Danimarca
3
Francia
0
fine
(1-0 : 1-0 : 1-0)
Stati Uniti
3
Svezia
2
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 1-0)
esami-superati-ma-ora-inizia-il-difficile
Una nuova avventura in Swiss League ai nastri di partenza (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
4 ore

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
8 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
15 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
15 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
16 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
16 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
17 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
18 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
19 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
20 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
20 ore

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
20 ore

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
20 ore

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
Calcio
20 ore

‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’

L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
Hockey
23 ore

Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?

Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
CICLISMO
23 ore

Bernal si allena, ma il suo rientro non è ancora in agenda

Il colombiano, rimasto ferito in un incidente stradale nel mese di gennaio, ha preso parte a un evento a margine del Giro d’Italia
FOOTBALL
1 gior

Terza vittoria per i Lugano Rebels, Glarona k.o.

Successo per 24-7 nel campionato di Serie C. Dopo tre trasferte consecutive, domenica i ticinesi giocheranno a Cornaredo contro i Morges Bandits
Calcio
1 gior

La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff

Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta
Hockey
1 gior

Angelo, il siciliano di Helsinki

Nei pressi della Ice Hall uno dei pochi emigrati italiani gestisce un ristorante e ci racconta la sua storia
atletica
1 gior

‘Impossibile paragonarla ora all’Ajla della finale olimpica’

Dopo l’infortunio di febbraio, l’allenatore dell’atleta valmaggese, Laurent Meuwly, lancia la stagione: ‘Al top agli Europei di Monaco’
Serie A
1 gior

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
1 gior

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
01.09.2021 - 17:40
Aggiornamento : 18:31

‘Esami superati, ma ora inizia il difficile’

Ticino Rockets in rampa di lancio. Mottis: ‘Vogliamo dimostrare alla Lega che non siamo un club che dipende esclusivamente dai partner’

«La passata stagione, per noi, è stata quella degli esami di maturità. Esami che, a bocce ferme, posso dire che siamo riusciti a superare brillantemente». È con questo preambolo retrospettivo che Davide Mottis introduce l'imminente inizio del campionato 2021/22 dei Ticino Rockets. «Un campionato che ora ci chiama alla conferma di quanto di buono è stato fatto nei passati dodici mesi e in tutti gli anni precedenti». Il presidente dei 'Razzi' biaschesi entra poi nel dettaglio della passata stagione: «A complicare le cose ci si è messa anche la pandemia, che ha reso ancora più impegnativa la sfida su tutti i fronti. Ma, come dicevo poc'anzi, siamo stati capaci di superare questi esami alla grande, e lo abbiamo fatto a ogni livello societario: ci siamo riusciti tanto sul piano finanziario, quanto su quello sportivo, con la prima storica qualificazione ai pre-playoff, approdando a uno stadio della competizione mai raggiunto nella storia passata dei Rockets. Ma positiva, la scorsa stagione, lo è stata anche per quel che concerne la trattativa con la nuova Swiss League, sfociata nella tanto agognata fumata bianca che ci garantisce l'appartenenza alla stessa dal profilo amministrativo per le prossime dieci stagioni. Alla fine, la grossa dedizione con cui abbiamo portato avanti il nostro progetto ci ha permesso di dimostrare con i fatti ai rappresentanti della nuova Lega che anche il nostro progetto merita di esistere, scongiurando così l'eventualità di dover mandare in fumo quanto portato avanti negli anni passati. Dulcis in fundo, gli esami li abbiamo superati anche dal profilo procedurale, staccando ancora una volta la licenza per il campionato entrante senza alcun tipo di restrizione o riserva».

Fin qui, la storia del passato, più e meno recente, dei Rockets. Che però adesso sono appunto sulla rampa di lancio della nuova stagione: e come si presenta la società ai nastri di partenza di questa nuova avventura in Swiss League? «Adesso inizia una sfida forse ancora più impegnativa: quella di confermare tutto questo, cercando di dare ulteriore stabilità al nostro progetto sportivo e societario. Consiglio d'amministrazione e staff dovranno dare ancora una volta prova di poter fare altrettanto bene, pur nella consapevolezza che non sarà facile considerando che la nostra è una realtà che si 'muove'. Ci impegneremo affinché la squadra abbia il suo 'zoccolo duro', in sintonia con quanto chiesto dalla neonata Lega. Dovremo emanciparci per avere una nostra indipendenza, ma non per questo comprometteremo la nostra missione di formare giovani sportivi per prepararli al potenziale salto di qualità».

Mottis chiama poi a raccolta i sostenitori. «Quest'anno più che mai mi aspetto un grande sostegno da parte di tutti: oltre a quello di autorità, sponsor e partner con cui collaboriamo, abbiamo bisogno anche di quello del pubblico. Il tempo delle pacche sulle spalle è finito: ora occorre che tutti ci manifestino la loro vicinanza, venendo alla pista. Serve più gente alle partite: vogliamo dimostrare alla Lega che non siamo una squadra che dipende unicamente dai nostri partner. Proprio per questo abbiamo varato una campagna abbonamenti a prezzi veramente interessanti: come obiettivo mi sono posto quota 400 tessere vendute. I Rockets sono la squadra di tutti, ma rischia di essere la squadra di nessuno se la gente diserta la pista». Per far crescere l'entusiasmo attorno alla squadra, il club ha inoltre deciso di proporre la diretta streaming (di qualità professionale) di tutte le partite che i Rockets disputeranno alla Raiffeisen BiascArena, cominciando dalla prima stagionale, venerdì 10 settembre contro il Sierre».

In cifre, i Rockets sono una realtà che comprende 34 persone tra staff tecnico e prima squadra, con un Consiglio di amministrazione composto da sei persone e altre due per quanto concerne il personale medico. Il budget per la stagione entrante è stato rivisto al rialzo rispetto al campionato 2020/21, passando da circa 1,6 milioni a 1,95 milioni di franchi. «Ciò che resta invariato è però il nostro obiettivo di sempre, ossia arrivare al pareggio dei conti. Anche se non sarà facile visto che per riuscirci dovremo raccogliere qualche franchetto in più». Intanto una bella boccata al club arriva dalla Banca Raiffeisen, sede della presentazione ufficiale della squadra e sponsor principale dei Rockets, che ha deciso di rinnovare la sua sponsorizzazione per altri tre anni, ossia fino al termine della stagione 2023/24.

Reuille: ‘Importanti passi avanti nella composizione della rosa’

Sébastien Reuille, direttore Sports & Management della società, fissa gli obiettivi per la stagione entrante: prima di ogni altra cosa, metteremo anche quest'anno l'accento sulla crescita sportiva dei giocatori, cercando di portarne il maggior numero nel massimo campionato». In cinque anni di 'progetto Rockets', sono ben 59 quelli passati da Biasca per poi vestire la maglia di un altro club di Lega nazionale: 39 in National League (con preponderanza quella dell'Ambrì Piotta: 14), 20 in Swiss League. «Cercheremo di portare all'interno del gruppo uno spirito di sana concorrenza tra giocatori di qualità. E, non da ultimo, cercheremo di guadagnare in attrattività. Come sempre miriamo a dare una certa stabilità alla squadra, cosa fondamentale per noi come società ma anche per lo staff tecnico. D'altro canto l'anno scorso il 43 per cento della nostra rosa ha disputato almeno il 30 per cento delle partite dei Rockets». Al capitolo rosa, Reuille precisa poi: «Rispetto alla passata stagione abbiamo fatto importanti passi avanti: i giocatori direttamente sotto contratto con noi sono passati da 4 a 7, e abbiamo pure ingaggiato uno straniero 'nostro', il primo della storia dei Rockets. Abbiamo pure contrattualizzato la posizione di Eric Landry, completando così il nostro staff tecnico con due allenatori a libro paga, visto che McNamara già ci figurava».

Landry: ‘Metterò l'accento sulla mentalità di squadra'

Proprio Landry, al capitolo straniero, si sofferma sulle doti del 25enne attaccante canadese François Beauchemin: «È un giocatore di carattere, che sa farsi valere in pista; caratteristiche che ne fanno un potenziale leader del gruppo. François ha anche un buon fiuto per il gol, cosa che non guasta mai nell'hockey. Ha le caratteristiche per essere uno dei leader del gruppo; il suo ingaggio ha anche un grande significato per la società». Sul piano sportivo, quali sono le aspettative del coach? «Voglio vedere una squadra concentrata dall'inizio alla fine. In uno sport di squadra come l'hockey non c'è posto per le individualità: remiamo tutti nella stessa direzione e siamo tutti sulla medesima barca. Insomma, metterò l'accento su quella che definisco la 'Team first mentality'». 

Consensi unanimi da Ambrì, Lugano e Davos

In generale, il 'progetto Rockets' (a cui si è unito anche il Ginevra), incassa il consenso pressoché unanime da parte dei club di National League con cui è stata allacciata la collaborazione. Consenso espresso a chiare parole dai rispettivi rappresentanti intervenuti in occasione della presentazione della squadra: Paolo Duca (Ambrì Piotta), Julien Vauclair (Lugano) e Ivan Fanconi (Davos): «Per noi la realtà dei Rockets rimane un concetto molto importante nella nostra strategia sportiva. Biasca è una sorta di ultimo step formativo, fondamentale, verso il cammino che porta alla National League: è qui che prima di tutto i nostri giovani devono dimostrare di potersi meritare un posto in squadra nel massimo campionato».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davide mottis eric landry sébastien reuille swiss league ticino rockets

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved