
Ti-Press/Gianinazzi
Thürkauf sarà della trasferta, Josephs invece no. ‘Peccato perché s’era sbloccato’
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
4129
2
Iselis Punktebuebe
4037
3
Maxim la biere
4028
4
Pastelitos de Guayaba
3963
5
TrigoAce2
3945
6
SPARTAK JACK
3891
7
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
3877
8
HC Aspi Capitals
3867
9
Metallurg Bangitonov
3861
10
Chochyeta Berson
3859
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
7 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
7 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
8 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
9 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
12 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
12 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
15 ore

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
15 ore

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
16 ore

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Gallery
Calcio
22 ore

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’
Hockey
1 gior

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’
HOCKEY
 
23.09.2021 - 18:060
Aggiornamento : 18:31

Il Lugano in viaggio con due stranieri. Proprio come nel 2009

Senza Carr né Josephs i bianconeri andranno all’Hallenstadion per ripetersi. Thürkauf: ‘Miglioriamo a ogni uscita. Serve solo più cattiveria sotto porta’

Lugano – Dopo la sofferta, ma meritata, vittoria di martedì contro i campioni svizzeri dello Zugo, i bianconeri domani sono attesi allo scontro con un altro peso massimo del campionato. Una sfida, quella dell’Hallenstadion, che Chris McSorley e i suoi uomini saranno chiamati ad affrontare senza Troy Josephs, colpito l’altra sera da un tiro d’un compagno che gli ha procurato la frattura del malleolo della caviglia destra, infortunio che lo costringerà a star fuori per quattro o sei settimane. Quanto a Daniel Carr, reduce da una commozione cerebrale, difficilmente potrà venir impiegato prima della trasferta di martedì a Friborgo (pur se il coach bianconero lascia aperto uno spiraglio), quindi a Zurigo è prevedibile che il Lugano scenderà in pista con due soli stranieri. Ciò che, tra l’altro, piccola curiosità, gli era già capitato la sera di venerdì 2 gennaio 2009, quando i bianconeri scesero sul ghiaccio dell’Hallenstadion con i soli Petteri Nummelin e Patrick Thoresen, dopo che John Slettvoll di ritorno dalla Spengler rinunciò volutamente a schierare Randy Robitaille, Hnat Domenichelli e John Pohl, per motivi disciplinari. Tuttavia, ciò non impedì ai ticinesi di espugnare Zurigo per 5 reti a 2.

Quella, però, è storia. E se ci si basa sull’ultimo allenamento – in cui, tra l’altro, Carr è tornato anticipatamente negli spogliatoi dopo aver lavorato in maglia rossa, mentre invece Romain Loeffel ha portato a termine la sessione – sarà il ticinese Loïc Vedova a prendere il posto di Josephs al fianco di Alessio Bertaggia e di un Calvin Thürkauf che nelle sue prime uscite in bianconero ha già totalizzato tre gol e un assist. «Direi che nelle ultime due uscite abbiamo applicato il sistema così come lo vuole Chris McSorley – spiega il ventiquattrenne attaccante formatosi nello Zugo –. Abbiamo avuto bisogno d’un paio di partite, però adesso miglioriamo a ogni uscita. Dopo la sconfitta interna con il Langnau, nel team meeting subito dopo la partita McSorley ha saputo trovare le parole giuste, anche se avevamo capito da soli che qualcosa non andava, e che stava a noi darci una mossa per tornare al successo».

Dopo lo Zugo ecco lo Zurigo, un altro ‘top team’. «È ulteriore verifica per sapere se siamo al livello delle squadre migliori della Lega. La vittoria contro lo Zugo è stata importante per la fiducia ma anche per tornare a festeggiare davanti al nostro pubblico dopo due sconfitte – continua Thürkauf –. Adesso guardiamo avanti, sperando di continuare questa serie positiva. È importante che nelle ultime due partite si siano sbloccati giocatori come Troy Josephs, che però purtroppo adesso ci mancherà, Alessio Bertaggia e Mikkel Boedker. Reti importanti non solo per la loro fiducia personale ma anche di tutta la squadra: diventiamo meno prevedibili per gli avversari se non segna solo il primo blocco. Nelle ultime partite abbiamo creato tanto, ora dobbiamo solo essere più cattivi sotto porta».

Alla vigilia della trasferta a Zurigo, Chris McSorley non nasconde il suo ottimismo. «Oggi in allenamento ho visto tanta energia in pista. Prima di scendere sul ghiaccio abbiamo mostrato un video negli spogliatoi, per far vedere ai giocatori i loro progressi: contro lo Zugo abbiamo vinto una partita a scacchi, e possiamo essere fieri di questo, però nello sport conta solo la prossima partita in cui affronteremo un’altra squadra di titani. Lo Zsc può ‘ucciderti’ in mille modi, e se pensiamo di vincere la partita passando la serata sulla panchina dei penalizzati moriremo di sicuro. A cinque contro cinque, invece, possiamo battere chiunque. Quindi restiamo tutti molto disciplinati, coach inclusi».

Quell’ottimismo deriva anche dalle certezze che i bianconeri hanno in retrovia. «Niklas Schlegel fino ad ora è stato fantastico – conclude McSorley –, ma possiamo pure contare su un bonus di cui nessuno tra voi giornalisti s’è accorto: Fadani e Fatton sono altri due giovani e validi portieri, quindi abbiamo il lusso di poter scegliere chi schierare in porta e questo vantaggio non l’hanno tante squadre. E come abbiamo visto, nelle ultime uscite il nostro miglior giocatore è sempre stato il portiere».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved