laRegione
villa-e-zanetti-la-scelta-verde-del-lugano
Il diciannovenne ai Mondiali U20: 'Non è stato un gran risultato ma una grande esperienza' (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
14026
2
Minoly
11887
3
Fazz17
11563
4
HCLM
11035
5
Luganesina
10830
6
Wee
9385
7
O la va O la spacca
9346
8
Capseicina Peppers
9298
9
Highliner Giazz
9263
10
HC Petronilla
9125
ULTIME NOTIZIE Sport
Atletica
3 ore

Ajla Del Ponte è pronta ad aggiungere altri mattoncini

La sprinter valmaggese si sta preparando (in Sudafrica) per una nuova stagione che per lei scatterà al coperto il 29 gennaio. Con un occhio rivolto a Tokyo
Hockey
3 ore

Due settimane di stop per il biancoblù Julius Nättinen

‘Solo’ una forte distorsione alle cervicali per il finlandese dell'Ambrì Piotta. Indisponibili pure Kneubuehler e Mazzolini
Hockey
4 ore

‘Preoccupato no, ma riconosco che mi manca qualcosa’

È un casco giallo un po' sbiadito quello di Mark Arcobello, topscorer del Lugano ma a secco di reti da sedici partite
Hockey
4 ore

Mondiali, marcia indietro dell'Iihf: niente Minsk

La Federazione internazionale ritira l'assegnazione dell'organizzazione alla Bielorussia. E valuta le opzioni di Danimarca e Slovacchia
Calcio
5 ore

La Nazionale due volte a San Gallo

Svizzera-Lituania per le qualificazioni agli Europei e Svizzera Finlandia (amichevole) al Kybunpark
Tennis
7 ore

La fase finale della Coppa Davis in tre città

Oltre a Madrid, due sedi europee ospiteranno due gironi a testa e due quarti di finale. Il Resto sarà concentrato nella capitale spagnola
Ciclismo
7 ore

Hirschi spalleggerà Pogacar al Tour de France

Il bernese nella scorsa edizione ha vinto la frazione di Sarran. Lo sloveno prenderà parte anche alla Vuelta
Calcio
8 ore

Paolo Tramezzani allenatore dell'Hajduk Spalato

L'ex tecnico bianconero e del Sion ha firmato per il club croato fino al 2022
Calcio
8 ore

Alain Nef nello staff dello Zurigo

Il 38enne ex difensore centrale proprio dell'Fcz ritiratosi nel 2019 è l'assistente allenatore della Under 18 tigurina
Tennis
11 ore

Alexander Zverev molla Roger Federer e si affida a Sergej Bubka

"Torno alle origini, mi sosterrà la mia famiglia". Il tedesco chiude la collaborazione con l'agenzia Team 8, fondata dal campione svizzero e dal suo manager.
Sci
11 ore

Sci: testato positivo il direttore delle corse di Coppa del Mondo

Markus Waldner in isolamento, non sarà presente al weekend di gare a Kitzbühel. Tampone negativo per le persone del suo entourage.
Hockey
22 ore

'Mondiali in Bielorussia? Senza di noi, però'

Dopo Skoda, anche l'azienda tedesca Liqui Moly minaccia di togliere la sponsorizzazione nel caso in cui Minsk dovesse ospitare il torneo a fine maggio
BASKET
1 gior

Massagno ko e Lugano ok, entrambe di misura

Spinelli battuta a Ginevra dopo essere rimasta in partita fino all'ultimo, Tigers in rimonta contro il Nyon
GALLERY
Hockey
1 gior

Ambrì: c'è la prestazione, non il risultato

Prova generosa e coraggiosa dei leventinesi, sconfitti 2-0 sul ghiaccio dello Zugo. In una domenica macchiata dall'infortunio di Nättinen
Calcio
1 gior

Il Lugano sopravvive al rigore invernale e fa 1-1 a Sion

Nella prima uscita del 2021 i bianconeri vanno sotto 1-0 al Tourbillon a causa di un'ingenuità di Daprelà, che poi però si rifà trovando il pareggio al 95'
GALLERY
Hockey
1 gior

Stavolta il Lugano si deve inchinare al Davos

Bianconeri sconfitti dai grigionesi per la prima volta in stagione: alla Cornèr Arena la domenica pomeriggio si conclude sul 2-4
TENNIS
1 gior

Australian Open al via come previsto, malgrado il confinamento

Si inizierà l'8 febbraio nonostante 72 giocatori in isolamento per casi di Covid-19 sugli aerei con i quali hanno raggiunto Melbourne
Sci
1 gior

Meillard sfiora il podio nel primo successo di Foss Solevaag

Il rossocrociato ha chiuso quarto lo slalom di Flachau a 19 centesimi dal terzo posto occupato dal francese Pinturault. Anche Aerni e Zenhäusern nei dieci
BIATHLON
1 gior

Benjamin Weger e un podio che mancava da nove anni

Il vallesano (31 anni) ha conquistato il terzo posto nella 15 km mass-start du Oberhof, alle spalle del norvegese Tarjei Bö e dell'austriaco Felix Letiner
Hockey
14.01.2021 - 17:290
Aggiornamento : 18:11

Villa e Zanetti, la scelta verde del Lugano

Per far fonte all'emergenza in difesa Pelletier punta sui giovani. Dopo Ugazzi, altri Juniores pronti a fare il loro esordio in National League

La costanza e l'impegno pagano. Se poi a tanta dedizione ci si aggiunge anche un pizzico di sfortuna (altrui), i frutti di questa dedizione possono essere ancora più interessanti. Lo sa bene in particolare Nicolò Ugazzi, ragazzo di belle speranze già schierato tre volte in campionato da Serge Pelletier, e che ha saputo subito destare una gran bella impressione. Ma lo sanno anche diversi altri giovani che, come lui, approfittando dei diversi infortuni dei titolari, si affacciano alla finestra della prima squadra. Fra questi anche Alessandro Villa e Brian Zanetti, presenti sul ghiaccio nell'allenamento della vigilia della sfida con lo Zugo, schierati l'uno al fianco dell'altro. Entrambi difensori, entrambi accomunati da un grande sogno: quello di fare il loro debutto in National League. Un sogno che per Villa dovrebbe avverarsi proprio domani sera: «Lo spero davvero; sarebbe il coronamento di un sogno che mi porto appresso sin da bambino. E sarebbe anche un magnifico regalo anticipato di compleanno» sottolinea il ticinese, che tra poco più di una settimana (il 23 gennaio) compirà vent'anni.

L'aria della prima squadra, Villa, del resto l'ha già respirata in estate, quando ha assolto gran parte della preparazione al nuovo campionato agli ordini di Pelletier, disputando anche la prima amichevole del pre-season. «Ricordo ancora il primo impatto con quella che sin lì per me era una realtà inedita. Mi ha subito colpito il ritmo che c'è, tanto in partita quando negli allenamenti, in un gruppo che respira quotidianamente l'aria della National League. Ogni volta che posso unirmi alla prima squadra la vivo come un'opportunità. Tornare in questa realtà a qualche settimana di distanza dall'ultima volta mi fa capire che sì, rispetto a inizio estate qualche passo in avanti l'ho fatto, ma di margine per crescere ne ho parecchio: di strada davanti a me ce n'è ancora molta». Una strada da percorrere magari approfittando dei consigli dei giocatori più esperti... «L'accoglienza che mi hanno riservato i compagni è stata ottima. Tutti hanno cercato di aiutarmi, magari con qualche consiglio, in particolare penso a Wellinger e Chiesa». E in generale, c'è qualche giocatore in particolare a cui ti ispiri? «Non ho un vero e proprio idolo, ma seguo con interesse i difensori Nhl. Se devo sceglierne uno, direi che ammiro molto Roman Josi: un occhio di riguardo per lui senz'altro ce l'ho».

Dopo l'assaggio estivo di prima squadra, la stagione di Villa è proseguita con gli Juniores élite bianconeri, passando però anche per i Ticino Rockets, di cui ha vestito la maglia a tre riprese: «Con i Rockets ho fatto il mio debutto ufficiale tra i professionisti: è stata un'esperienza utile, perché mi ha permesso di toccare con mano la realtà di un torneo 'vero'». Senza dimenticare il Mondiale U20 in Canada: al di là dei deludenti risultati della Svizzera, per il luganese questa è stata un'altra tappa fondamentale nella sua ancor acerba carriera: «Da Edmonton non sarò tornato con grandi risultati, ma sicuramente arricchito sul piano personale. Vedere all'opera i migliori giocatori al mondo della tua età, renderti conto di che livelli possono raggiungere, è incoraggiante; ti dà la carica. È stata un'esperienza davvero molto utile, di cui serberò sempre un bel ricordo». Una prima parte di stagione bella intensa dunque la tua... «Sì, effettivamente c'è tanto ghiaccio... Del resto mi avevano già avvisato che molto probabilmente sarei stato confrontato con un'annata contraddistinta da impegni su più fronti». E fra questi c'è anche quello degli studi, che occupano gran parte del tempo in cui Villa non è sul ghiaccio: «Di tempo per rilassarmi non me ne resta molto, ma grazie al fatto di essere iscritto alla scuola per sportivi d'elite di Tenero beneficio di un piano di studi che tien conto anche dei miei impegni sportivi».

Zanetti e il sogno nordamericano in stand-by

Da un prodotto del vivaio bianconero all'altro. Ancora più giovane del primo, visto che Brian Zanetti di anni ne ha addirittura soli 17 (compirà i 18 il 15 marzo), ma che nelle gambe ha già una dozzina di allenamenti in prima squadra, con cui ha svolto pure parte della preparazione estiva. «Ogni volta che capita la possibilità di allenarsi con il Lugano l'opportunità va sfruttata - racconta Zanetti -. È l'occasione per renderti conto di quale sia il tuo livello per rapporto a quello del massimo campionato». E, soprattutto, ogni chiamata di Pelletier, seppure solo per gli allenamenti, è un passo in più verso quel traguardo che già dall'infanzia ha ben fisso davanti agli occhi: «Sono nato e cresciuto in questa città; qui ho iniziato a giocare a hockey e su queste gradinate ho fatto il tifo per quelli che erano i miei idoli. Essere qui ora, e avere l'opportunità aggregarmi a questo gruppo è qualcosa di straordinario. Non devo farmi comunque grandi illusioni, ma continuare a lavorare duro, consapevole che prima o poi arriverà anche la mia occasione». Trovarsi al cospetto delle porte della prima squadra a 17 anni ha comunque già dello straordinario... «Beh, se me lo avessero detto qualche anno fa non ci avrei creduto. Quella che sto vivendo è una grande avventura, ma è anche una straordinaria opportunità». Cosa si prova quando ci si allena con dei giocatori che praticamente fino alla scorsa stagione guardavi dagli spalti? «Un po' di emozione non nascondo che ci sia. In fondo, appunto, quelli sono giocatori che hai sempre visto come una sorta di idoli. L'hockey è la mia passione da sempre: lo seguo dall'età di tre anni, e la prima squadra del Lugano l'ho sempre vista come il mio obiettivo e il mio grande sogno».

Ma nell'obiettivo di Brian Zanetti c'è però anche l'altro capo del mondo, visto che presto potrebbe anche lasciare le sponde del Ceresio per stabilirsi dall'altra parte dell'Atlantico: «Sì, l'idea sarebbe appunto quella di andare in Canada per giocare in Ontario Hockey League con i Peterborough Petes. Tuttavia, complice l'attuale situazione pandemica, non è ancora ben chiaro se il campionato inizierà per davvero: in un primo tempo si parlava di gennaio, ma poi l'ingaggio d'apertura della stagione è stato posticipato: sono anch'io in attesa di notizie». Il sogno nordamericano di Brian Zanetti per ora è dunque in stand-by: «A dire il vero anche questo è arrivato un po' in maniera inaspettata. Non cercavo particolari esperienze all'estero e, anzi, a inizio stagione ero convinto che il mio futuro immediato lo avrei trascorso qui a Lugano. Poi però si è presentata l'opportunità di volare in Canada e volevo provare anche questa esperienza».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved