KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 4-1)
KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 4-1)
qualche-passo-indietro-ma-il-sistema-e-quello-giusto
'Non nascondo che saremmo voluti entrare nel nuovo stadio con la terza fase già alle spalle, ma la pandemia ci ha frenati nell'ultimo passo' (Ti-Press/F.Agosta)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
22 min

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
4 ore

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
6 ore

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
17 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
18 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
18 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
21 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
22 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
22 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
22 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
23 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
1 gior

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
1 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
1 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
1 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
1 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
1 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
1 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
2 gior

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
2 gior

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
HOCKEY
 
08.04.2021 - 21:520
Aggiornamento : 22:16

'Qualche passo indietro, ma il sistema è quello giusto'

Per Paolo Duca e l'Ambrì è tempo di bilanci dopo una stagione difficile. 'Siamo stati costretti a rivedere la tempistica, ma la nostra strategia non cambia'

Ambrì - Pare una piscina, la vecchia Valascia. Intrisa d'acqua com'è, in un inverno scivolato via dopo che gli addetti alla pista hanno spento le macchine un'ultima volta, prima del definitivo trasferimento in quella che sarà la futura casa dell'Ambrì. «Ma non chiamatela nuova Valascia, mi sono sempre opposto, anche se vien spontaneo chiamarla così: quel nome è legato fisicamente a questo luogo, a questa storia, ed è vero che vorremmo trasportarne spirito ed emozioni nel nuovo stadio, ma sarà un'esperienza nuova» dice il presidente biancoblù Filippo Lombardi, dando uno sguardo oltre alle vetrate nella conferenza stampa che mette il punto finale alla stagione biancoblù. A cui, suo malgrado, il numero uno dell'Ambrì deve presentarsi in ritardo dopo essere rimasto bloccato all'incontro con i vertici di quella Swiss League che ancora tutti chiamano Lega nazionale B, per vedere di risolvere la questione Ticino Rockets («andiamo lentamente avanti, e pur se non c'è nulla di definito la situazione appare migliore di quanto potesse sembrare un paio di mesi fa», spiega).

Un Lombardi che, entrando nel vivo del suo intervento, prende le difese dello staff tecnico biancoblù. «Qualcuno m'ha chiesto perché settimane fa avevo sentito il bisogno di scrivere una lettera aperta ai tifosi, e vorrei ricordarne i motivi. La scorsa estate, quest'uomo (spiega, indicando alla sua sinistra il direttore sportivo Paolo Duca, ndr) arriva e mi dice: 'capo, dobbiamo ingaggiare un difensore straniero'. La risposta fu che con una situazione pandemica del genere bisognava andarci cauti, e alla fine la decisione fu di tenere in qualità di quarto straniero quel Jiri Novotny inizialmente assunto per giocare a Biasca. Fosse stato per Paolo o per Luca (Cereda, ndr), invece, qualcun altro magari sarebbe arrivato. Stessa cosa dopo il serio infortunio occorso a D'Agostini: la risposta del Consiglio d'amministrazione è sempre stata che non si poteva tornare sul mercato, perché non eravamo in grado di farlo. Ecco il motivo per cui, di fronte ad alcune critiche, mi sono sentito di dover scendere in campo per difendere lo staff tecnico: alcune importanti decisioni, che hanno sicuramente fatto perdere quei punti che sarebbero bastati per arrivare ai pre-playoff, per non dire oltre, sono state prese dalla società, non dallo staff tecnico. Ci siamo dovuti dire: 'siamo a rischio, quest'anno più che mai, quindi stringiamo i denti e veniamone fuori con la perdita più contenuta possibile».

'Lontani dall'aver chiuso i conti, ma credo che riusciremo ad avere una perdita contenuta'

Stando al suo presidente, l'Ambrì ora è sulla buona strada. «Naturalmente siamo lontani dall'aver chiuso i conti, tuttavia credo che quest'anno riusciremo ad avere una perdita contenuta. Ma oltre al ringraziamento nei confronti di chi vorrà capire la posizione dello staff tecnico, ne aggiungo un secondo alla disponibilità all'autoriduzione salariale non solo da parte dei giocatori, ma pure di tutto lo staff e dei dirigenti della parte amministrativa e della società. Èd è una riduzione importante perché, in taluni casi, si arriva fino al 22%».

In una stagione del genere, però, naturalmente a essere state messe a dura prova non sono state solo le casse, bensì pure la concezione stessa del lavoro che sta alla base del nuovo corso biancoblù. «Quattro anni fa - spiega il 'diesse' Paolo Duca - vi avevamo presentato il progetto di tornare a essere un club formatore d'eccellenza, parlandovi del tipo di hockey che volevamo giocare per sfruttare le caratteristiche tipiche dei giovani, ovvero intensità, velocità e spensieratezza, raccontandovi della determinazione a riportare sul ghiaccio quella combattivita andata un po' persa nelle stagioni precedenti. Il piano che avevamo presentato prevede una prima parte in cui volevamo ritrovare i valori e i principi societari, e dal punto di vista sportivo cementare lo stile di gioco scelto e le abitudini nel lavoro quotidiano; il passo successivo era consolidare questi cambiamenti per poi pian piano, un passo alla volta, secondo la lunghezza delle nostre gambe, e non di più, costruire su fondamenta forti e stabili, anche grazie alle opportunità che ci offrirà la nuova pista. Non nascondo che avremmo voluto entrare nel nuovo stadio con questa fase già alle spalle, ma la pandemia ha purtroppo frenato questo ultimo passo. Anzi, oserei dire che ci ha costretti a fare qualche passo indietro. Però va bene così. Non si può controllare tutto nella vita. La nostra strategia, tuttavia, non cambia: abbiamo dovuto rivedere la tempistica dell'implementazione di questo piano, non i contenuti. Quando a luglio è diventato chiaro che non avremmo potuto giocare davanti al pubblico come in una stagione normale abbiamo ridefinito le priorità societarie, e quella assoluta era, è e rimarrà la sopravvivenza del club, e questa decisione ha avuto delle conseguenze anche sulle scelte sportive, limitando le spese e rinunciando allo straniero in difesa, ma direi che abbiamo vissuto queste circostanze imposte come un'ulteriore opportunità. Facendo come sempre di necessità virtù, dando ancor più responsabilità ai giovani».

Ciò che, tuttavia, non è bastato a evitare il penultimo posto. «Quello della classifica è senz'altro un punto negativo – ammette il coach Luca Cereda –, e il fatto di essere arrivati così vicini al decimo posto significa che era fattibile, nonostante il contesto. Poi, alcuni risultati singoli, penso alle 5 sconfitte in 6 partite con il Rapperswil, hanno avuto un impatto fondamentale, compresi i derby tutti persi e pure l'ultima partita alla Valascia». Tra i molti dati elencati da Cereda, ce ne sono tre che spiccano sugli altri: l'efficacia al tiro, appena del 6,46% («un dato che ci deve fare riflettere: da dieci anni nessun'altra squadra aveva una percentuale così bassa», spiega), il penultimo posto di tutta la Lega nella graduatoria dei tiri nello slot (616, contro una media di poco inferiore a 700) e il primo nella classifica dei gol subiti in situazione di superiorità numerica («ben dieci, e dieci sono troppi», aggiunge»).

'Per il nostro tipo di hockey sono fondamentali allenamenti e pianificazione'

Il lavoro, insomma, non mancherà. Pur se lo staff tecnico biancoblù ha le idee ben chiare. «Abbiamo individuato alcuni aspetti che vogliamo e che dobbiamo migliorare per fare un passo avanti, che si possono riassumere nell'efficacia sotto porta, l'eccessivo numero di penalità subite e il miglioramento, anzi direi lo sviluppo, del cosiddetto 'killer instinct': quante volte eravamo lì, e poi mancava qualcosina? Per migliorare questi aspetti dobbiamo crescere nella qualità, sia degli allenamenti, ma se possibile anche dell'effettivo, sempre nel limite delle nostre possibilità. Usciamo da quest'analisi con la convinzione rafforzata che il sistema scelto è quello giusto per l'Ambrì, ma pure con la consapevolezza che per giocare questo tipo di hockey sono fondamentali allenamenti e pianificazione, provando a diminuire un pochino gli infortuni che ci penalizzano, e per farlo siamo sempre all'avanguardia sulle tecniche d'allenamento, dotandoci di un sistema di rilevamento delle prestazioni anche in allenamento, sui carichi di lavoro, che abbiamo iniziato a utilizzare dopo la seconda quarantena e che vedremo di migliorare nel nuovo stadio grazie alla tecnologia».

Poi Duca conclude citando Winston Churchill: «"Il successo non è definitivo, l'insuccesso non è fatale: l'unica cosa che conta davvero è il coraggio di continuare", ed è con questo spirito – aggiunge – che continueremo a lavorare duramente per questo Ambrì».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved