piu-disciplina-soprattutto-nel-finale-delle-partite
L'assistant-coach biancoblù (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
24127
2
Minoly
22948
3
HC Petronilla
19700
4
Highliner Giazz
17766
5
Capseicina Peppers
17454
6
O la va O la spacca
17376
7
Suomi22
15950
8
Fazz17
15771
9
clotkamikazzze
15592
10
HCLM
15512
ULTIME NOTIZIE Sport
MOUNTAIN BIKE
2 min

Filippo Colombo quinto a Nalles

Ottima prova del ticinese nella terza tappa degli Internazionali d'Italia. Dominio svizzero con Mathias Flückiger e Nino Schurter
Calcio
3 ore

Covid, Daniele De Rossi: 'Non fossi venuto in ospedale...'

'Ho la polmonite interstiziale bilaterale, non a un livello gravissimo però ce l'ho'. Il calciatore in un video e foto virali (per il fastidio dei familiari)
CALCIO
14 ore

Il Lugano stringe i denti, vince e blinda la salvezza

I bianconeri battono il Losanna con un gol di Maric e raggiungono quota 40, considerata da Jacobacci la quota sicurezza. Ora possono pensare ai quarti di Coppa
Il tramonto della Valascia
16 ore

‘Questo stadio mancherà a tutti’

Un giornalista e un ex giocatore (pure nei panni dell'avversario) sfogliano l'ultima pagina dell'album
Hockey
1 gior

Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria

Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
Hockey
1 gior

Il Lugano conosce il suo rivale: nei quarti sfida il 'Rappi'

Trascinati dal loro portiere Melvin Nyffeler, a sorpresa i sangallesi eliminano il Bienne nei pre-playoff di National League. Il Davos, invece, è sull'1-1
Calcio
1 gior

Tra Chiasso e Kriens finisce 0-0. Un'occasione sprecata

I rossoblù costretti al pareggio da una squadra lucernese scesa in Ticino per barricarsi. ‘Ma la stagione è ancora lunghissima‘, dice il rientrante Maccoppi
NUOTO
1 gior

Tre record ai Nazionali di Uster. E il Ticino fa la sua parte

Noé Ponti brilla ancora ai campionati svizzeri, polverizzando l'8'06''64 di Stefan Sigrist sugli 800 stile libero, che resisteva da dodici anni
Tennis
1 gior

A Bellinzona continua il sogno di Simona Waltert

La ventenne grigionese vince la sfida con la coriacea Jana Fett e si qualifica alle semifinali del torneo Itf W 60
CALCIO FEMMINILE
1 gior

Pari della Svizzera nell'andata dello spareggio per Euro22

Le ragazze di Nielsen portano a casa dalla Repubblica ceca un prezioso 1-1, ottenuto al 90’ con un rigore trasformato da Crnogorcevic. Martedì il ritorno
Calcio
1 gior

Europei di calcio, dodici città pronte ad aprire al pubblico

In sospeso, oltre a quelle di Bilbao e Dublino, restano le sorti di Monaco e Roma. 'Hanno tempo fino al 19 aprile per informarci sui loro piani', dice l'Uefa
CICLISMO
1 gior

Doppietta Deceuninck con Honoré e Cerny

Al Giro dei Paesi Baschi la corsa si deciderà domani con sette salite in 112 km. Al comando sempre lo statunitense McNulty
Hockey
06.03.2021 - 16:310

‘Più disciplina, soprattutto nel finale delle partite’

Lo chiede l'assistente di Cereda René Matte dopo le due partite perse anche a causa delle parecchie inferiorità numeriche concesse

Sei martedì a Zugo, addirittura undici giovedì contro il Bienne. Sono le penalità minori fischiate all'Ambrì Piotta nelle ultime due partite (a cui vanno aggiunte quella disciplinare di partita sul conto di Cereda contro gli svizzerocentrali e quella di 10 minuti di Flynn per la sua carica alla balaustra contro i Seeländer. Tante? «Beh, effettivamente sono un bel numero – commenta il braccio destro di Luca Cereda sulla panchina dei biancoblù René Matte –. È pur vero che contro lo Zugo, a far lievitare il conto sono state le due doppie penalità minori fischiare a Fora, ma, anche così, il numero di sanzioni resta comunque effettivamente alto, eccessivo. Su talune decisioni si potrebbe anche disquisire sul metro di interpretazione adottato dagli arbitri, ma in tutti i casi dobbiamo migliorare sul piano della disciplina, non si scappa. Si può avere un boxplay efficace finché si vuole, ma quando sei costretto a giocare per tanti minuti con un uomo in meno, poi ti mancano preziose energie quando torni a ranghi completi. Ed è quello che ci è capitato sia contro lo Zugo, sia contro il Bienne». Tanto più che in entrambe le partite le occasioni la rete decisiva del confronto è appunto arrivata sugli sviluppi di altrettante situazioni di inferiorità numerica dei leventinesi. «Già, nei momenti decisivi delle partite, e più segnatamente quando mancano pochi minuti al sessantesimo, dovremo prestare ancora più attenzione all'aspetto della disciplina».

Come spieghi un così alto numero di sanzioni? Sono da considerare come la conseguenza di un gioco volutamente più fisico per sopperire al gap tecnico nei confronti dell'avversario? «Non direi. Senza valutare caso per caso, alcune di queste penalità sono scaturite da banali episodi di gioco. Come la prima doppia penalità di Fora giovedì, nata da un suo sbilanciamento che ha fatto finire sul volto di un avversario il suo bastone».

Domani in quarto derby stagionale con punti pesanti in palio

Chiuso il capitolo Bienne, domani sera alla Valascia va in scena il quarto derby stagionale. Che, come i due precedenti e quello che aveva chiuso la scorsa regular season, si giocherà ancora una volta a porte chiuse (mentre a inizio ottobre, lo si era fatto in una pista occupata per soli due terzi): senza l'atmosfera dei tifosi, le sfide con il Lugano mantengono comunque un carattere diverso rispetto alle altre partite? «Con o senza pubblico le cose non cambiano granché. Cioè, è chiaro che viene a mancare quell'ambiente elettrizzante che solo uno stadio gremito è in grado di dare, ma, anche così, il derby è sempre una partita diversa dalle altre, con emozioni e tensioni amplificate». Anche perché domani in gioco ci saranno anche punti pesanti per entrambe le squadre, con il Lugano alla ricerca dell'accesso diretto ai playoff, e l'Ambrì Piotta in piena corsa per staccare un biglietto per i pre-playoff. Avvertite più pressione con questa nuova formula per il post-season? «Siamo nella condizione del club che non ha nulla da perdere ma tanto, se non tutto, da guadagnare. Perciò siamo liberi di giocare tutte le nostre carte senza assilli. Del resto non si dimentichi che erano in parecchi a inizio stagione a non pronosticarci oltre l'undicesima piazza... Ora siamo più in alto in classifica, e in zona utile per i pre-playoff, perciò sì, un po' più di tensione la percepiamo, ma non parlerei di pressione. O, almeno, non di quella che grava su chi è nella posizione di dover dimostrare qualcosa, come potrebbe essere il caso Berna, per intenderci... Non a caso siamo arrivati fin qui con i nostri mezzi, senza cercare a destra e sinistra rinforzi particolari, se non per sopperire alle varie assenze».

Il contratto che ti lega all'Ambrì Piotta giungerà a scadenza al termine di questa stagione. E poi? Hai già piani per il futuro? «Con Paolo Duca abbiamo iniziato a parlare della mia situazione settimana scorsa. Ma è si è trattato solo di una prima discussione: ne riparleremo nei prossimi giorni immagino».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved