Canada
Svizzera
15:20
 
Austria
0
Finlandia
1
1. tempo
(0-1)
lugano-condannato-alle-ferie-da-un-gol-di-wetter
Una serata interminabile dal finale amarissimo (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
5 ore

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
9 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
16 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
16 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
17 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
17 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
18 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
19 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
20 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
20 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
20 ore

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
21 ore

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
21 ore

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
Calcio
21 ore

‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’

L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
Hockey
1 gior

Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?

Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
CICLISMO
1 gior

Bernal si allena, ma il suo rientro non è ancora in agenda

Il colombiano, rimasto ferito in un incidente stradale nel mese di gennaio, ha preso parte a un evento a margine del Giro d’Italia
FOOTBALL
1 gior

Terza vittoria per i Lugano Rebels, Glarona k.o.

Successo per 24-7 nel campionato di Serie C. Dopo tre trasferte consecutive, domenica i ticinesi giocheranno a Cornaredo contro i Morges Bandits
Calcio
1 gior

La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff

Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta
Hockey
1 gior

Angelo, il siciliano di Helsinki

Nei pressi della Ice Hall uno dei pochi emigrati italiani gestisce un ristorante e ci racconta la sua storia
atletica
1 gior

‘Impossibile paragonarla ora all’Ajla della finale olimpica’

Dopo l’infortunio di febbraio, l’allenatore dell’atleta valmaggese, Laurent Meuwly, lancia la stagione: ‘Al top agli Europei di Monaco’
Serie A
1 gior

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
22.04.2021 - 00:12
Aggiornamento : 15:03

Lugano condannato alle ferie da un gol di Wetter

Si chiude alle 23.30 passate, nel crudele epilogo del secondo overtime, la stagione dei bianconeri: 'Fa davvero male finire così'. Rapperswil in semifinale

Un'altra sconfitta, la quarta di fila. Ed è quella di troppo per i bianconeri. In un interminabile mercoledì sera che, certamente non tra la sorpresa generale, alla Cornèr Arena si apre all'insegna degli stravolgimenti. Infatti, per convinzione o semplicemente per forza, Serge Pelletier decide di buttare all'aria mezzo lineup rispetto a gara 4, togliendo dal gioco lo spento (o sfinito?) Boedker, piazzando all'ala in prima un Troy Josephs subito convincente dal momento del suo arrivo da Visp (4 punti in 6 partite) alla sinistra di Arcobello e Fazzini, con Morini promosso in seconda in mezzo a Bertaggia a Bürgler, mentre Walker sale in terza con Lajunen e Suri e Lammer scende in quarta con Sannitz e Zangger, con Herburger soltanto tredicesimo attaccante. Una novità, però, c'è anche in attacco, siccome Antonietti torna nel lineup, in qualità di settimo difensore, togliendo così il posto a Nodari. 

E, anche in questo caso senza sorprese, i bianconeri entrano sul ghiaccio con ben altro piglio. Dimostrando tutta un'altra energia, soprattutto sul piano fisico. Tuttavia, le prime conclusioni pericolose sono sul conto degli ospiti, che nei primi minuti chiamano in causa a due riprese Niklas Schlegel. Troppa foga, però, può anche far rima con penalità. E i bianconeri ne incassano due nei primi dodici minuti: prima Bertaggia per sgambetto, poi Antonietti per bastone alto. E nella seconda il Rapperswil si fa pericolosissimo, con Schlegel che si deve superare in un paio di occasioni, soprattutto sul tentativo di Schweri da due passi. Poi il Lugano prova a installarsi nel terzo offensivo, ma il risultato senz'altro non è quello sperato. Un paio di occasioni arrivano sì, ma la più ghiotta di tutte in verità è frutto di un pericolosissimo contropiede, con il gran servizio di Loeffel per Walker, fermato all'ultimo dal solito Nyffeler.

Nel periodo centrale il Lugano comincia subito col piede sull'acceleratore. E da un'azione insistita nasce il primo powerplay, dopo un aggancio fischiato a Moses. Tuttavia, non passano 54'' e anche il Lugano si trova sul ghiaccio in 4, dopo un aggancio di Fazzini a Lehmann. La partita va avanti ritmata, con il Lugano che cerca d'intensificare gli assalti ma appena si presenta in attacco fatica a trovare delle linee di tiro pulite, con il Rapperswil che raramente si fa trovare impreparato, e quando superano metà pista i sangallesi sanno cosa fare per rendersi minacciosi. L'opportunità migliore per i ticinesi capita al 30'43'', quando Suri e Wolf partono in situazione di 2 contro 1, e il tocco del difensore bianconero viene intuito col guantone da Nyffeler, il quale si salva d'istinto. Sul fronte opposto, invece, al 34'20'' è l'americano Andrew Rowe a far venire i brividi ai ticinesi, che si fanno trovare fuori posizione ma riescono comunque a salvarsi. Il finale, poi, è un capovolgimento di fronte dopo l'altro, ma il risultato non si sblocca. 

Al Rappi non basta la mano di Moses

Si sbloccherà invece al 41'41'', ma in favore degli ospiti. Dopo essere già arrivati a un niente dal vantaggio, con Schlegel che deve superarsi per bloccare un tentativo di Clark, quelli del Rapperswil sorprendono la retroguardia ticinese sfruttando proprio un errore del suo portiere, che la combina grossa dietro alla gabbia, consegnando a Moses il più comodo degli assist per Wick: è lo 0-1 al 41'41''. Potrebbe essere il gol di troppo, invece no: un appoggio nel traffico di Loeffel, la cui visuale è coperta da Arcobello, si trasforma nel punto del pareggio al 44'35''. Tuttavia, quel pareggio resiste appena tre minuti. Fino all'ingaggio perso da Arcobello sulla sinistra di Schlegel, con il disco che carambola sul bastone di Moses, il cui tiro di prima intenzione non lascia scampo a Schlegel: è l'1-2 al 47'33''. Una botta durissima per la squadra di Pelletier. Che, poi, al 51'37'', subisce anche il 3-1 di Moses, che conclude l'ennesimo contropiede toccando in porta il disco col pattino, in maniera del tutto regolare però.

Il Rappi, ci mancherebbe, a quel punto crede di aver archiviato la questione. Invece no. A dimostrazione che nell'hockey non c'è mai nulla di scontato. Sembra una mossa disperata quella di Pelletier, che decide di giocare gli ultimi tre minuti senza portiere: quasi subito, infatti, arriva il 2-3 di Lajunen, che tocca tra i gambali di Nyffeler un disco prontamente messo sulla porta da Josephs. Anche così, però, l'impresa sembra di quelle impossibile. Ma l'impossibile non esiste, e caso mai servisse lo dimostra Luca Fazzini a dodici secondi dalla fine, dopo una conclusione a lato ancora di Josephs, con la ripresa di Arcobello da dietro la porta per il topscorer ticinese, che fa secco un Nyffeler la cui visuale è coperta sia da Lajunen, sia da Herburger.

Così, per la seconda volta in questa serie la decisione è rinviata ai supplementari a oltranza. Che per il Lugano, stavolta, sono da dentro o fuori. E i ticinesi, forti della loro rinascita, si mettono subito al lavoro per cercare il gol che vale il diritto di giocare gara 6, venerdì. Mentre il Rapperswil, oltre ad aver accusato psicologicamente il colpo all'inizio sembra avere un po' meno energia. Tuttavia, con l'andare dei minuti anche gli ospiti cominciano a credere nelle loro possibilità. Finché, a 2'56'' dalla fine del primo overtime, i bianconeri hanno una grossa occasione, con i due minuti inflitti a Jelovac per un'ostruzione su Walker. Il Rapperswil riesce però a superare indenne la situazione. E a 22'' dalla quarta sirena le parti si invertono, con i bianconeri che restano sul ghiaccio in quattro per un colpo di bastone fischiato a Suri: anche il Lugano se la cava senza conseguenze. E i minuti passano, con le energie che ovviamente sono sempre un po' di meno, e con la pericolosa costante minaccia della cosiddetta morte improvvisa. Con il Lugano che, in più, a 9'29'' dalla quinta sirena si ritrova nuovamente in inferiorità numerica, per un fallo quantomeno evitabile di Bürgler in attacco. Il Rapperswil ci crede, ci prova ma Schlegel e compagni resistono. Fino al crudelissimo disco che libera sotto porta Gian-Marco Wetter, ex attaccante passato dai Ticino Rockets che manda il Lugano in vacanza dopo addirittura 96 minuti e 55 secondi di gioco... 

Loeffel: ‘Ora, a caldo, non so dire cos'è cambiato’

«Fa davvero male finire così – sono le prime parole, a caldo, di Romain Loeffel –. Stasera abbiamo giocato fino alla fine, si è visto, riuscendo a segnare due gol negli ultimi due minuti. Però non è stato abbastanza... Faccio i complimenti al Rapperswil, che ha giocato secondo le sue forze, bloccando un sacco di tiri: è incredibile cos'hanno fatto, e noi non siamo riusciti a trovare una soluzione».

A chi gli chiede secondo lui cos'è cambiato tra il Lugano di fine regular season e quello del quarto contro il Rapperswil, il difensore neocastellano risponde così. «No, così, qualche minuto dopo la fine di una partita del genere non posso fare un'analisi. Non, non sono in grado di dirlo».

Al Lugano non è bastato riprendere il famoso 'momentum', con quel pareggio in extremis di Fazzini. «Anche noi lo speravamo. Abbiamo continuato a mettere dischi sulla porta, però alla fine il disco non è entrato. Loro intanto hanno continuato con il loro gioco, 'chip in' e 'chip out', e alla fine hanno segnato. E fa male, ripeto. Anche se non è stasera che perdiamo questa serie...».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved