lugano-a-porrentruy-una-passeggiata-salutare
Matteo Romanenghi cerca di controllare Bertaggia e Thürkauf davanti a Wolf (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Robin.B
1286
2
Wiedi-s
1266
3
Microsoft Excel
1249
4
D17-Team
1246
5
Patanouk et Gersiflet
1244
6
HC Contone
1220
7
EHCB
1198
8
Lokomotive Zug
1184
9
HC Yvonand
1183
10
Tininipoui
1179
ULTIME NOTIZIE Sport
Nhl
1 ora

Merzlikins prolunga per 5 anni con Columbus

Il portiere lettone con licenza svizzera, ex degli Juniores dell’Hcl, gioca in Ohio da due anni
Swimrun
4 ore

Per Sabina Rapelli un argento mondiale che vale oro

Ötillö: la ticinese e Alexis Charrier secondi con un tempo più basso dei vincitori 2019. “Felicissimi così: al primo tratto a nuoto pensavo fosse finita”
Hockey
12 ore

A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti

Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia
Hockey
12 ore

Il secondo tempo condanna l’Ambrì Piotta

Terza sconfitta filata per i biancoblù, che contro il Rapperswil pagano il crollo nel periodo centrale
Gallery
Motociclismo
12 ore

‘Siamo riusciti a tenere il passo dei team ufficiali’

Il secondo posto al Bol d’Or lancia il finale di stagione del team Moto Ain di Roby Rolfo
Calcio femminile
12 ore

Tutto facile per la Svizzera in Moldavia

Le ragazze di Nils Nielsen si sono imposte 6-0 sulle padrone di casa nel secondo match delle qualificazioni ai Mondiali del 2023, confermando il primato
Calcio
16 ore

Razzismo: multa e partita a porte chiuse per l’Ungheria

La Fifa sanziona la federazione ‘per il comportamento di buona parte dei tifosi’ nel match di qualificazione ai Mondiali contro l’Inghilterra
Calcio
19 ore

Quattro giovani ticinesi convocate con le Nazionali

Paulina Stanic, Melissa Rondalli e Alyssa Keller chiamate per un campo di allenamento con la U15 a Tenero, Melissa Colombo con la U16 a Briga
Hockey
19 ore

Lo Zugo si tiene stretto il ticinese Dario Simion

L’attaccante ha prolungato di tre anni il contratto che lo lega alla squadra con cui, la stagione scorsa, ha vinto il titolo svizzero
Calcio
19 ore

Dalla Cambogia mire principesche sul Saint-Etienne

Il principe Norodom Ravichak, figlio del fratellastro dell’attuale re, si è detto intenzionato a rilevare il club che versa in difficoltà finanziarie da anni
Hockey
14.09.2021 - 21:590
Aggiornamento : 22:18

Lugano, a Porrentruy una passeggiata salutare

I bianconeri cancellano il venerdì nero con il Langnau rifilando ben sette reti a un Ajoie che pare dover ancora prendere le misure alla sua nuova realtà

Pronti, via, ed è subito Lugano. Nella sera in cui i bianconeri ritrovano il canadese Daniel Carr, fresco di rientro in prima linea (a fianco di Arcobello e Fazzini) dopo la botta al costato rimediata in Champions. E il ventinovenne attaccante nato alla periferia di Edmonton ci mette subito lo zampino, dando il la all’azione più bella del primo tempo, conclusa in gol sull’asse Fazzini-Alatalo al 15’18’’. A quel punto, il Lugano era però già avanti di due reti, quelle firmate da Morini al 4’ e da Thürkauf al minuto numero 11 di un primo periodo in cui l’Ajoie, alla sua seconda uscita nella massima serie, quando il disco finisce nel proprio terzo dimostra di soffrire, e parecchio.

Le cose non mutano certo nel secondo periodo. In cui il Lugano continua a sfruttare le sbavature di un avversario che, nonostante alla prima uscita s‘era arreso soltanto di misura al Bienne, sembra non aver ancora preso le misure della sua nuova realtà: lo 0-4 di Fazzini in shorthand (gran conclusione, la sua), qualche istante prima del ritorno di Arcobello dalla panchina dei cattivi, chiude con largo anticipo la contesa. Pur se nell’ultima parte del periodo centrale i ticinesi devono fare i conti con la reazione d’orgoglio dei giurassiani, i quali segnano il gol della bandiera (slap di Joggi dalla sinistra) e poi colpiscono di nuovo i pali (con l’asta di Hazen che fa il paio col palo dell’ex Romanenghi, al 18’), riuscendo a mettere anche in difficoltà una difesa bianconera volutamente in pista senza Samuel Guerra, il quale per l’occasione si ritrova in soprannumero assieme a Loïc Vedova. La verità, però, è che in pista c’è una sola squadra, quella di McSorley, che chiude la serata segnando altre tre reti (quelle Walker e di Loeffel due volte, prima del definitivo 2-7 del giurassiano Frossard, sfuggito a Elia Riva) cancellando così nel più convincente dei modi il venerdì nero con il Langnau.

Ajoie - Lugano (0-3 1-3 1-1) 2-7
Reti: 3’47’’ Morini (Boedker, Herburger) 0-1. 10’34’’ Thürkauf 0-2. 15’18’’ Alatalo (Fazzini, Carr) 0-3. 22’44’’ Fazzini (esp. Arcobello!) 0-4. 33’48’’ Walker (Traber) 0-5. 36’30’’ Joggi (Hauert) 1-5. 38’43’’ Loeffel (Boedker, Herburger) 1-6. 41’21’’ Loeffel 1-7. 53’46’’ Frossard (Frei, Rouiller) 2-7.
Ajoie: Tim Wolf; Leduc, Eigenmann; Rouiller, Hauert; Birbaum, Helfer; Pouilly; Hazen, Devos, Asselin; Huber, Frossard, Joggi; Rohrbach, Romanenghi, Schmutz; Frei, Ness, Bogdanoff; Schnegg
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Loeffel, Müller; Nodari, Bernd Wolf; Chiesa; Fazzini, Arcobello, Carr; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Traber, Tschumi, Stoffel; Walker
Arbitri: Tscherrig, Hungerbühler; Kehrli, Thomas Wolf
Note: 2’843 spettatori. Penalità: 1 x 2’ contro l’Ajoie; 5 x 2’ contro il Lugano. Tiri: 27-39 (6-13, 13-15, 8-11). Ajoie senza Macquat, Gfeller (infortunati) e Heughebaert (motivi personali); Lugano privo di Haussener (infortunato), Guerra e Vedova (in soprannumero). Pali: 17’15’’ Romanenghi, 37’51’’ Hazen (traversa), 49’30’’ Leduc. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Jonathan Hazen e Romain Loeffel.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved