pronti-per-il-trasloco-nella-nuova-casa
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
Freestyle
3 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
12 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
12 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
14 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
16 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
17 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
19 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
19 ore

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
1 gior

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
1 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
1 gior

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
1 gior

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
1 gior

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
1 gior

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
1 gior

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
1 gior

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
1 gior

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
1 gior

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
1 gior

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
1 gior

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
1 gior

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
2 gior

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Hockey
 
08.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:34

Pronti per il trasloco nella nuova ‘casa’

Il cantiere quasi agli sgoccioli, e sabato si gioca la prima partita casalinga: l'Ambrì è pronto a prendere in consegna il suo gioiellino

«Lo ammetto, io sono una di quelle persone il cui motto è 'finché non vedo, non credo...». Lo dice, riferendosi al nuovo impianto multifunzionale e, soprattutto, nuova 'casa' dell'Ambrì Piotta, coach Luca Cereda. E ora, per l'allenatore dei leventinesi, e per parecchie altre persone come lui, è appunto arrivato il momento di crederci per davvero: il nuovo stadio dei leventinesi è ormai realtà. Il conto alla rovescia è ormai agli sgoccioli: domani è la data ufficiale del trasloco nella nuova pista. E sempre domani il tecnico di Sementina dirigerà il suo primo allenamento sul ghiaccio del nuovissimo impianto.

«Adesso è effettivamente il momento di crederci – racconta lo stesso Cereda in uno degli ultimi tour dello stadio prima di accogliere ufficialmente i giocatori dell'Ambrì Piotta –. È quasi incredibile pensare che quello che appena un paio di anni fa era ancora un progetto, senza nemmeno i necessari crediti per la sua realizzazione, ora è realtà. E incredibile è il fatto che i lavori, almeno quelli indispensabili per poterci giocare già dall'inizio di questo campionato, siano stati portati a termine in tempi utili: è stata un'autentica corsa contro il tempo, una corsa contro il tempo vinta grazie al grande impegno di squadra da parte di tutte le persone che ci hanno lavorato. Forse a chiamarlo miracolo sarebbe eccessivo, ma è sicuramente qualcosa di eccezionale. È qualcosa che, soprattutto, allunga la vita del club, perché con questo impianto la società si è in un certo senso garantita un futuro, altrimenti difficilmente concretizzabile nella Valascia».

Mentre il tecnico biancoblù parla della sua nuova 'casa', tutt'attorno i lavori proseguono senza sosta. Le tribune sono già coperte dai seggiolini che ospiteranno i tifosi, e il ghiaccio è già bell'e pronto e non aspetta di essere solcato dalle lame dei pattini dei giocatori leventinesi. Ma i segni del cantiere tutt'attorno sono ancora evidenti: da fare, prima della prima casalinga (sabato contro il Friborgo) c'è ancora parecchio. «E verosimilmente il cantiere ci accompagnerà ancora per diverso tempo. Nel senso che per la prima partita sarà ultimata tutta la parte indispensabile e quanto possibile delle rifiniture, ma il resto verrà completato cammin facendo. Se l'anno scorso la era la pandemia a imporre flessibilità un po' a tutti, giocatori, tecnici e tifosi, quest'anno sarà lo stadio e le condizioni del suo cantiere a richiederla. Bene o male anche i giocatori si dovranno adattare a situazioni non ancora ottimali. Ma, comunque sia, già ora questo impianto si presenta come un gioiellino. Sarò forse un po' di parte, ma posso dire che è davvero molto bella come pista: devo complimentarmi con tutte le persone che ci hanno lavorato e non da ultimo con chi ci ha creduto fin dall'inizio, e in particolare con Filippo Lombardi e Massimo Frigerio, senza i quali ben difficilmente ora ci troveremmo a questo punto».

Duecento metri quadrati per il fitness

Mentre a mezzo chilometro di distanza la Valascia viveva la sua ultima stagione, sulla piana dell'aeroporto il nuovo centro multifunzionale prendeva sempre più corpo: quante volte l'hai visitato il cantiere nell'ultimo anno? «Inizialmente non molte volte a dire il vero, perché frenato da quella sensazione di disturbare in qualche modo chi vi lavorava. Poi, quando il progetto ha cominciato a prendere un po' più corpo, ci sono stato diverse volte con il resto dello staff, anche perché c'era da perfezionare la disposizione pratica dei locali. In seguito sì, ci sono venuto decisamente più spesso, un po' mosso dalla curiosità di vedere con i miei occhi l'avanzamento dei lavori, e ogni volta che ne varcavo le porte provavo una certa eccitazione, come i bambini al loro primo giorno di scuola, e un po' per capire se ci fosse la necessità di apportare qualche ritocco al progetto iniziale per assecondare le nostre esigenze». Proprio da questi sopralluoghi sono appunto nati diversi adattamenti... in corso d'opera: «Inizialmente era stata prevista ad esempio una sala pesi di soli quaranta metri quadrati. Un po' pochino per poter svolgere un allenamento ottimale. Così ci siamo chinati sul progetto e abbiamo trovato una soluzione migliore: a bocce ferme i metri quadrati del locale destinato ai lavori di forza ne conta ben duecento di metri quadrati (con tanto di due corsie in erba sintetica per gli scatti, ndr)».

Il tour del nuovo impianto prosegue poi per gli spogliatoi. Iniziando da quelli destinati alla squadra ospite: «Per un buon ventennio abbiamo messo a disposizione delle squadre ospiti lo spogliatoio forse meno accogliente dell'intera Lega, ora, in questo stadio, avranno a disposizione quello più attrattivo».

Ed eccoci al 'campo-base' dell'Ambrì Piotta. Illuminato di una luce blu soffusa con tanto di logo societario non più sul pavimento (col rischio di dover pagare il simbolico obolo in caso di calpestamento), bensì appeso al soffitto: «È tutta un'altra cosa rispetto alla Valascia. Ogni minima cosa è stata studiata e ristudiata nel dettaglio. Anche il semplice gancio per gli indumenti: per decidere a che altezza fosse meglio fissarlo abbiamo speso parecchio tempo...». Varcata l'area delle docce, ecco un'altra chicca: una sauna e due vasche del ghiaccio (per la cosiddetta crioterapia): «Quella dell'acqua gelata in sé non è una novità. Anche alla Valascia avevamo qualcosa di simile. Ma era ricavata da una specie di botte che veniva riempita e regolarmente rabboccata... con acqua fredda o neve. Qui, invece, la temperatura è costantemente monitorata da un impianto a sé, e un motore garantisce il necessario ricircolo dell'acqua».

‘Emozioni? Non vedo l'ora di sentire il 'rumore' che farà il pubblico’

Emozioni nel guardare a quella che sarà la vostra nuova 'casa'? «Sì indubbiamente, davvero tanta. E non vedo l'ora di vederla occupata per intero dai tifosi, di capire l'effetto che farà giocarci dentro con il pubblico tutt'attorno. La sua acustica, l'ambiente che verrà a crearsi con il tifo... Ma non vedo l'ora anche di scoprire che effetto farà il semplice allenarci in questo impianto, perché ogni volta che entri in una pista nuova, c'è sempre un'acustica diversa. Perciò aspetto il giorno 'X' con tanta emozione ma anche con tanta curiosità». Senti la responsabilità di essere l'allenatore che aprirà ufficialmente le porte del nuovo stadio? «La responsabilità che sento sulle mie spalle è simile a quella che percepivo prima: tanto qui quanto alla Valascia, la mia missione è quella di far sì che i miei ragazzi portino in pista quelli che sono i nostri valori. Poi, va da sé, siamo all'inizio e avremo a disposizione un gioiellino di impianto: per restare fedeli alla nostra missione dovremo in un certo senso anche 'sfidare' le comodità che questa struttura porta con sé». Curiosamente, l'ultimo capitolo della Valascia è stato scritto dalla partita contro il Friborgo, lo stesso avversario che sabato sarà chiamato a scrivere anche il primo del nuovo stadio... «Sì, effettivamente è piuttosto singolare... Ma non è stato qualcosa di voluto. Beh, alla Valascia era finita con la vittoria del Gottéron, stavolta speriamo che l'esito sia diverso. Quella di sabato sarà una partita che ci ricorderemo per tanto tempo, e dunque faremo in modo di giocarla al meglio delle nostre possibilità».

Intanto, in attesa di prendere possesso della loro nuova 'casa' in Leventina, la preparazione dell'Ambrì Piotta prosegue come da programma in quel di Biasca. Dove, ad ogni buon conto, il tema nuova pista tiene logicamente banco all'interno dello spogliatoio dei biancoblù: «È inevitabile che sia così. I giocatori ne parlano e non vedono l'ora di vederla e... usarla. Con loro ho anche parlato affinché siano preparati al fatto che, visto che non tutto sarà ancora ultimato, per qualche tempo si dovrà dare prova di flessibilità».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved