lugano-la-trasferta-a-davos-frutta-altri-due-punti
Marc Arcobello cerca di frenare la corsa del grigionese Chris Egli (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
3 ore

Grande record per Oberti, limite anche per Maëva Tahou

Il talento del Gab firma il nuovo record cantonale U20 sui 110 ostacoli. La sua compagna di club centra il limite per i Mondiali U20 sui 100 ostacoli
formula 1
4 ore

Montecarlo, il sogno di Charles Leclerc

Il ferrarista, padrone di casa, è stato il più veloce nelle prove libere. Ci sono però le incognite della meteo e della tenuta del motore
Tennis
5 ore

Jil Teichmann fa fuori Azarenka e vola agli ottavi a Parigi

La 24enne di Bienne ha vinto al tie-break del terzo set la battaglia contro l’ex numero uno al mondo e ora se la vedrà con l’americana Stephens
Ciclismo
7 ore

Lo zurighese Schmid battuto solo da Bouwman a Castelmonte

L’olandese fa sua la 19esima tappa del Giro d’Italia precedendo il corridore elvetico e altri compagni di fuga. Tutto immutato nella generale
hockey
8 ore

L’Ambrì pesca il giovane Marchand dai Gck Lions

L’attaccante 20enne ha sottoscritto con i biancoblù un contratto valido per le due prossime stagioni
Hockey
8 ore

L’Hc Lugano tra la gente studiando i prossimi colpi di mercato

Il club bianconero presente a Lugano Marittima. Domenichelli: ‘Sì, l’idea è avere a disposizione un portiere straniero, ma bisogna avere pazienza’
Tennis
10 ore

Belinda Bencic cede a Leylah Fernandez e saluta Parigi

La sangallese si è inchinata in tre set alla talentuosa canadese nel terzo turno del Roland Garros
Calcio
10 ore

Domenica al Lido lo scontro al vertice tra Locarno e Ravecchia

Alle 16.30 il big-match del gruppo 2 di Terza Lega che potrebbe decidere il primo posto del girone e la conseguente promozione in Seconda Lega
Calcio
10 ore

L’Asf vuole una nuova casa e lancia uno studio di fattibilità

Il Comitato centrale ha approvato il budget e affidato l’incarico di preparare il progetto all’ingegnere Silvio Hartmann
hockey
11 ore

La Svizzera e quelle scelte per il futuro pagate nel presente

Al Mondiale in Finlandia chiusosi in modo deludente, i vertici elvetici hanno preferito elementi come Riat ed Egli agli esperti Brunner e Diaz
Hockey
11 ore

Mondiali, nel 2026 appuntamento in Svizzera

Sfumata, causa Covid, l’edizione 2020, il nostro Paese ospiterà la rassegna iridata tra quattro anni a Zurigo e Friborgo. Nel ’24 ragazze U18 in Ticino?
Atletica
12 ore

Sabato a Lugano si cercano i più veloci del Ticino

A partire dalle 13 la finale ticinese accoglierà un centinaio di giovani che oltre al titolo cantonale cercheranno il pass per le finali nazionali
Calcio
12 ore

Dopo il derby con il Chiasso la festa granata per la promozione

Sabato al termine della sfida con i rossoblù (che inizierà alle 16), l’Acb attende dalle 18 i propri tifosi per festeggiare il ritorno in Challenge League
Hockey
1 gior

Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa

Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
1 gior

Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso

Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
27.03.2021 - 22:22
Aggiornamento : 28.03.2021 - 17:08

Lugano, la trasferta a Davos frutta altri due punti

In vantaggio prima 4-1 e poi 5-2 i bianconeri per la prima volta in stagione sono costretti ad arrivare ai rigori, dove decidono Fazzini, Boedker e Josephs

Ottava vittoria di fila per il Lugano di Serge Pelletier. Anche se stavolta i punti sono soltanto due, in un sabato sera in cui i primi a passare sono proprio i ticinesi, già al secondo minuto di gioco. E in quell'azione ci mette nuovamente lo zampino il nuovo arrivato Troy Josephs, che scippa il disco a Jung, quindi Lammer e Herburger seminano scompiglio nello slot, e Mayer può soltanto restare a guardare. Poi, un paio di minuti dopo, quando Heed finisce sulla panca dei cattivi per uno sgambetto ai danni di Corvi, il Lugano va subito vicino al 2-0, dopo un gran lavoro di Boedker che porta il disco fin dentro al terzo, e sull'accorrente Wellinger il portiere del Davos è costretto a superarsi. Alla fine, però, Il raddoppio ticinese arriva. Nell'epilogo di tempo, quando i bianconeri si mettono a monopolizzare il disco, con i cinque del Davos che si trascinano sul ghiaccio sfiniti, schiacciati come sono nel loro terzo per un minuto abbondante: il puck gestito da Arcobello dietro la gabbia viene messo in mezzo per Boedker, che infila Mayer sul palo più vicino. 

Una penalità inflitta a Morini sul finire del tempo, ancora per sgambetto, riporta però i grigionesi in partita all'inizio del tempo di mezzo: bastano ventitré secondi a Marc Wieser per mettere alle spalel di Zurkirchen il provvisorio 1-2. Tuttavia, la speranza per i padroni di casa è di brevissima durata: la sanzione successiva, un aggancio fischiato a Sund, porta un caparbio Lammer a trovare il terzo gol al 24'49''. E il ventottenne attaccante zurighese che non segnava da una vita, ovvero dal 31 gennaio del 2020 (!), addirittura si ripete al 27'43'', dopo una splendida sgroppata di Romain Loeffel.

La brutta fine del bastone di Mayer

L'1-4 è il gol di troppo per Robert Mayer. Infuriato, l'ex portiere del Servette frantuma il bastone sul palo della propria porta (tra le proteste della panchina bianconera) e visibilmente infuriato s'avvia verso la panchina grigionese, mentre Marc Aeschlimann ne prende il posto sul ghiaccio. Una nuova infrazione, stavolta sul conto di Josephs, permette nuovamente al Davos di provare a rifarsi sotto, al 35'00'', con Ullström. Tuttavia non passano che ventisei secondi e l'attaccante canadese piovuto da Visp trova subito il modo di farsi perdonare, freddando Marc Aeschlimann con un gran polsino nel 'sette'. In un secondo tempo delle porte aperte, tuttavia, non finisce lì: una disattenzione bianconera permette a Frehner di trovarsi tutto solo davanti a un Zurkirchen che nulla può (3-5 al 38'31''), mentre a un minuto esatto dalla seconda sirena arriva persino anche il 4-5, con un tiro dalla distanza del solito Nygren.

In pista con Schlegel al posto di Zurkirchen, per i bianconeri l'inizio del terzo tempo non è tanto diverso dalla fine del secondo. Infatti, un tiro certo non imparabile ancora di Ullström finisce tra i gambali del numero 39, il quale inavvertitamente completa l'opera dell'insperata rimonta grigionese (del resto, il Lugano ancora al 36' si trovava avanti di tre gol) spingendo il disco in porta con il pattino, prima del definitivo tocco di Corvi. Schlegel che al 45'18'' deve pure ringraziare la traversa, su un tiro a botta sicura di Sund, mentre al 46'41'' il palo dice di no a un tentativo di Herzog. Insomma, il Davos non è più quello di prima. Ma a poco a poco il Lugano torna ad affacciarsi in attacco. Finché a tre minuti dalla fine Marc Aeschlimann deve fare gli straordinari per riuscire a fermare i tentativi ravvicinati di Herburger e Loeffel. Il risultato però non muterà più fino al sessantesimo, così si va al prolungamento per stabilire il nome del vincitore. Dove il Lugano beneficia di una superiorità numerica per una bastonata di Herzog a Fazzini, con lo stesso Fazzini che a powerplay ormai concluso va a colpire una traversa a dir poco clamorosa. Alla fine, e per la prima volta in stagione, i bianconeri sono così costretti ad andare fino ai rigori, dove a decidere tutto sono le conclusioni di Fazzini, Boedker e Josephs. 

Davos - Lugano (0-2 4-3 1-0 0-0; 0-1) d.r. 5-6

Reti: 1'51'' Herburger (Lammer) 0-1. 19'05'' Boedker (Arcobello, Bürgler) 0-2. 20'23'' Marc Wieser (Ullström, Corvi/esp. Morini) 1-2. 24'49'' Lammer (Bürgler/esp. Sund) 1-3. 27'43'' Lammer (Loeffel) 1-4. 35'00'' Ullström (esp. Josephs) 2-4. 35'26'' Josephs 2-5. 38'31'' Frehner (Baumgartner) 3-5. 39'00'' Nygren (Herzog) 4-5. 41'07'' Corvi (Ullström) 5-5. Rigori: Fazzini 0-1, Palushaj -; Arcobello -, Ullström -; Boedker 0-2, Ambühl 1-2; Josephs 1-3, Marc Wieser -  

Davos: Mayer (27'43'' Sandro Aeschlimann); Nygren, Sund; Guerra, Heinen; Jung, Hänggi; Barandun, Stoop; Herzog, Egli, Frehner; Ullström, Corvi, Palushaj; Ambühl, Nussbaumer, Marc Wieser; Baumgartner, Marc Aeschlimann, Kienzle.

Lugano: Zurkirchen (dal 40'00'' Schlegel); Loeffel, Chiesa; Heed, Wellinger; Wolf, Nodari; Riva; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Morini, Suri; Lammer, Herburger, Josephs; Zangger, Sannitz, Haussener; Romanenghi.

Arbitri: Tscherrig, Lemelin (Usa); Pitton, Steenstra (Can)

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 6 x 2' contro il Davos; 3 x 2 contro il Lugano. Tiri: 37-38 (8-14, 15-16, 11-8, 0-2). Davos senza Dino Wieser, Du Bois, Paschoud, Rubanik (tutti infortunati) e Turunen (straniero in soprannumero); Lugano privo di Bertaggia, Traber, Lajunen, Walker (tutti infortunati), Antonietti e Vedova (in soprannumero). Pali: 45'18'' Sund, 46'41'' Herzog. Al 62'23'' timeout chiesto dal Lugano. Premiati quali migliori giocatori in pista Chris Egli e Dominic Lammer.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davos hc lugano hcl hockey club lugano lugano national league

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved