il-rapperswil-espugna-la-corner-arena-e-va-avanti-nella-serie
Un duello tra Egli e Lammer (Ti-Press)
+5
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
basket
3 ore

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
3 ore

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
4 ore

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
4 ore

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
5 ore

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
6 ore

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
6 ore

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
calcio
6 ore

Lugano e Inter di fronte nella ‘Lugano Super Cup’

Il 12 luglio a Cornaredo si affrontano i vincitori della Coppa Svizzera e della Coppa Italia
CALCIO
8 ore

Bernt Haas nuovo direttore sportivo del Grasshopper

L’ex nazionale aveva ricoperto lo stesso ruolo a Vaduz (con Giorgio Contini) e a Sciaffusa. Per il Gc esordio il 24 luglio contro il Lugano
CALCIO
9 ore

Divorzio tra l’Olympique Marisglia e Jorge Sampaoli

L’allenatore argentino aveva espresso dubbi in merito alla volontà della società di operare sul mercato per essere protagonista nella prossima Champions
BASKET
9 ore

Brittney Griner a processo in Russia per traffico di droga

Il dibattimento è iniziato oggi in un sobborgo di Mosca. La stella della Wnba accusata per il possesso di un liquido a base di cannabis. Rischia 10 anni
PALLANUOTO
13 ore

Sconfitti al Lido, gli Sharks sono con le spalle al muro

Nei quarti di finale dei playoff, il Lugano è stato battuto in rimonta dal Carouge. Domani a Ginevra gara 2. Obbligo di vincere per prolungare la stagione
CALCIO
13 ore

In Qatar sarà introdotto il fuorigioco semi-automatico

La Fifa ha approvato la nuova tecnologia che consente di stabilire la posizione di palla e giocatore in ogni momento. Non sostituirà il giudizio arbitrale
17.04.2021 - 22:51
Aggiornamento: 18.04.2021 - 11:51

Il Rapperswil espugna la Cornèr Arena e va avanti nella serie

Finisce all'overtime gara 4 dei quarti di finale tra bianconeri e sangallesi. E il secondo punto se lo aggiudica la squadra di Tomlinson

La reazione alla scialba prestazione di gara 2 c'è. Perche il terzo atto della serie di quarti di finale contro il Rapperswil il Lugano lo inizia subito su alti rimi. I primi venti minuti non sono spettacolari, ma propongono comunque un hockey di buona fattura. Con gli uomini di Pelletier che fanno un po' di più rispetto a quelli di Tomlinson. Ma non abbastanza per chiudere la frazione in avanti nel punteggio: alla prima sirena infatti il punteggio è di 1-1. E ad aprire le danze sono proprio gli ospiti, che dopo una buona occasione con Moses (col Schlegel che dopo aver solo smorzato il disco, lo recupera sulla riga di porta), vanno a bersaglio con un tiro di Loosli da posizione defilata che s'infila tra il palo e il casco del portiere bianconero. Ma la reazione dei bianconeri non tarda a produrre i suoi frutti, con l'immediato pareggio di Morini, lesto a fiondarsi su un rebound concesso da Nyffeler sul tiro di Fazzini, gol che arriva in situazione di superiorità numerica.

 E una rete per parte la regalano anche i secondi venti minuti. Che si aprono con il Lugano che una volta recuperato il quinto uomo di movimento (espulso Lammer nel finale del primo tempo), si istalla per diversi minuti nel settore offensivo di un Rapperswil incapace di superare mea pista. Ma la pressione del Lugano è sterile, anche perché davanti alla porta c'è un Nyffeler che abbassa la saracinesca, come quando para una conclusione quasi a botta sicura di Sannitz su un dai e vai inscenato con Walker. Poco dopo metà partita però il Rapperswil torna avanti nel punteggio: Lajunen in uscita dal settore difensivo scivola, e sul disco perso dal finlandese si fionda Wick che con una staffilata non dà scampo a Schlegel. Dopodiché sono entrambi i portieri a esaltarsi: prima quello del Rapperswil con una parata spettacolare su una cannonata di Loeffel dalla blu, e poi quello bianconero che sventa una sorta di rigore in movimento di Lehmann. Proprio in chiusura di periodo arriva però il pareggio bianconero, siglato da Lammer, che dopo una splendida verticalizzazione di Fazzini va a trafiggere il portiere avversario fra i gambali.

Con il risultato ancora in equilibrio, il terzo tempo si fa spigoloso. In poco più di cinque minuti entrambe le squadre si beccano due penalità minori (più 10' per carica alle assi sul conto di Jelovac). A risentirne è la manovra di entrambe le squadre, con trame spesso spezzate da qualche bastone vagante: il gioco non è più così fluido come nei primi due periodi, e le occasioni calano sensibilmente. Chi deve sbrogliare la matassa più grande è Nyffeler, che, comunque, riesce sempre a trovare il modo di cavarsi d'impaccio. Al 57' è però Schegel a metterci una pezza, su deviazione da distanza ravvicinata di Clark, favorita da un errore di Chiesa. È l'ultimo grosso sussulto dei tempi regolamentari. Per decretare un vincitore di gara 3 si rendono così necessari i supplementari. E qui a risolvere il match, al 77'21", è Forrer che regala così al Rapperswil il secondo punto nella serie.

‘Cinquanta tiri non son bastati: dovremo trovare il modo di segnare di più’

Il volto di Serge Pelletier a fine partita non nasconde la sua delusione. «Stasera abbiamo giocato abbastanza bene, quanto sarebbe potuto bastare per vincere. Ma non è andata così, nonostante i circa cinquanta tiri scagliati verso la porta avversaria – analizza a caldo il tecnico bianconero –. Per le prossime partite dovremo trovare il modo di andare in gol un po' più di due volte, come capitato stasera»  

Lugano - Rapperswil d.s. (1-1 1-1 0-0 0-1) 2-3

Reti: 14'05" Loosli (Vukovic, Vick) 0-1. 16'03" Morini (Fazzini, Loeffel/esp. Egli) 1-1. 30'51" Wick 1-2. 39'26" Lammer (Fazzini, Riva) 2-2. 77'21" Forrer (Rehak, Ness) 2-3.

Lugano: Schlegel; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Riva; Walker, Lajunen, Suri; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Herburger, Lammer; Morini, Sannitz, Bertaggia.

Rapperswil: Nyffeler; Vukovic, Jelovac; Egli, Profico; Maier, Sataric; Dufner; Lehmann, Rowe, Eggenberger; Clark, Wick, Schweri; Wetter, Schweri, Moses; Rehak, Ness, Forrer; Randegger.

Arbitri: Piechaczek, Fluri; Obwegeser, Fuchs.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 6 x 2’ più 1 x 10' contro il Rapperswil. Tiri in porta: 48-29 (17-10, 17-9, 10-3, 4-7). Lugano senza Traber (infortunato), Antonietti, Brennan, Fadani, Josephs, Haussener Romanenghi e Vedova (soprannumero); Rapperswil privo di Cervenka, Dünner, Lhotak, Payr (inforutnati), Rüegger e Scheidegger (soprannumero). Premiati quali migliori in pista Luca Fazzini e Melvin Nyffeler.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hc lugano hockey hockey club lugano playoff rapperswil
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved