laRegione
FC Stade Ls Ouchy
0
Wil
0
fine
il-derby-dell-aperitivo-lo-vince-in-rimonta-il-lugano
Anche il secondo derby stagionale si tinge di bianconero (Ti-Press)
+13
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
7176
2
Fazz17
6512
3
Luganesina
6423
4
HCLM
6318
5
Minoly
6055
6
Wee
5632
7
O la va O la spacca
5021
8
Capseicina Peppers
4924
9
Highliner Giazz
4904
10
HC Petronilla
4178
ULTIME NOTIZIE Sport
Nuoto
20 min

Secondo record in poche ore per Ponti: 100 delfino in 51''15

Noè ha vinto la finale del meeting internazionale di Rotterdam e abbassato di 9 centesimi il limite che aveva stabilito questa mattina
CALCIO
47 min

Caso Suarez, per la giustizia Juve coinvolta

Aperta un'inchiesta nei confronti del diesse Fabio Paratici. Otto mesi di sospensione per i professori coinvolti nell'esame farsa
CALCIO
1 ora

Mondiale per club, nel 2021 la formula rimane invariata

Al via in Giappone soltanto sette squadre, slitta di almeno un anno la riforma con il torneo ampliato a 24 compagini
CALCIO
1 ora

Il Lugano non vuole fermarsi nemmeno davanti alla neve

Maurizio Jacobacci: ‘Stiamo attraversando un momento magico e a Sion andiamo per ottenere una vittoria che sarebbe molto importante ai fini della clasifica’
FORMULA 1
1 ora

Russell, Aitken, Fittipaldi: largo ai giovani nel Gp del Bahrain

Seconda tappa consecutiva a Sakhir. Senza Lewis Hamilton (positivo al Covid-19) ci sarà spazio per qualche emozione in più?
Basket
2 ore

Nyon in quarantena e Sam ferma, giocano solo i Tigers

Massagno avrebbe dovuto ospitare domenica la squadra vodese. Per il Lugano, sempre domenica, impegnativa trasferta in terra giurassiana
CICLISMO
2 ore

La Sunweb cambia nome, dal 2021 sarà il Team Dsm

Nuova maglia per il 22.enne bernese Marc Hirschi, uno dei giovani più in vista della stagione da poco conclusa
Atletica
4 ore

La Diamond League riaccoglie cinque prove

Salto triplo, lancio del disco, 200 m, 3000 m siepi e 5000 m torneranno a far parte dei meeting nella nuova stagione che dovrebbe partire il 23 maggio
Sci
5 ore

Eventi Fis pre-olimpici annullati a valanga in Cina

La Federazione internazionale di sci ha confermato il rinvio, a causa delle restrizioni sanitarie anche dei Mondiali di freestyle e snowboard
Altri sport
7 ore

La pandemia costa 2,5 miliardi ai Giochi di Tokyo

La cifra che comprende sia i costi operativi per lo spostamento dell'evento dal 2020 al 2021 sia l'impatto finanziario delle misure anti Covid-19
Nuoto
8 ore

Straordinario Noè Ponti: record svizzero e limite olimpico

Al meeting internazionale di Rotterdam il ticinese ha nuotato i 100 delfino in 51’’24, nuovo record nazionale nonché limite per i Giochi di Tokyo
Sci di fondo
8 ore

Prima gara da svizzero per Ilia Chernousov

Il fondista di origine russa marito della biathleta grigionese Selina Gasparin dopo aver cambiato bandiera questa estate prenderà parte alla Coppa delle Alpi
Freestyle
13 ore

La vittoria di Gasparini, rialzatasi per la terza volta

La 23enne di Cadro è pronta al rientro (oggi a Ruka) dopo due anni di assenza dalla Coppa del mondo in seguito al terzo grave infortunio delle sua carriera
Calcio
20 ore

Europa League, l'Yb deve ancora pazientare

Ai gialloneri non basta il vantaggio di Nsame alla mezz'ora: gli italiani ribaltano la situazione grazie a Mayoral e, nella ripresa, Calafiori e Dzeko
Hockey
21 ore

Ambrì, l'attesa di Luca Cereda: 'Ora ci serve la costanza'

L'autunno del Covid e delle incertezze. 'È frustrante dover cambiare dalla sera alla mattina'. E pure del mercato lento. 'Non c'è la solita frenesia'
Hockey
14.11.2020 - 20:210
Aggiornamento : 23:42

Il 'derby dell'aperitivo' lo vince in rimonta il Lugano

Sotto di due reti alla seconda sirena, i bianconeri ribaltano lo score negli ultimi venti minuti e battono l'Ambri Piotta 4-2

Sono venti minuti poco conditi dalle emozioni quelli che caratterizzano il derby ticinese numero 235 della storia, il 207esimo del massimo campionato. Tra un Lugano che si presenta in pista orfano di Lammer (che a Langnau ha rimediato un colpo a un ginocchio) e un Ambrì Piotta privo di Zaccheo Dotti (sospeso cautelativamente per una giornata dopo la carica alla testa ai danni di Praplan) per la riedizione pomeridiana di quel derby a porte chiuse giocato nell'ultima giornata della scorsa stagione regolare (quando a prevalere fu la formazione di Luca Cereda).

Il primo tempo, come detto, fila via liscio e senza particolari emozioni, con gli ospiti che nei minuti iniziali si fanno preferire per mole di gioco, ma con i bianconeri capaci riprendere il controllo della situazione nella parte centrale del primo periodo, dopo il palo colpito da Carr con una cannonata da poco dentro la linea blu e con Ciaccio battuto. Poi è Arcobello a saggiare i riflessi del portiere dei leventinesi, addirittura con questi ultimi a giostrare con un uomo in più. Ma niente reti: le due squadre vanno così alla prima pausa con il punteggio ancora inchiodato sullo 0-0.

Accelerazione leventinese nel periodo centrale

Ed è ancora il Lugano a spingere maggiormente nelle battute introduttive del secondo tempo, andando vicino alla rete con una deviazione sotto porta, parata però da Ciaccio. Il gol lo trova invece l'Ambrì Piotta, con Kostner, che al 26'55" fa secco Schlegel con un polsino dal zona centrale. Sull'altro fronte il Lugano sciupa l'occasione per pareggiare gestendo in malo modo il suo secondo powerplay della serata. I leventinesi, invece, sfruttano quello generato da Arcobello per portare a due le reti di vantaggio. Il gol lo segna Zwerger, al suo primo centro in stagionale in campionato. Poco dopo Hächler da quasi metà pista va a centrale il palo della porta difesa da Schlegel. Nel finale del periodo centrale il Lugano stringe l'assedio dalle parti di Ciaccio, e Cereda per cavarsi d'impiccio chiama anche il timeout. Il tempo si chiude con un brivido, quando il disco rilasciato dall'estremo difensore dell'Ambrì Piotta su tiro di Bürgler finisce in rete, ma dopo l'interruzione di gioco fischiata dall'arbitro.

Remuntada bianconera negli ultimi venti minuti

Wolf, con un tiro dalla blu, riapre in tutto e per tutto il derby trovando la prima rete del Lugano al 42'38" con un tiro da poco dentro la linea blu: 1-2. A quel punto il Lugano inizia a spingere per cercare il riaggancio e Ciaccio è costretto a fare gli straordinari nel tentativo di tenere avanti i suoi. Ma deve capitolare, in tre tempi, al cospetto di Morini, che con il Lugano con un uomo di movimento in più riporta il derby alla casella di partenza: 2-2. Per poi mettere la freccia grazie a una deviazione di pattino (involontaria) di Suri su deviazione di Ciaccio dopo un tiro di Heed. E Carr mette il punto finale alla sfida siglando la rete del definitivo 4-2 a porta vuota.

Il dopopartita

Pelletier: 'Cambiato marcia nella seconda parte'. Cereda: 'Comunque buona l'attitudine'

Serge Pelletier a fine partita si gode il successo: «All'inizio abbiamo faticato un po': ci abbiamo messo qualche minuto a entrare in partita. L'Ambrì Piotta nella prima parte del confronto si è dimostrato più dinamico di noi. Poi però, come già capitato a Langnau, siamo riusciti a cambiare marcia e girare a nostro favore il match».

Sull'altro fronte Luca Cereda analizza il match, senza fare un dramma per questa sconfitta: «Abbiamo iniziato bene: fondamentalmente ci siamo espressi su un buon livello per i primi 36-37 minuti. Poi abbiamo peccato in lucidità, e alla fine siamo stati condannati da diverse scelte sbagliate nelle nostre giocate. Per l'attitudine che ci ha messo, sono comunque contento della prestazione dei miei ragazzi: hanno disputato una buona partita».

Lugano - Ambrì Piotta (0-0 0-2 4-0)¬4-2

Reti: 26'54" Kostner (Grassi, Trisconi) 0-1. 32'34" Zwerger (Hächler, Nättinen/esp. Arcobello) 0-2. 42'38" Wolf (Kurashev, Riva) 1-2. 47'32" Morini (Loeffel/esp. Hächler) 2-2. 51'09" Suri (Heed) 3-2. 59'10" Carr (Kurashev, Morini/esp. Flynn e Ambrì Piotta senza portiere) 4-2.

 

Lugano: Schlegel; Heed, Riva; Loeffel, Wellinger; Nodari, Chiesa; Wolf; Bödker, Arcobello, Fazzini; Bürgler, Kurashev, Carr; Traber, Herburger, Suri; Walker, Morini, Bertaggia; Romanenghi.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Ngox, Hächler, Fischer; Fohrler Pezzullo; Pinana; Trisconi, Kostner, Grassi; Rohrbach, Flynn, Kneubuehler; Nättinen, Novotny, Zwerger; Dal Pian, Goi, Mazzolini; Neuenschwander.

Arbitri:  Wiegand, Hungerbühler; Obwegeser, Burgy.

Note: 30 spettatori. Penalità: 2 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ più 1 x 10' (Hächler) contro l'Ambrì Piotta. Tiri in porta: 57-22 (12-6, 23-11, 22-5). Lugano senza Lajunen, Lammer, Sannnitz e Zurkirchen (infortunti); Ambrì Piotta privo di Bianchi, D'Agostini, Isacco Dotti, Müller (infortunati), Zaccheo Dotti (squalificato) e Conz. Pali: 8'06" Carr, 34'18" Hächler. Al 38'41" timeout Ambrì Piotta. Ambrì Piotta senza portiere dal 58'48" al 59'10". Premiati quali migliori in pista Mark Arcobello e Damiano Ciaccio.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 17 immagini
© Regiopress, All rights reserved