BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
stadio-multifunzionale-2-all-alba-biancoblu
Sabato il battesimo (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
8798
2
Maxim la biere
8736
3
25 Francs trop cher
8319
4
Iselis Punktebuebe
8127
5
TrigoAce2
8117
6
BalaBala
8036
7
Wild Hogs
7977
8
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
7950
9
ADTC
7880
10
HC Aspi Capitals
7876
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
50 min

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tableau maschile o femminile a Melbourne
Tennis
1 ora

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
11 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
16 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
16 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
17 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
17 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
17 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
18 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
18 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
18 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
19 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
1 gior

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
1 gior

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
1 gior

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
1 gior

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
1 gior

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
1 gior

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
1 gior

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
1 gior

‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’

Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
Automobilismo
1 gior

Quarto posto per Marciello nella prima gara del 2022

Nella 24 ore di Dubai il podio sfuma a pochi minuti dal termine per il pilota ticinese, che ha gareggiato con l’Haupt Racing Team
Altri sport
1 gior

Pechino 2022, il comitato annulla la vendita dei biglietti

Alle Olimpiadi invernali solo gli invitati potranno seguire le gare e le prove. La misura come parte della stretta sui controlli contro il Covid e Omicron
Tennis
1 gior

A Melbourne Bencic parte bene e assicura: ‘Sto sempre meglio’

La 24enne sangallese, colpita dal coronavirus prima di Natale, nel primo turno ha superato in due set la francese Mladenovic. Avanti anche Jil Teichmann.
Tennis
1 gior

Djokovic, atto finale: è arrivato a Belgrado

Dopo lo scalo nella notte, il tennista serbo è rientrato nella capitale serba accolto da numerosi sostenitori
Tennis
1 gior

Anche al Roland Garros solo tennisti vaccinati

Si complica la posizione di Novak Djokovic. La Francia richiede il pass a tutti gli atleti che giungono dall’estero per competizioni di vario genere
Hockey
 
09.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:13

Stadio Multifunzionale, -2 all’alba biancoblù

Il direttore generale Nicola Mona parla della nuova ‘casa’ dell'Ambrì. ‘È stata una bella sfida’.

Meno due. Il conto alla rovescia è quasi finito: dopodomani è il grande giorno. Quello in cui i giocatori dell'Ambrì Piotta terranno a battesimo ufficiale la loro nuova 'casa' affrontando il Friborgo nella loro seconda sfida stagionale, la prima davanti al pubblico amico. Sì, davanti al pubblico – 6'775 fortunati che avranno vinto la loro corsa al biglietto perché è quasi scontato che allo Stadio Multifunzionale si giocherà davanti al tutto esaurito – che per la prima volta dopo mesi di assenza, tornerà a varcare in forma massiccia le porte di uno stadio per una partita di campionato.

Oggi, intanto è il giorno del trasloco ufficiale della prima squadra, che, smobilitato il campo-base di Biasca, prende possesso del suo nuovo spogliatoio. Per gli uffici, invece, ci vorrà ancora un po'. «Il mio? Verosimilmente sarà completato per ottobre», precisa il direttore generale dei biancoblù Nicola Mona. Che poi si sofferma sulle caratteristiche della nuova 'casa' dei leventinesi: «È davvero un bell’impianto. Se sono contento? È un aggettivo quasi insufficiente per descrivere come mi sento. I sentimenti che provo in questo momento sono un misto tra eccitazione e stupore. A cui aggiungerei pure un pizzico di sollievo: anche se non è ancora il momento di rilassarsi del tutto, perché il cantiere è tutt’altro che finito». Un’idea su quella che sarà la tempistica per i lavori che seguiranno? «Tutto dipende dal grado di dettaglio che si vuole andare con le rifiniture. Il grosso dei lavori rimanenti dell’impianto, ad ogni buon conto, sarà completato e operativo entro fine mese».


Il direttore generale biancoblù

Un bel sospiro di sollievo, in ogni caso buon conto, Mona lo potrà tirare già sabato, quando sul ghiaccio andrà in scena la prima casalinga dei biancoblù contro il Friborgo: «Lo tireremo, io e tutti gli attori che hanno partecipato alla realizzazione pratica di questo progetto, solo alla fine della partita: il prima e il durante non fatico a immaginare che sarà ancora piuttosto stressante per tutti. Non avendo avuto il ‘lusso’ di poter collaudare lo stadio con altre partite, portandolo a regime con una pianificazione in crescendo, quello sarà una sorta di battesimo in presa diretta».

Un battesimo per una struttura che, però, un nome ‘vero’ non ce l’ha ancora: a che punto è la ricerca del ‘naming’ dello stadio? «Ci stiamo lavorando: ci sono delle trattative in corso, sulle quali è prematuro esprimermi. La mia speranza è che si possa annunciare qualcosa in tempi brevi».

Col senno di poi, non sarebbe forse stato meglio prendersi più tempo iniziando la stagione magari con diverse partite fuori casa, come fatto ad esempio da altri club in passato? «Certe scelte di pianificazione di calendario vanno fatte con tantissimi mesi di anticipo, e in quel momento non c’erano segnali di ritardi o comunque di incognite legate alla tempistica: niente lasciava appunto intendere che non saremmo stati pronti per la nostra prima partita casalinga come da pianificazione abituale. C’erano anzi buoni margini di sicurezza per compensare eventuali ritardi dovuti a qualche imprevisto, margini che al tirar delle somme abbiamo impiegato fino in fondo, senza per questo sforare da quello che era il nostro termine ultimo».

Dando corpo e forma al nuovo Stadio Multifunzionale, l’Ambrì Piotta (inteso anche e soprattutto come Valascia Immobiliare Sa e tutte le persone che ne hanno reso possibile la nascita) ha compiuto una sorta di miracolo a tinte biancoblù, completando un’opera che ancora all’inizio della passata stagione sembrava un miraggio più che qualcosa di concreto: «Per tutta la durata del cantiere è stato un susseguirsi di alti e bassi, di momenti in cui le certezze sembravano darci un certo conforto e le giuste rassicurazioni, e altri in cui il traguardo sembrava troppo lontano per essere raggiunto nei tempi prestabiliti. Nell’esecuzione pratica dei lavori è capitato più d’una volta di ritrovarci di fronte a determinate problematiche a cui inizialmente non si era pensato, dunque non pianificate e che verosimilmente avrebbero coinvolto un numero significativo di attori del cantiere. Penso a tutti quei servizi trasversali di un’opera di queste dimensioni, come possono essere le questioni legate all’informatica, gli aspetti multimediali, audio, luci… Tutte insomma cose che richiedono l’intervento di singoli specialisti che devono però interagire con tantissimi altri attori». Qual è stato il momento più delicato di tutto questo processo? «Ce ne sono stati diversi, e non fatico a credere che altri ne seguiranno. In questo senso, iniziare subito col tutto esaurito, come si prospetta la partita col Friborgo, sarà una prova molto importante. In queste settimane abbiamo avuto svariati collaudi, diverse prove, anche d’emergenza, prove anche parziali dei sistemi… C’erano molteplici aspetti critici, che hanno messo alla prova un po’ tutto. Quando ad esempio accendi per la prima volta l’impianto elettrico e vedi che tutto funziona, e che il cablaggio è stato fatto a regola d’arte, beh, un bel sospiro lo tiri. E, in questo senso, da un buon mese a questa parte... di sospiri ne ho tirati diversi».

È giusto definirla la sfida più grossa per Nicola Mona nei panni di direttore generale del club? «Non mia ma di tutto il team, a cominciare dal Consiglio d’amministrazione dell’Ambrì Piotta, passando per la Valascia Immobiliare Sa: tutti attori che sono stati molto attivi in tutte le fasi del progetto, prendendo un ruolo molto importante nella sua esecuzione pratica. Noi abbiamo dato sicuramente tanti input e aiutato su tutti i fronti possibili, ma il progetto non è di sicuro mio o di qualche altro singolo: è di tutta la squadra dell’Ambrì, progettisti e maestranze comprese. Il nuovo Stadio Multifunzionale è la perfetta rappresentazione del concetto di gioco di squadra, in cui nessuno conta più degli altri, ma ciascuno ha un ruolo fondamentale per la sua riuscita d’assieme».

‘Mai vendute così tante tessere nella storia della società’

Del prospettato insediamento del centro di allenamento delle Nazionali femminili si è ancora parlato? «È un tema ancora sul tavolo delle discussioni. Lo abbiamo lasciato un po’ in sospeso negli scorsi mesi perché, logicamente, le nostre priorità erano altre. A stadio ultimato potremo sicuramente chinarci su questo argomento, come su altri ancora. Questo è uno Stadio Multifunzionale dall’enorme potenziale (e non solo per eventi sportivi), che deve ancora essere scoperto in tutta la sua interezza».

Orgoglio, però, Nicola Mona lo manifesta anche quando il discorso passa alla campagna abbonamenti: «A oggi (martedì, ndr), abbiamo venduto qualcosa come 4’350 tessere più 150 nelle lounge, per un totale di 4’500 abbonati, con un aumento pari a quasi il cinquanta per cento in più rispetto agli scorsi anni: cifre che nella storia dell’Ambrì Piotta non si sono mai viste. Due stagioni fa, tanto per rendere l’idea del balzo in avanti che abbiamo fatto, le tessere vendute erano state suppergiù tremila». Più di due terzi della capacità del nuovo stadio… «Il ticketing è una dei quattro pilastri su cui si regge, finanziariamente parlando, una società sportiva. L’andamento della campagna abbonamenti ci porta sicuramente in una zona di comfort. Ma anche gli altri pilastri hanno altrettanta importanza. Quello dello sponsoring sta andando bene, anche se si nota una (peraltro comprensibile) certa prudenza da parte dei sostenitori. Ma sono persuaso che non appena questi sponsor ancora indecisi vedranno lo stadio, l’entusiasmo che ci sarà tutt’attorno alla squadra e non da ultimo le possibilità che ci sono in termini di ospitalità, tanti decideranno di manifestarci il loro sostegno. Un altro pilastro è poi dato dai diritti televisivi, che non possiamo influenzare direttamente ma che sono altrettanto importanti per la sopravvivenza economica di un club. Da ultimo c’è tutto ciò che concerne il merchandising, i gruppi di sostegno e altro ancora».

In chiusura, Mona rivolge un appello a tutti i tifosi: «Per accedere a tutto il perimetro dello stadio è obbligatorio il certificato Covid ufficiale valido (quello col codice Qr, per intenderci): senza non si entra. Stiamo studiando una soluzione per offrire test antigenici in collaborazione con alcune farmacie del posto, ma in ogni caso consiglio vivamente a tutti di mettersi in strada per Ambrì solo con il certificato in mano».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved