laRegione
il-covid-in-un-certo-senso-mi-ha-fatto-bene
Due reti e cinque assist in 24 partite per l'altoatesino (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
14360
2
Minoly
12190
3
Fazz17
11718
4
HCLM
11190
5
Luganesina
10962
6
O la va O la spacca
9548
7
Capseicina Peppers
9520
8
Wee
9509
9
Highliner Giazz
9465
10
HC Petronilla
9429
ULTIME NOTIZIE Sport
FOOTBALL
1 min

Tutti insieme appassionatamente: in 22 mila al Superbowl

Nonostante il Covid, molta gente potrà assistere dal vivo alla finale di Tampa, il 7 febbraio. Tra loro oltre 7000 tra medici e infermieri già vaccinati
Altri sport
43 min

Il Motomondiale parte il 28 marzo. Con due Gp in bilico

Pubblicato il calendario della nuova stagione: il via con un doppio appuntamento in Qatar, ma la corsa in Argentina e quella delle Americhe sono in sospeso
Sci
3 ore

Gut-Behrami e compagne steccano nella vittoria di Goggia

Nella discesa di Crans-Montana dominata dall'italiana le "big" rossocrociate chiudono lontanee così le migliore elvetiche sono Flury (quinta) e Nufer
Sci
4 ore

Un grande Feuz vince a Kitzbühel, terribile caduta per Kryenbühl

Il bernese, quattro volte secondo sulla Streif, autore di una discesa strepitosa, s'impone davanti a Mayer e Paris. Schianto dello svittese sul salto finale.
Calcio
6 ore

Il Lugano accoglie il terzino Opara e saluta Odgaard

Christopher Lungoyi diventa di proprietà della Juventus (operazione inversa per Monzialo) ma può restare in bianconero fino al 2022. Parte anche Seferaj.
Altri sport
10 ore

Olimpiadi di Tokyo, il Giappone smentisce The Times: 'Si faranno'

Dopo un articolo pubblicato dal quotidiano britannico che ventilava un posticipo al 2032 viene dichiarato che ogni tentativo verrà effettuato
Calcio
10 ore

Sepp Blatter è in coma artificiale

L'ex presidente della Fifa 'sta facendo progressi ogni giorno, ma ci vorrà molto tempo per guarire' afferma intervistata la figlia
Calcio
20 ore

Nsame ancora una volta sbaraglia la concorrenza

Il camerunese dell'Yb nuovamente eletto giocatore dell'anno di Super League. In Challenge League premiato il neobianconero Abubakar
Hockey
23 ore

‘Giocare senza pause aumenta il rischio di infortuni’

Il punto alla situazione in casa Ambrì Piotta a metà del guado della stagione regolare dei leventinesi con il direttore sportivo Paolo Duca
CICLISMO
1 gior

Il Giro dell'Algarve posticipato a maggio

la pandemia continua a perturbare anche in Europa l'inizio della stagione, dopo gli annullamenti già confermati in Australia, Sudamerica e Medioriente
CICLISMO
1 gior

Obiettivo Tokyo per l'ultima stagione di Valverde

Lo spagnolo (40 anni) non parteciperà al Tour de France per il quale la Movistar punterà sullo spagnolo Enric Mas e sul colombiano Miguel Angel Lopez
OLIMPIADI
1 gior

Thomas Bach categorico: ‘Niente piano B per i Giochi di Tokyo’

Il presidente del Cio conferma le date del 2021 (23 luglio - 8 agosto). Ma non tutti sono così ottimisti e c'è chi chiede un rinvio al 2024
Hockey
1 gior

Il Davos ne ingaggia sei, compreso Wellinger dal Lugano

Oltre al difensore bianconero il club grigionese ha messo le mani sul quotato difensore del Rapperswil Dominik Egli, oltre a quattro nuovi attaccanti
SCI ALPINO
1 gior

Le quattro fatiche di Lara (che non le pesano)

Gut-Behrami in stagione ha sempre chiuso nella top 11 in discesa, superG, gigante e parallelo: ‘Non sono obbligata a prende il via, è una mia libera scelta’
SCI ALPINO
1 gior

Davanti austriaci e italiani, Janka miglior svizzero

Nella seconda giornata di prove in vista delle libere di Kitzbühel, il grigionese ha chiuso con il quinto tempo. Beat Feuz si è accontentato del 14.mo posto
CICLISMO
1 gior

Pogacar, Froome e Hirschi presenti all'Uae Tour

La corsa a tappe degli Emirati Arabi Uniti, organizzata dalla Rcs, si svolgerà dal 21 al 27 febbraio. Nel 2020 era stata fermata a causa della pandemia
Hockey
1 gior

Mondiali, la Lituania si propone per affiancare la Lettonia

Il paese baltico si è detto pronto a organizzare assieme ai "vicini" la rassegna iridata dopo l'esclusione della Bielorussia per motivi di sicurezza
Calcio
1 gior

La Fifa non riconoscerà un'eventuale Superlega europea

In una nota congiunta, le sei confederazioni ribadiscono che se giocatori o club vi prendessero parte verrebbero banditi da tutte le competizioni Fifa
Hockey
11.01.2021 - 17:050
Aggiornamento : 17:21

‘Il Covid? In un certo senso mi ha fatto bene’

Dallo stop causa malattia, Diego Kostner è tornato più in forma che prima. ‘In quei giorni di pausa forzata ho un reset mentale’

Questa è la quinta stagione in biancoblù di Diego Kostner. Ma anche la sua prima dopo la serie di infortuni che l'avevano costretto a saltare praticamente tutto lo scorso campionato. Perché a quello rimediato ai Mondiali in Slovacchia della primavera 2019 con la maglia dell'Italia (stiramento del legamento collaterale del ginocchio destro) - proprio nella prima partita contro la Svizzera - è seguito quello ancora più grave subìto alla prima di campionato, poi rivelatosi più serio rispetto alla diagnosi iniziale (stacco parziale dell’adduttore grande dall’osso del bacino). E addio stagione 2019/20. «Tornare da un infortunio come quello rimediato nell'autunno 2019 non è evidente, e men che meno scontato - racconta il 28enne di Bressanone -. In tutta franchezza, il timore che non potessi affatto tornare sul ghiaccio mi ha accompagnato per diversi mesi. All'inizio nessuno sapeva dirmi cosa avessi di preciso, e dunque era praticamente impossibile stimare i tempi di recupero: è stato un periodo duro, soprattutto mentalmente. Addirittura, fino ad agosto non sapevo nemmeno se sarei ancora stato in grado di pattinare...».  Nonostante i timori, sei comunque tornato. E in ottima forma... «Sì, per come sono andate le cose finora per me posso essere soddisfatto. Con i miei attuali compagni di linea (Grassi e Trisconi, ndr), poi, c'è davvero un'ottima intesa: fra noi c'è un bel feeling, cosa che ci permette di svolgere bene il tipo di lavoro che viene richiesto alla nostra linea».

Non tutti i mali vengono per nuocere 

Le sventure di Kostner non si sono però esaurite con l'inizio del campionato 2020/21, visto a fine ottobre ha pure dovuto fare i conti in prima persona con il coronavirus, con l'inevitabile nuovo stop. Che, anziché giocargli contro, ha per certi versi fatto da stura alla sua stagione: i sette punti finora raccolti (due reti e cinque assist) sono infatti arrivati tutti dopo quell'ennesimo stop, cominciando dal gol e dall'assist contabilizzati nel derby del 14 novembre: «Già, a dirla così sembra quasi un paradosso, ma effettivamente sento che quella decina di giorni di stop a causa della positività al Covid-19, in un certo senso mi hanno giovato. Stare a casa, a riposo forzato, mi ha permesso di fare una sorta di 'reset'. Ho ripulito la testa da ogni pensiero e poi, al rientro, ho potuto nuovamente focalizzare tutta la concentrazione sul mio gioco. Prima del Covid-19 non ero tanto contento delle mie prestazioni, perché ogni volta che scendevo in pista dovevo combattere anche un po' con la mia testa, con i timori che mi portavo appresso dall'infortunio della passata stagione: mi sentivo ancora bloccato sui contrasti, e nel mio gioco. Quello stop mi ha ridato fiducia e consapevolezza nei miei mezzi: quando sono tornato, l'ho fatto al cento per cento mentalmente; fisicamente ci ho messo un po' a carburare, ma ora mi sento pienamente in forma». Non a caso, nelle prime tre partite del 2021, Diego Kostner è sempre andato a punti (tre assist), mentre sabato ci è andato vicino (con una traversa colpita in avvio di contesa). Tornare in pista dopo il coronvirus è dunque stato più facile che farlo dopo il grave infortunio? «Sì, indubbiamente. È vero che nei primi 3-4 giorni non riuscito praticamente a fare niente, ma poi la situazione è rapidamente evoluta al meglio».

Approdato in Leventina nel 2016, Kostner, come detto, sta vivendo la sua quinta stagione con la maglia dell'Ambrì Piotta. L'ultima dell'attuale contratto: e poi? «Qui mi trovo molto bene; la mia volontà è dunque quella di vestire anche nelle prossime stagioni questa maglia».

‘Inutile rimuginare su quello che è stato’

Se a livello di squadra sabato a Rapperswil la prestazione dei biancoblù è stata ben al di sotto delle aspettative, sul piano personale il numero 22 dell'Ambrì Piotta è comunque stato autore di una buona partita, a conferma del buono stato di forma che sta attraversando di questi tempi. «Sì, sul piano personale sabato non è andata male, anzi... Ma, di fronte a una débâcle come quella collettiva, culminata con una sconfitta così ampia (7-2), che la mia personale prestazione sia stata buona conta relativamente poco. Sabato abbiamo perso, e malamente, una partita che volevamo vincere a tutti i costi: di fronte a questa realtà il bilancio globale non può che essere negativo. Ma è comunque inutile rimuginare su quello che è stato: adesso è il momento di girare pagina e guardare avanti». Al capitolo rimpianti, ripensando alla partita di sabato, c'è anche la citata asta colpita dallo stesso gardenese con i sangallesi ancora avanti di un solo gol: fosse stato qualche centimetro più basso, quel puck, forse l'inerzia della partita sarebbe anche cambiata... «Possibile che andando sull'1-1 qualcosa sarebbe effettivamente cambiato. Ma in generale, quanto abbiamo fatto per tutta la durata soprattutto del primo tempo era davvero troppo poco per vincere la partita. Analizzando la nostra prestazione più a freddo ce ne siamo resi conto. È inutile rimuginarci su: ciò che è stato è stato, speriamo che almeno ci sia servito da lezione per le prossime partite». A cominciare da quella di domani contro il Ginevra Servette: «Di fronte avremo una squadra molto forte, dotata di ottime individualità: per contrastarla in modo efficace dovremo sicuramente sfoggiare una delle nostre migliori prestazioni. Anche per dimenticare e far dimenticare la partita di sabato».

Dal meglio (o quasi) al peggio (o quasi) in appena 48 ore: come ti spieghi l'Ambrì dai due volti, capace di fornire una solida prestazione contro lo Zurigo (battuto ai rigori) ma poi di farsi maltrattare appena due giorni più tardi dal Rapperswil? «È difficile da spiegare, ma non è un mistero che non siamo ancora riusciti a trovare una certa costanza nel rendimento, sull'arco dei sessanta minuti come da una partita all'altra, e non lo abbiamo scoperto solo sabato. Questa è una... costante che ci accompagna da inizio stagione: è capitato più di una volta di alternare con una certa frequenza alti e bassi. È un aspetto in cui dobbiamo ancora migliorare: dobbiamo cercare di essere più pronti, soprattutto mentalmente, entrando in pista concentrati fin dal primo minuto e proiettare quel ritmo su tutti e sessanta i minuti (o più se del caso) della partita».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved