giocare-senza-pause-aumenta-il-rischio-di-infortuni
‘C'è ancora troppa poca continuità tra una prestazione e l'altra’ (ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
19972
2
Minoly
18264
3
HC Petronilla
15497
4
Fazz17
14989
5
HCLM
14761
6
Highliner Giazz
14553
7
Capseicina Peppers
14297
8
O la va O la spacca
14243
9
Luganesina
14196
10
Suomi22
12429
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
12 ore

Cunti beffa l'Ambrì, costretto alla resa al supplementare

Un tocco del topscorer del Bienne al 61'01'' decide una sfida che la squadra di Cereda, sotto 2-0 al 27', era riuscita a riaprire per ben due volte
Calcio
14 ore

Un cinico Lugano spazza via l'aria di crisi

I bianconeri vincono 3-0 a Sion una sfida fondamentale in chiave classifica e riassaporano il gusto della vittoria dopo sette partite
Hockey
15 ore

La National League rinvia decisioni e riforme

La Lega attenderà la fine della stagione. I giocatori saranno maggiormente coinvolti in tutte le discussioni
Hockey
16 ore

Ambrì, stagione conclusa per Matt D'Agostini

Tempi di recupero lunghi per il 34enne canadese. Julius Nättinen riprenderà a giocare presto, una volta riassorbito l'ematoma alla coscia sinistra
PODISMO
17 ore

Niente Giro della Media Blenio nemmeno nel 2021

Per il secondo anno consecutivo la manifestazione è stata annullata a causa della pandemia di Covid-19. L'alternativa della pratica individuale
Sci freestyle
17 ore

Nicole Gasparini terza ad Airolo, Conedera e Buzzi nel Top-10

Ottimi risultati dei ticinesi nel moguls negli ultimi due appuntamenti della Raiffeisen Fis Freestyle Ski Europa Cup Airolo 2021
SCI NORDICO
19 ore

La Norvegia domina la staffetta, Svizzera settima

Solida prestazione del quartetto rossocrociato in una gara che ha visto salire sul podio mondiale anche Russia e Finlandia. Grande delusa, la Svezia solo sesta
ATLETICA LEGGERA
20 ore

Simon Ehammer sogna una medaglia nell'eptathlon

Agli Europei indoor di Torun la delegazione svizzera presenta 23 atleti. Nell'asta Angelica Moser spera di fare meglio del quarto posto del 2019
SCI ALPINO
21 ore

Feuz pronto per l'assalto alla Coppa di specialità

Il bernese ha chiuso all'ottavo posto la seconda prova cronometrata in vista delle due discese di Saalbach. Bene Weber (5.), Odermatt undicesimo
CICLISMO
21 ore

Il Tour de Suisse numero 84 da Frauenfeld ad Andermatt

Svelato il percorso della corsa nazionale in programma, pandemia permettendo, dal 6 al 13 giugno. Venerdì 11 la carovana transiterà dal Ticino
Hockey
23 ore

Il Lugano pronto a rinnovare la collaborazione con i Rockets

La società bianconera, azionista di minoranza dell'Hockey Club Biasca Sa, conferma la disponibilità a continuare la cooperazione per la stagione 2021-22
BASKET
1 gior

Sam battuta sul filo di lana, Olympic in semifinale

Il quarto di Coppa a Nosedo deciso da un 'tap-in' di Cotture, e il Friborgo supera l'ostacolo Massagno. Gubitosa: 'Siamo mancati nell'insieme'
Hockey
1 gior

Per i Rockets è un mercoledì da leoni

Nella terzultima uscita di regular-season i ragazzi di Landry e McNamara battono l'Academy e fanno un passo verso i pre-playoff. Decide tutto Loïc Vedova
Hockey
1 gior

‘Giocando come martedì, possiamo battere chiunque’

Per Trisconi, la partita di Zugo ‘ha avuto un finale amaro, ma ha ribadito che l'Ambrì da diverse partite a questa parte sta giocando bene’
Formula 1
1 gior

Aston Martin, 61 anni dopo. 'Otterremo il massimo da Vettel'

Svelata la monoposto del nuovo team britannico che torna ad affacciarsi in F1 con il campione tedesco. 'Ho grandissime attese', dice l'ex ferrarista
CALCIO
1 gior

Sion e una classifica che non mente

Marco Degennaro: ‘Al momento il nostro valore si situa tra il 7.mo e il 10.mo posto. Dopo la brutta partita con il Vaduz, occorre una riscossa contro il Lugano’
Hockey
21.01.2021 - 18:230

‘Giocare senza pause aumenta il rischio di infortuni’

Il punto alla situazione in casa Ambrì Piotta a metà del guado della stagione regolare dei leventinesi con il direttore sportivo Paolo Duca

Mentre il Berna è ancora fermo a quota 19 partite, raggiunte il 5 gennaio, Rapperswil e Ambrì Piotta, che sono quelle che ne hanno giocate più di tutte le altre, hanno già oltrepassato da un po’ il giro di boa di metà stagione: ventinove partite a testa. Per un bottino che, tanto per i sangallesi quanto per i biancoblù, si attesta a quota 32 punti, per una media di 1,10 punti a partita. Un bilancio che soddisfa? «Sì e no, sia per risultati, sia per prestazioni – commenta il direttore sportivo dell’Ambrì Piotta Paolo Duca –. La squadra ci ha messo un po’ a carburare, ma poi, strada facendo, ha preso slancio: abbiamo avuto anche delle gran belle prestazioni, ricavandone però un po’ poco in termini di risultati. Trovo che la squadra abbia comunque lavorato bene, adattandosi in maniera ottimale a una situazione che per tutti era qualcosa di inedito e non facile gestire, tanto sul piano fisico quanto su quello mentale. Il nostro prossimo obiettivo, a cui stiamo in verità lavorando da diverse settimane, è quello di ricercare maggiore costanza nelle prestazioni, perché ancora troppo spesso non riusciamo a dare l’auspicato seguito alle ottime prestazioni».

Un discontinuità di risultati e prestazioni imputabile, in parte, anche alla pandemia, che sta scombussolando i piani di un po’ tutte le squadre. Una (il Berna) già costretta a fermarsi tre volte da ottobre a oggi per osservare una quarantena, diverse altre confrontate con due stop. In Leventina, da questo punto di vista, è andata un po’ meglio, visto che gli uomini di Luca Cereda, per ora, restano fermi a quell’unica quarantena di inizio novembre, quasi in concomitanza con quella che sarebbe dovuta essere la prima pausa per lasciar posto alla Nazionale. «Sì, in un certo senso finora ci è andata bene sotto questo aspetto, anche se penso che si tratti più di fortuna anziché di meriti particolari: certo, abbiamo sempre cercato di osservare in maniera scrupolosa i protocolli sanitari, come sono comunque certo che abbiano fatto tutte le altre società, Berna compreso. È però anche vero che il fatto di essere stati costretti a un solo stop forzato ci ha portati a giocare praticamente ininterrottamente per diversi mesi, e alla lunga questo si fa sentire: nell’hockey professionistico le pause sono necessarie per rifiatare. I giocatori sono abituati a quei break internazionali che questa stagione la pandemia ha di fatto azzerato. Per noi, lasciata la quarantena alle spalle, da novembre in poi è stata un’unica tirata, con tutte le conseguenze del caso, a cominciare da un certo affaticamento. E a peggiorare il quadro della situazione è tutta quell’incertezza dettata dalla pandemia che permea un po’ tutto, hockey compreso: flessibilità e adattamento ai frequenti cambiamenti di programma comporta un ulteriore dispendio di preziose energie. Tutte premesse che comportano un certo rischio maggiorato di infortuni, tendenza che del resto si registra in quasi tutti i club della Lega». Parole, quelle del direttore sportivo dell’Ambrì Piotta, che sono ben riassunte dal bollettino dell’infermeria biancoblù: martedì, a Langnau, a mancare all’appello di Cereda causa acciacchi vari erano otto giocatori (Bianchi, Conz, D’Agostini, Isacco Dotti, Incir, Kneubuehler, Mazzolini e Nättinen). Rispetto a un anno fa come sta andando sotto questo punto di vista: avete fatto paragone per natura e gravità degli infortuni con la passata stagione? «In generale, ritengo ci sia una certa correlazione tra il numero degli infortuni e lo stress derivato da un periodo prolungato di attività senza sosta. Nello specifico, per quantità di giocatori feriti siamo comunque in linea con la passata stagione: non ho notato cambiamenti significativi».

‘Un sostituto per Julius Nättinen? Siamo sempre vigili sul mercato’

Perdendo anche Nättinen, però, visto il protrarsi della convalescenza di D’Agostini, sullo scacchiere di Cereda però ci sono solo due pedine d’importazione. E lo stesso coach, al termine della partita di martedì, aveva espresso il desiderio di tornare sul mercato per allargare la rosa: vi state muovendo in questo senso? «Siamo sempre vigili sul mercato. Ma lo siamo con un occhio, mentre con l’altro ben attento a quelle che sono le nostre possibilità. Vogliamo far tutto il possibile per mettere la squadra nella condizione di essere competitiva, dotando il suo arco di tutte le frecce necessarie, ma facendo il passo sempre secondo la gamba dal punto di vista finanziario. Ciò detto, se dovessimo trovare la soluzione che faccia al caso nostro, siamo più che pronti a muoverci». È un buon periodo per guardare al mercato? «Ci sono diversi giocatori ancora alle prese con campi allargati e ’tryout’, attualmente senza contratto ma con ancora qualche carta da giocare, per cui ora come ora non è forse il momento ideale per portarsi a casa qualche pezzo pregiato. I giovani in particolare, preferiscono prima giocare tutte le loro carte prima di prendere delle decisioni».

Detto del presente, parliamo del futuro: come ti stai muovendo sul mercato internazionale in vista della prossima stagione? «Al momento attuale è praticamente impossibile agire in proiezione futura: ci sono ancora troppi aspetti che prima devono essere regolati prima di pensare a una pianificazione a medio termine. A cominciare dalla questione legata ai contributi a fondo perso, alle condizioni che andranno soddisfatte per potervi accedere... In attesa che vengano regolare queste questioni, non possiamo far altro che focalizzarci su questa stagione».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved