CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
il-quarto-col-lugano-per-jelovac-ha-il-profumo-di-derby
L'abbraccio a Forrer dopo il successo sul Bienne. 'Sapevamo di potercela fare, specie con questa formula' (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3381
2
HCB 2416
3165
3
SPARTAK JACK
3154
4
TrigoAce1
3152
5
Metallurg Bangitonov
3133
6
HC Aspi Capitals
3120
7
Chochyeta Berson
3104
8
Cam-s
3074
9
DamianOMacho
3016
10
Maxim la biere
2990
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Basket
1 ora

Nba: in palio c’è l’anello del 75esimo, le stelle lo vogliono

I campioni in carica Milwaukee Bucks saggiano subito la forza dei Brooklyn Nets nel match che inaugura la stagione del giubileo della lega
CALCIO
9 ore

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
10 ore

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
12 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
13 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
13 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
13 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
13 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
14 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
15 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
HOCKEY
 
12.04.2021 - 21:210

Il quarto col Lugano per Jelovac ha il profumo di derby

Il ventiseienne vodese del Rapperswil, ex difensore dell'Ambrì, si gode l'inizio di questi playoff. ‘Ma non so se si possa parlare di sorpresa‘

L’invitato che non ti aspetti. È un po’ questo il sentimento di tutti, quando parlano del Rapperswil arrivato ai playoff tra la stupore generale. «Ma non so se si possa parlare di sorpresa – dice il difensore dei sangallesi Igor Jelovac -. Di sicuro siamo molto soddisfatti: sapevamo di poter eliminare il Bienne, grazie alla formula molto particolare» aggiunge, alludendo al 'best of 3'.

A far pendere la bilancia dalla parte di Jelovac e soci sono stati la disciplina, l’acume tattico e le grandi parate del portiere Melvin Nyffeler. «'Mel' riesce sempre ad aumentare il suo livello nella post-season – spiega il ventiseienne vodese –. La sua presenza è fondamentale anche all’interno dello spogliatoio: è un leader, e quando è necessario sa anche arrabbiarsi e a scuotere il gruppo, trovando le parole adatte. Come dopo il 2-1 di Loosli nella seconda gara col Bienne, venerdì, facendo cenno a tutti di stare calmi».

Un altro dei pezzi da novanta dei Lakers, ovviamente, è il ceco Roman Cervenka. «È un extraterrestre – dice, senza mezzi termine, Jelovac –. In qualsiasi situazione riesce a trovare una soluzione: è spettacolare, ma sa anche fare il lavoro difensivo, quello sporco, come si dice. È un tipo calmo, non parla molto, ma ogni tanto si riesce a scherzarci».

Dopo il Bienne, il prossimo scoglio è il Lugano. «L’appetito vien mangiando. Abbiamo la nostra da dire, in fondo con i bianconeri in regular season il bilancio è stato equilibrato. Chiaramente dovremo essere solidi e tirare la corda tutti nella stessa direzione. La prima partita, domani, sarà importante per capire un po’ dove siamo. Per me le sfide contro il Lugano hanno tuttora un sapore particolare: resta una sorta di derby, è sempre eccitante, ho cosi tanti ricordi...» aggiunge l’ex difensore dell'Ambrì, ammettendo di aver ricevuto diversi messaggi sul cellulare in questi giorni. «Sì, parecchi tifosi biancoblù mi chiedono di battere i cugini... (ride, ndr)».

A chi gli chiede, potendo scegliere, quale giocatore del Lugano toglierebbe, Jelovac risponde così: «Me ne vengono in mente due, ma siccome posso fare solo un nome dico Mark Arcobello. È un attaccante completo, sa fare di tutto, è capace di fare la differenza in qualsiasi istante».

Reduce dal suo primo campionato con la maglia del Rapperswil, in cui ha giocato costantemente nei primi due blocchi e pure nelle situazioni speciali, Jelovac è felicissimo della sua scelta fatta. «Dopo tanti anni ad Ambrì avevo bisogno di nuovi stimoli. Sono progredito come giocatore, ho ricevuto molta fiducia e tanta responsabilità dallo staff tecnico».

Uno staff tecnico la cui avventura è però agli sgoccioli, visto che l’allenatore Jeff Tomlinson, dopo sei stagioni esaltanti, tra cui quella della promozione, a fine stagione leverà le tende. «È una situazione strana, ma sono cose che fanno parte del business, come accade a volte con i compagni che se ne vanno. Con il coach ho sempre avuto un ottimo dialogo, d’altronde è stato lui a convincermi a firmare per il Rapperswil. E vorremmo andare il più lontano possibile specialmente per lui».

Malgrado la pandemia e gli spalti vuoti, la città sangallese in queste ore sogna in grande. «I tifosi ci sostengono, c’è molta passione. Ad esempio, quando il nostro autobus era partito in direzione di Ambrì per la sfida decisiva in chiave pre-playoff, i fan ci hanno attesi sul ponte che porta a Pfäffikon con tanto di torce e striscioni. E l'altra sera, contro il Bienne, erano in molti fuori lo stadio: contro il Lugano giocheremo anche per loro».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved