il-lugano-scorda-il-bienne-e-si-rifa-sul-berna
Il rigore di Fazzini frutta il 2-0 ai bianconeri (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
18 ore

L’Asf solleva Vogel dalla panchina della U17

Alla base della decisione una differente visione sull’implementazione della nuova filosofia di gioco
Atletica
19 ore

Caroline Agnou non ce la fa: niente Eugene per lei

Reduce da un infortunio ai Campionati svizzeri, l’eptatleta elvetica deve gettare la spugna per i Mondiali statunitensi
basket
1 gior

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
1 gior

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
1 gior

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
1 gior

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
1 gior

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
1 gior

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
05.03.2021 - 21:57

Il Lugano scorda il Bienne e si rifà sul Berna

Alla Cornèr Arena torna il sorriso assieme ai tre punti: Lajunen, Fazzini, Boedker e Walker s'inventano i quattro gol che affossano gli Orsi

Il ritorno dei tre punti. E dei sorrisi. Per un Lugano che, comprensibilmente, dopo il manrovescio di martedì, scende in pista con un lineup quasi interamente rinnovato. In cui, vista pure l'assenza all'ultimo momento di Romanenghi, vittima di un piccolo problema a una caviglia, Julian Walker è costretto a un brusco ritorno alle origini, in qualità di centro in una quarta linea completata da Zangger e Haussener. 

Tutti quei cambiamenti sembrano avere subito un impatto, con il Lugano che prova subito ad aggredire gli Orsi. E al quarto tiro in porta arriva il gol d'apertura, al 3'49'', con Lajunen che è il più lesto a fiondarsi sulla respinta d'instinto di Tomi Karhunen dopo una deviazione di Fazzini su tiro di Suri. I bianconeri, però, non si fermano e continuano a pattinare in un primo tempo animato e anche piacevole da seguire, e il meritato raddoppio arriva al 14'30'': Heim e Pestoni pasticciano, Walker è il più lesto dei due e scatta in break tutto solo, con l'ala ticinese che all'ultimo si vede costretta ad arpionarlo a due passi da Karhunen: l'arbitro austriaco Miroslav Stolc non ha dubbi, è rigore, che Luca Fazzini s'incarica di trasformare con autorità. Ma non è tutto: quando sta per calare il sipario sul primo atto, Boedker scippa un disco a centropista a Praplan e dopo essersi presentato nel terzo del Berna lascia partire un missile che s'infila nell'angolo alto: è il 3-0 al 19'43''.

Nel secondo tempo, però, la musica è un po' diversa. Col Berna che decide di cambiar marcia, e il Lugano non ha più lo stesso impatto sulla partita. Anche se gli ospiti premono, però, i bianconeri non si fanno schiacciare. Pur se al 34'29'', in inferiorità numerica, devono incassare il primo gol degli Orsi, con una sventola al volo di Conacher che non lascia alcuno scampo a Schlegel. I due gol di margine in avvio di terzo tempo sono comunque un vantaggio confortante per gli uomini di Pelletier, che al secondo minuto sfiorano il 4-1 prima con Arcobello (big save di Karhunen) e poi Lammer. E il quarto gol bianconero alla fine arriva, al 55'16'': disco recuperato da Suri prima che uscisse dal terzo, e poi gran botta al volo di Walker dalla distanza.  

Lugano - Berna (3-0 0-1 1-0) 4-1

Reti: 3'49'' Lajunen (Fazzini, Suri) 1-0. 14'30'' Fazzini (rigore) 2-0. 19'43'' Boedker 3-0. 34'29'' Conacher (Andersson/esp. Zangger) 3-1. 55'16'' Walker (Suri) 4-1

Lugano: Schlegel; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Antonietti; Fazzini, Lajunen, Suri; Bürgler, Arcobello, Boedker; Lammer, Sannitz, Bertaggia; Zangger, Walker, Haussener; Traber.

Berna: Karhunen; Untersander, Zryd; Andersson, Beat Gerber; Thiry, Colin Gerber; Burren; Henauer, Burren; Conacher, Jeffrey, Olofsson; Scherwey, Heim, Pestoni; Sopa, Praplan, Moser; Berger, Bader, Jeremi Gerber.

Arbitri: Stricker, Stolc (A); Altmann, Wolf.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 5 x 2' contro il Lugano; 4 x 2' contro il Berna. Tiri: 27-24 (14-6, 8-13, 6-5). Lugano privo di Herburger, Morini, Fadani, Riva (tutti infortunati) e Romanenghi (acciaccato); Berna senza Blum, Rüfenacht, Sciaroni (infortunati), Neuenschwander e Sterchi (in soprannumero). Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Mikkel Boedker e Cory Conacher.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cornèr arena hcl hockey club lugano lugano berna
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved