Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
lo-svedese-tim-heed-decide-anche-il-derby
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
23.12.2020 - 22:040
Aggiornamento : 23:06

Lo svedese Tim Heed decide anche il derby

Una conclusione nell'overtime del difensore numero 75 bianconero segna le sorti del 236esimo scontro tra Lugano e Ambrì Piotta e Lugano (3-2)

Porta la firma del Lugano, il 236esimo derby della storia. Il secondo della pandemia senza un solo spettatore in pista, deciso da Tim Heed, dopo appena trenta secondi nel prolungamento. Con il difensore svedese che regala un secondo punto supplementare ai suoi, dopo aver già risolto all'overtime la sfida di venerdì scorso a Bienne.

In pista alla Cornèr Arena c'è subito molto movimento, oltre che grandissimo impegno fisico sin dalle primissime battute. E per vedere il primo gol basta attendere quattro minuti e mezzo: Bertaggia prova invano a sorprendere Ciaccio sul primo palo, ma quel puck spicca il volo e quando ricade nel mezzo Wolf è il più lesto di tutti, e il tocco del difensore prende in contropiede il portiere biancoblù, battuto tra i gambali. In un primo tempo che corre via piuttosto veloce le occasioni forse non fioccano, ma ce ne sono su entrambi i fronti. La più grossa di tutte è sul conto dell'Ambrì, dopo la penalità fischiata a Rohrbach al 10'24'', al termine di una superiorità numerica in cui la squadra di Pelletier sostanzialmente non riesce neppure a piazzarsi: al rientro in pista del numero 9, un azzardo sulla blu lancia, improvviso, un affondo a tre contro uno, poi Flynn non riesce a vincere il duello con uno Schlegel impeccabile nell'occasione. 

Per i biancoblù l'appuntamento con la rete è solo rinviato: al 21'44'', in situazione di powerplay, un tentativo di Novotny sporcato dallo svedese Heed regala all'Ambrì il provvisorio 1-1. Poco dopo, tuttavia, l'ostruzione di cui si macchia Hächler porta a loro volta i bianconeri a giocare con un uomo in più, e la conclusione di Fazzini non lascia scampo a Ciaccio (2-1 al 24'10''). Non passano però che due minuti e la situazione muta nuovamente, con Zwerger che trova il modo di mettere alle spalle di Schlegel il disco del nuovo pareggio, nonostante un disperato tentativo sulla linea ancora di Heed. Apparentemente è una questione di un paio di centimetri, ma gli arbitri non hanno dubbi, e le immagini tivù confermano la bonta della loro decisione.   

Il periodo conclusivo si apre con un palo pieno di Rohrbach, al 40'17''. Sull'onda dell'entusiasmo l'Ambrì prova a insistere, e si crea almeno un paio di buone occasioni per passare, ma il Lugano non si scompone. E nei momenti in cui la situazione si capovolge, l'esito è lo stesso. Così il risultato non si sblocca. Al 56'15'' Pelletier prova a chiamare i suoi a raccolta, nel preciso istante in cui il rientrante Michael Fora si fa penalizzare per una trattenuta, ma per Ciaccio c'è un solo pericolo, su un tiro di Walker.

Così si va tutti al prolungamento. Con i biancoblù che provano subito ad attaccare. Ma è il Lugano a far festa, alla fine, sull'asse Arcobello-Boedker-Heed.

Lugano - Ambrì Piotta d.p. (1-0 1-2 0-0 1-0)¬3-2

Reti: 4'30" Wolf 1-0. 21'44" Flynn (autorete Heed/esp. Riva) 1-1. 24'10" Fazzini (Bertaggia, Loeffel/esp. Nättinen) 2-1. 26'15" Zwerger 2-2. 60'29" Heed (Boedker, Arcobello) 3-2.

Lugano: Schlegel; Chiesa Wellinger; Nodari, Wolf; Heed, Riva; Loeffel; Walker, Lajunen, Lammer; Bürgler, Herburger, Bertaggia; Boedker, Arcobello, Fazzini; Traber, Sannitz, Romanenghi.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Hächler, Ngoy; Fora, Isacco Dotti; Fohrler, Fischer; Pinana; Trisconi, Kostner, Grassi; Rohrbach, Flynn, Horansky; Nättinen, Müller, Zwerger; Dal Pian, Novotny, Kneubuehler; Goi.

Arbitri: Stolc (Slc), Mollard; Cattaneo, Kehrli.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 3 x 2’ più 1 x 10' contro il Lugano; 6 x 2' contro l'Ambrì Piotta. Tiri in porta: 32-33 (7-8, 13-17, 11-7, 1-1). Lugano senza Morini, Zurkirchen (infortunati), Suri e Antonietti (malati); Ambrì Piotta privo di Bianchi, Conz, D'Agostini, Zaccheo Dotti, Incir (infortunati) e Pezzullo (Nazionale U20). Al 41'17" palo di Rohrbach. Al 56'15" timeout Lugano. Premiati quali migliori in pista Alessio Bertaggia e Diego Kostner.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved