a-lugano-e-un-secondo-venerdi-senza-punti
Elien Paupe dice no a un tentativo di Alessio Bertaggia (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
Pechino 2022
16 min

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capo missione a Pechino Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
2 ore

Il Verbano vince in trasferta e agguanta i playoff

La compagine locarnese si è imposta 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt conquistando la certezza di disputare la fase decisiva della stagione
tennis
2 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
3 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
19 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
19 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
21 ore

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
22 ore

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
22 ore

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
23 ore

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
23 ore

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
SKICROSS
23 ore

Doppietta per Ryan Regez a Idre Fjäll

Nella tappa svedese di Coppa del mondo, il bernese si è imposto in entrambe le prove disputate. Assente Smith, la migliore elvetica è stata Sanna Lüdi
Sci
1 gior

A Cortina podio di Gisin, male Gut-Behrami, malissimo Goggia

La ticinese lontana (13esima) anche nel superG vinto dall’italiana Curtoni, con l’obvaldese ottima terza. Caduta e Olimpiadi a rischio per la bergamasca
FREESTYLE
1 gior

Ragettli ad Aspen si mette l’oro al collo

Solo settimo nel Big Air, il grigionese dimentica subito la delusione centrando il successo nello slopestyle agli X-Games in Colorado
17.09.2021 - 22:100

A Lugano è un secondo venerdì senza punti

Un Bienne sempre imbattuto in campionato espugna la Cornèr Arena, soprattutto grazie ai tre gol (e un assist) firmati da uno spietato Damien Brunner

Ancora un venerdì a secco, dopo quello con il Langnau. Per un Lugano che torna in pista senza Carr, costretto nuovamente a star fuori (per quanto non si sa) a causa stavolta di una commozione cerebrale, e dopo la vendemmiata nel Giura deve fare i conti con un Bienne ancora imbattuto in stagione, che però arriva alla Cornèr Arena a sua volta senza gente di peso come l‘infortunato Gaëtan Haas e lo squalificato Viktor Lööv. Il Bienne, però, sia ben chiaro, non è l’Ajoie. E nonostante sin dall’inizio ci provino, i bianconeri vanno a sbattere addosso a una difesa bernese diretta nell’occasione da Elien Paupe, e che tra i due portieri è senz’altro quello che ha maggiormente da lavorare. Poi, però, basta un disco recuperato da Cunti, e un liberissimo Damien Brunner dimenticato da tutti a centroghiaccio si presenta davanti a Schlegel, segnando lo 0-1 al 3’, alla prima opportunità. Ci vorrà del tempo, prima di vedere il Lugano cancellare quel vantaggio. Succederà a due minuti e mezzo dalla prima sirena, negli ultimi scampoli della penalità di partita inflitta al giovanissimo centro della prima linea Elvis Schläpfer, dopo un vigliacco colpo con la punta del bastone.

Quel pareggio di Fazzini al 17’33’’ ha il merito di lanciare definitivamente una partita in cui non c’è neppure il tempo per annoiarsi. Con il Bienne trascinato dallo scatenato Brunner che fa l’andatura, ma un Lugano che durante il periodo centrale si fa senz’altro preferire risponde colpo su colpo. Così si va alla seconda pausa sul 3-3, anche se le reti bianconere sarebbero anche potute essere quattro: gli arbitri tuttavia non possono certo convalidare il provvisorio 3-2 di Fazzini al 29’22’’ (in verità, si sarebbe comunque trattato di un autogol col pattino di Noah Delémont), siccome al momento in cui il disco finisce in rete nell’area di porta ospite si trovano ben due bianconeri, cioè Riva e Stoffel.

Quando si riprende a giocare nel terzo tempo, però, la storia si ripete: è di nuovo il Bienne a segnare per primo, dopo un clamoroso scivolone di Elia Riva dietro la porta di Schlegel, al 3‘05’’, con Hofer che può servire a Kohler il più comodo degli assist. È un‘altra, improvvisa doccia fredda per i ticinesi, costretti a dover spingere ancora, con il rischio però di aprirsi ai contropiede di un Bienne che quando si trova in soprannumero davanti allo slot praticamente non sbaglia un colpo. Ciò che capita, infatti, pure al 51’11’’: Yakovenko salva sulla blu un disco che pareva destinato a uscire dal terzo, e il lancio del russo trova il solito Brunner e Mike Künzle oltre i difensori davanti al povero Schlegel, che non può evitare di incassare il quinto gol. A quel punto, il Lugano non ha scelta: deve tentare il tutto per tutto. Uno dei primi tentativi – il gran tiro dalla distanza di Alatalo – si stampa sulla trasversa, poi il Bienne prova a congelare il gioco. A 1’18’’ dal termine, poi, McSorley prova a togliere il portiere, ma il gioco rimane lontano da Paupe e così è ben presto costretto a rimetterlo, con gli ospiti che riescono così a difendere senza troppi problemi i due gol di vantaggio.

Lugano - Bienne (1-1 2-2 0-2) 3-5
Reti: 2’23’’ Brunner (Cunti) 0-1. 17’33’’ Fazzini (Arcobello, Alatalo/esp. Schläpfer) 1-1. 20’36’’ Brunner (Cunti) 1-2. 25’51’’ Fazzini (Arcobello, Nodari) 2-2. 33’22’’ Brunner (Rathgeb) 2-3. 37’36’’ Müller (Josephs, Bertaggia) 3-3. 43’05’’ Kohler (Hofer) 3-4. 51’11’’ Künzle (Brunner) 3-5.
Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Wolf; Nodari; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Morini, Herburger, Boedker; Tschumi, Walker, Traber; Vedova.
Bienne: Paupe; Rathgeb, Forster; Schneeberger, Yakovenko; Stämpfli, Grossmann; Delémont; Hischier, Schläpfer, Rajala; Hügli, Sallinen, Hofer; Künzle, Cunti, Brunner; Kohler, Froidevaux, Kessler; Karaffa.
Arbitri: Stricker, Mollard; Schlegel, Progin.
Note: 4’856 spettatori. Penalità: 1 x 2’ contro il Lugano; 1 x 2’ + 1 x 5‘ e penalità disciplinare di partita (Schläpfer, al 12’48’’) contro il Bienne. Tiri in porta: 47-30 (15-7, 23-19, 6-4). Lugano privo di Carr, Haussener (infortunati) e Guerra (in soprannumero); Bienne senza Lööv (squalificato), Haas, Fey e Tanner (infortunati). Al 29’22’’ rete annullata a Fazzini (invasione di area di porta). Al 52’50’’ traversa colpita da Alatalo. Al 58‘18’’ timeout chiesto da Lugano, che gioca senza portiere fino al 58’48’’ e poi dal 59’40’’ al 60’. Premiati quali migliori in pista Luca Fazzini e Damien Brunner.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved