Milan
0
Sassuolo
0
1. tempo
(0-0)
TSITSIPAS S. (GRE)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
3
fine
(3-6 : 6-7 : 6-7)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
49 min

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nella secondo superG
Hockey
14 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
16 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
18 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
22 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
1 gior

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
1 gior

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
1 gior

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
1 gior

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
1 gior

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
1 gior

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
CALCIO
1 gior

Parcheggi limitati a Cornaredo, meglio i mezzi pubblici

L’Fc Lugano comunica che verranno creati parcheggi a lisca di pesce su una corsia di via Ciani (imbocco da via Brentani). Chiuso lo sterrato della Gerra
CALCIO
1 gior

La pazienza è la virtù dei forti

Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
09.06.2021 - 18:38
Aggiornamento: 19:35

Sannitz: ‘Smettere ora era la cosa più giusta da fare’

Dopo ventidue stagioni nel massimo campionato (e 887 partite con il Lugano) Raffaele Sannitz dice basta. ‘Chiudo senza rimpianti’

sannitz-smettere-ora-era-la-cosa-piu-giusta-da-fare
Il momento di dire basta (Ti-Press)

Prima o poi tutto finisce. E quel momento, per Raffaele Sannitz è arrivato adesso. Dopo ventidue stagioni consecutive nel massimo campionato, il 38enne momò ha infatti deciso di mettere il punto finale alla sua carriera professionistica di giocatore, iniziata all'età di sedici anni, otto mesi e diciassette giorni (cosa che lo rende a tutti gli effetti il secondo più giovane esordiente nella prima squadra bianconera dopo Lorenzo Canonica nel 2019). Con un totale di 887 partite nel massimo campionato con la maglia del Lugano è inoltre il secondo giocatore del club per numero di presenze, preceduto in questa speciale classifica unicamente da Julien Vauclair (939). «Decidere di mettere il punto finale a tutto questo non è stato facile, ma in fin dei conti era forse anche la scelta giusta da fare – premette l'ormai ex numero 38 dei bianconeri (maglia che tra l'altro il club ha deciso di ritirare, ndr) –. Soprattutto non sarà evidente abituarsi a una realtà in fondo del tutto nuova per me, visto che l'hockey è stato praticamente il mio pane quotidiano, fin da ragazzino. Mi mancherà sicuramente quella routine fatta di allenamenti, partite e ancora allenamenti. Ma, appunto, la mia scelta è frutto di una ponderata riflessione: mi sono preso tutto il mio tempo per valutare se prolungare la mia carriera oppure se metterci il punto finale, soppesando anche tutti i pro e i contro, e alla fine, in tutta serenità, ho preso la mia decisione».

C'è qualcosa in particolare che ti ha spinto verso questa scelta? «Per nulla. Sebbene per me l'ultima sia stata una stagione non molto felice sul piano della salute (segnata in entrata dal brutto infortunio alla spalla rimediato in un incidente della circolazione e poi dal coronavirus, con lo stesso momò che ne era stato contagiato, risentendone un po' sul piano della condizione), posso comunque dire di essere arrivato a 38 anni e quota 22 stagioni nel massimo campionato in ottime condizioni di salute, dunque sarei anche stato pronto ad andare ancora avanti con la mia carriera. E non è nemmeno perché sia venuta meno la voglia di giocare: la passione per questo sport che ho oggi è la medesima di dieci o vent'anni fa. Però, appunto, prima o poi arriva il momento in cui si deve dire basta. In fin dei conti fin da quando avevo cominciato la mia carriera sapevo benissimo che un giorno o l'altro sarebbe arrivato anche questo momento».

Come sei arrivato a questa decisione? «In queste settimane ho riguardato mentalmente un po' tutto il 'film' della mia carriera, ripercorrendone le tappe fondamentali. È stata forse la prima volta che l'ho fatto, visto che solitamente mi sono sempre focalizzato sul presente, senza pensare tanto al futuro o al passato. E questa... carrellata retrospettiva mi ha fatto sentire orgoglioso e fiero di quanto ho realizzato in questi anni. Mi sono sentito 'realizzato'. E ho appunto realizzato che non mi sarei lasciato alle spalle alcun rimpianto chiudendo così la mia carriera». Nemmeno quello di non aver mai realizzato per davvero il sogno di calcare la scena della Nhl, dopo il draft dei Columbus Blue Jackets e la stagione 2004/05 giocata con i Syracuse Crunch (in Ahl) e i Dayton Bombers (Echl)? «Francamente no. Anzi, a dire la verità posso dirmi orgoglioso e fiero anche di quella che per me è stata una sorta di avventura nordamericana: personalmente ritengo sia stata un'ottima esperienza. Avere l'opportunità di varcare l'Atlantico a diciott'anni è comunque cosa rara, soprattutto a quei tempi. Non che oggi per uno svizzero sia più facile tentare la fortuna al di là dell'oceano, ma quindici anni fa era cosa decisamente ancora meno frequente. Non va nemmeno dimenticato che a quel tempo i soli svizzeri che erano riusciti a ritagliarsi un po' di spazio in Nhl erano Riesen e Von Arx, mentre Streit lo ha fatto solo dopo... In più quella del 2004/05 è stata pure una stagione di Nhl segnata dal lockout, cosa che ha sicuramente giocato a sfavore di una possibile mia chiamata nel campionato più prestigioso del mondo. In ogni caso è stata un'esperienza sicuramente arricchente, che mi è tornata parecchio utile quando sono tornato in Svizzera e mi ha dato lo slancio ideale per lanciare in tutto e per tutto la mia carriera. In Svizzera, poi, non mi è mancato niente, con tanto di due titoli svizzeri e una costante presenza in Nazionale (77 le presenze in rossocrociato, con quattro partecipazioni ai Mondiali e alle Olimpiadi di Vancouver nel 2010)».

Tra i momenti culminanti della carriera, ovviamente, ci sono i due titoli vinti con il Lugano (2003 e 2006): «Di momenti significativi nella mia lunga militanza in bianconero ce ne sono stati diversi, anche se ovviamente i titoli restano qualcosa di particolare. Ricordo in soprattutto il secondo, nel 2006, con tanto di soddisfazione personale per aver realizzato il game-winning-goal (il 2-1) in gara 5 della finale con Davos, serie poi appunto chiusa con quella partita. Quello è stato indubbiamente uno dei momenti più belli della mia carriera. Ma di momenti significativi ne ho vissuti anche in rossocrociato, con le partecipazioni ai Mondiali e alle Olimpiadi di Vancouver». Tanti alti, ma in una carriera lunga come la tua è inevitabile che ci siano stati anche i bassi, i momenti più delicati... «Beh, momenti difficili ce ne sono stati parecchi, come l'infortunio all'anca a ventun anni che mi ha fatto saltare praticamente un'intera stagione lasciandomi pure l'incertezza sul fatto che avrei poi effettivamente potuto tornare a giocare a hockey. Tuttavia, ora che mi appresto a mettere il punto finale alla mia carriera, non ve n'è uno in particolare che mi riaffiora nei ricordi: ora come ora a tornarmi alla mente sono solo quelli più significativi in positivo. Anche perché la passione che ho sempre avuto per questo sport mi ha sempre spinto a guardare avanti e lasciarmi alle spalle i momenti più difficili».

In poco meno di novecento partite con la maglia del Lugano, di reti ne hai realizzate parecchie. Ma ce c'è una che ricordi in modo particolare? «Detto di quello della finale del 2006, citerei pure un gol in un derby alla Resega. Lo segnai a Pauli Jaks, su passaggio di Peltonen, con uno slap all'incrocio dei pali scagliato dalla linea blu: lo ricordo proprio per il fatto che da quella posizione non ne ho fatti tantissimi... Più che il più bello, quel gol è sicuramente stato uno dei più particolari del mio bottino personale».

Leggi anche:

Raffaele Sannitz appende i pattini al chiodo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved