HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1647
2
AmStars
1630
3
numenumeBiel
1588
4
EHL Wolves
1578
5
Futti
1569
6
Bidus
1560
7
Egetswiler Flyers
1559
8
Sparta Becherovka
1558
9
Topshelfers
1557
10
KISS of DEATH
1556
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
12 ore

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
12 ore

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
18 ore

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
19 ore

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
19 ore

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
1 gior

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
1 gior

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
1 gior

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
1 gior

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
1 gior

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
1 gior

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
1 gior

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
1 gior

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
1 gior

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
BASKET
2 gior

Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli

Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
laR
 
21.01.2021 - 18:23

‘Giocare senza pause aumenta il rischio di infortuni’

Il punto alla situazione in casa Ambrì Piotta a metà del guado della stagione regolare dei leventinesi con il direttore sportivo Paolo Duca

giocare-senza-pause-aumenta-il-rischio-di-infortuni
‘C'è ancora troppa poca continuità tra una prestazione e l'altra’ (ti-Press)

Mentre il Berna è ancora fermo a quota 19 partite, raggiunte il 5 gennaio, Rapperswil e Ambrì Piotta, che sono quelle che ne hanno giocate più di tutte le altre, hanno già oltrepassato da un po’ il giro di boa di metà stagione: ventinove partite a testa. Per un bottino che, tanto per i sangallesi quanto per i biancoblù, si attesta a quota 32 punti, per una media di 1,10 punti a partita. Un bilancio che soddisfa? «Sì e no, sia per risultati, sia per prestazioni – commenta il direttore sportivo dell’Ambrì Piotta Paolo Duca –. La squadra ci ha messo un po’ a carburare, ma poi, strada facendo, ha preso slancio: abbiamo avuto anche delle gran belle prestazioni, ricavandone però un po’ poco in termini di risultati. Trovo che la squadra abbia comunque lavorato bene, adattandosi in maniera ottimale a una situazione che per tutti era qualcosa di inedito e non facile gestire, tanto sul piano fisico quanto su quello mentale. Il nostro prossimo obiettivo, a cui stiamo in verità lavorando da diverse settimane, è quello di ricercare maggiore costanza nelle prestazioni, perché ancora troppo spesso non riusciamo a dare l’auspicato seguito alle ottime prestazioni».

Un discontinuità di risultati e prestazioni imputabile, in parte, anche alla pandemia, che sta scombussolando i piani di un po’ tutte le squadre. Una (il Berna) già costretta a fermarsi tre volte da ottobre a oggi per osservare una quarantena, diverse altre confrontate con due stop. In Leventina, da questo punto di vista, è andata un po’ meglio, visto che gli uomini di Luca Cereda, per ora, restano fermi a quell’unica quarantena di inizio novembre, quasi in concomitanza con quella che sarebbe dovuta essere la prima pausa per lasciar posto alla Nazionale. «Sì, in un certo senso finora ci è andata bene sotto questo aspetto, anche se penso che si tratti più di fortuna anziché di meriti particolari: certo, abbiamo sempre cercato di osservare in maniera scrupolosa i protocolli sanitari, come sono comunque certo che abbiano fatto tutte le altre società, Berna compreso. È però anche vero che il fatto di essere stati costretti a un solo stop forzato ci ha portati a giocare praticamente ininterrottamente per diversi mesi, e alla lunga questo si fa sentire: nell’hockey professionistico le pause sono necessarie per rifiatare. I giocatori sono abituati a quei break internazionali che questa stagione la pandemia ha di fatto azzerato. Per noi, lasciata la quarantena alle spalle, da novembre in poi è stata un’unica tirata, con tutte le conseguenze del caso, a cominciare da un certo affaticamento. E a peggiorare il quadro della situazione è tutta quell’incertezza dettata dalla pandemia che permea un po’ tutto, hockey compreso: flessibilità e adattamento ai frequenti cambiamenti di programma comporta un ulteriore dispendio di preziose energie. Tutte premesse che comportano un certo rischio maggiorato di infortuni, tendenza che del resto si registra in quasi tutti i club della Lega». Parole, quelle del direttore sportivo dell’Ambrì Piotta, che sono ben riassunte dal bollettino dell’infermeria biancoblù: martedì, a Langnau, a mancare all’appello di Cereda causa acciacchi vari erano otto giocatori (Bianchi, Conz, D’Agostini, Isacco Dotti, Incir, Kneubuehler, Mazzolini e Nättinen). Rispetto a un anno fa come sta andando sotto questo punto di vista: avete fatto paragone per natura e gravità degli infortuni con la passata stagione? «In generale, ritengo ci sia una certa correlazione tra il numero degli infortuni e lo stress derivato da un periodo prolungato di attività senza sosta. Nello specifico, per quantità di giocatori feriti siamo comunque in linea con la passata stagione: non ho notato cambiamenti significativi».

‘Un sostituto per Julius Nättinen? Siamo sempre vigili sul mercato’

Perdendo anche Nättinen, però, visto il protrarsi della convalescenza di D’Agostini, sullo scacchiere di Cereda però ci sono solo due pedine d’importazione. E lo stesso coach, al termine della partita di martedì, aveva espresso il desiderio di tornare sul mercato per allargare la rosa: vi state muovendo in questo senso? «Siamo sempre vigili sul mercato. Ma lo siamo con un occhio, mentre con l’altro ben attento a quelle che sono le nostre possibilità. Vogliamo far tutto il possibile per mettere la squadra nella condizione di essere competitiva, dotando il suo arco di tutte le frecce necessarie, ma facendo il passo sempre secondo la gamba dal punto di vista finanziario. Ciò detto, se dovessimo trovare la soluzione che faccia al caso nostro, siamo più che pronti a muoverci». È un buon periodo per guardare al mercato? «Ci sono diversi giocatori ancora alle prese con campi allargati e ’tryout’, attualmente senza contratto ma con ancora qualche carta da giocare, per cui ora come ora non è forse il momento ideale per portarsi a casa qualche pezzo pregiato. I giovani in particolare, preferiscono prima giocare tutte le loro carte prima di prendere delle decisioni».

Detto del presente, parliamo del futuro: come ti stai muovendo sul mercato internazionale in vista della prossima stagione? «Al momento attuale è praticamente impossibile agire in proiezione futura: ci sono ancora troppi aspetti che prima devono essere regolati prima di pensare a una pianificazione a medio termine. A cominciare dalla questione legata ai contributi a fondo perso, alle condizioni che andranno soddisfatte per potervi accedere... In attesa che vengano regolare queste questioni, non possiamo far altro che focalizzarci su questa stagione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved