a-lugano-la-vendetta-e-un-piatto-che-va-servito-di-venerdi
Con un tocco al volo il danese Boedker mette alle spalle di Descloux il disco del 6-1 (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
24127
2
Minoly
22948
3
HC Petronilla
19700
4
Highliner Giazz
17766
5
Capseicina Peppers
17454
6
O la va O la spacca
17376
7
Suomi22
15950
8
Fazz17
15771
9
clotkamikazzze
15592
10
HCLM
15512
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
10 ore

Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria

Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
Hockey
17 ore

Il Lugano conosce il suo rivale: nei quarti sfida il 'Rappi'

Trascinati dal loro portiere Melvin Nyffeler, a sorpresa i sangallesi eliminano il Bienne nei pre-playoff di National League. Il Davos, invece, è sull'1-1
Calcio
18 ore

Tra Chiasso e Kriens finisce 0-0. Un'occasione sprecata

I rossoblù costretti al pareggio da una squadra lucernese scesa in Ticino per barricarsi. ‘Ma la stagione è ancora lunghissima‘, dice il rientrante Maccoppi
NUOTO
18 ore

Tre record ai Nazionali di Uster. E il Ticino fa la sua parte

Noé Ponti brilla ancora ai campionati svizzeri, polverizzando l'8'06''64 di Stefan Sigrist sugli 800 stile libero, che resisteva da dodici anni
Tennis
18 ore

A Bellinzona continua il sogno di Simona Waltert

La ventenne grigionese vince la sfida con la coriacea Jana Fett e si qualifica alle semifinali del torneo Itf W 60
CALCIO FEMMINILE
21 ore

Pari della Svizzera nell'andata dello spareggio per Euro22

Le ragazze di Nielsen portano a casa dalla Repubblica ceca un prezioso 1-1, ottenuto al 90’ con un rigore trasformato da Crnogorcevic. Martedì il ritorno
Calcio
21 ore

Europei di calcio, dodici città pronte ad aprire al pubblico

In sospeso, oltre a quelle di Bilbao e Dublino, restano le sorti di Monaco e Roma. 'Hanno tempo fino al 19 aprile per informarci sui loro piani', dice l'Uefa
CICLISMO
22 ore

Doppietta Deceuninck con Honoré e Cerny

Al Giro dei Paesi Baschi la corsa si deciderà domani con sette salite in 112 km. Al comando sempre lo statunitense McNulty
CALCIO
22 ore

Bellinzona ancora in campo al Comunale, ospite il Brühl

La compagine di Davide Morandi al secondo appuntamento casalingo (in diretta streaming) dopo il pareggio di domenica scorsa contro l'Yverdon
CALCIO
22 ore

Young Boys campione già domenica?

I bernesi potrebbero conquistare il quarto titolo svizzero consecutivo se una serie di condizioni dovessero concretizzarsi
CALCIO
1 gior

Lugano, c'è quel 2-0 da vendicare

I bianconeri ricevono il Losanna che a fine febbraio aveva dominato la sfida della Tuilière. Maurizio Jacobacci: ‘I presupposti sono diversi’
Altri sport
1 gior

Basket, un weekend di gare che contano per Massagno e Lugano

Se le due squadre ticinesi vinceranno i rispettivi incontri domani (contro Nyon e Boncourt), la Spinelli si garantirà il secondo posto e i Tigers il sesto
Hockey
26.02.2021 - 21:590
Aggiornamento : 23:15

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler

Serge Pelletier, e non solo lui, sarà senz'altro contento del fatto che alla Cornèr Arena i giorni non si assomiglino. Per un Lugano dopo la clamorosa sberla della sera prima, contro il medesimo avversario, sceglie di cominciare la partita con Zurkirchen tra i pali, portiere svittese che alla vigilia era subentrato a Niklas Schegel dopo soli 5 minuti, sul risultato di 3-0 per il Servette.

Esattamente come ventiquattr'ore prima, anche stavolta non ci vuol molto per veder maturare le prime reti. Con la grossa differenza, però, che al venerdì le braccia al cielo sono quelle dei giocatori del Lugano: prima segna Boedker, al tredicesimo centro in stagione, dopo un disco sulla porta di Arcobello al primo minuto di gioco che Bürgler prova a toccare, apparentemente senza riuscirvi; poi è la volta di Lajunen, che al 6'16'' si trova davanti un'autostrada al termine di una sgroppata di Heed alimentata da Wellinger. E non è finita: al 16'17'', in powerplay (fuori c'è Karrer, per un bastone un po' troppo alto) su funambolico assist di Fazzini in tuffo, Arcobello mette alle spalle di Manzato la rete del 3-1. Già, perché 6'41'', praticamente alla prima occasione, Rod trova il modo di accorciare sul 2-1, al termine di una veloce ripartenza. A dimostrazione che agli ospiti può bastare anche solo un disco per andare in gol.

All'inizio del periodo centrale Patrick Emond decide di togliere i galloni di titolare a Manzato, rimettendo tra i pali Gauthier Descloux. Tuttavia, per il numero 34 l'avvio è da incubo: il portierino granata infatti capitola subito al primo tiro, con Bürgler che riesce a segnare nonostante uno sgambetto di Omark, quindi in situazione di penalità differita. Non passano poi che cinquantratré secondi e il Lugano va addirittura sul 5-1: disco recuperato da Sannitz in attacco e l'uno-due tra Bertaggia e Sannitz non lascia scampo al portiere numero uno del Servette. Servette che al 27'32'' crede di poter almeno provare a riaprire il discorso, dopo il secondo gol firmato da Fehr. Lo staff bianconero, tuttavia, ritiene che quell'azione in precedenza fosse viziata da fuorigioco e così gioca la carta del coaches challenge, e le immagini danno loro ragione. Da quell'episodio gli ospiti non si riprenderanno più. Tanto che alla seconda pausa i ticinesi ci vanno in vantaggio addirittura di sei reti, con il 6-1 che porta la firma ancora di Boedker mentre la paternità del 7-1 è di Luca Fazzini.

A quel punto, naturalmente, la partita e bell'e finita. Con il terzo tempo che si gioca soltanto per onor di firma, e i ticinesi che alla fine la spuntano per 7-2, con l'ultima rete della partita che porta la firma di Stéphane Patry. 

Lugano - Ginevra Servette (3-1 4-0 0-1) 7-2

Reti: 1'00'' Boedker (Arcobello, Bürgler) 1-0. 6'16'' Lajunen (Heed, Walker) 2-0. 6'41'' Rod (Richard) 2-1. 16'17'' Arcobello (Fazzini/esp. Karrer) 3-1. 21'04'' Bürgler 4-1. 21'57'' Fazzini (Bertaggia) 5-1. 31'38'' Boedker (Bürgler, Arcobello) 6-1. 36'45'' Fazzini 7-1. 47'30'' Patry (Smirnovs, Mercier) 7-2.

Lugano: Zurkirchen; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Antonietti; Walker, Lajunen, Suri; Boedker, Arcobello, Bürgler; Fazzini, Sannitz, Bertaggia; Lammer, Romanenghi, Haussener; Traber.

Ginevra Servette: Manzato (dal 20'00'' Descloux); Tömmernes, Jacquemet; Le Coultre, Karrer; Mercier, Völlmin; Guebey; Moy, Winnik, Omark; Vermin, Richard, Rod; Kast, Fehr, Miranda; Berthon, Smirnovs, Patry; Fritsche.

Arbitri: Stricker, Borga; Cattaneo, Stalder.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 5 x 2' + 1 x 10' (Walker) contro il Lugano; 1 x 2' + 1 x 10' (Fehr) contro il Ginevra. Tiri: 32-24 (14-7, 12-9, 6-9). Lugano privo di Herburger, Morini, Riva, Fadani (tutti infortunati) e Zangger (in soprannumero); Ginevra Servette senza Maurer (infortunato) e Vouillamoz (in soprannumero). Al 27'23'' rete annullata a Vermin dopo coaches challenge chiesto dal Lugano (azione viziata in precedenza da fuorigioco). Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Mikkel Boedker e Arnaud Jacquemet.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved