rene-fasel-l-annullamento-del-mondiale-non-dipende-da-noi
Keystone
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
1 ora

Nina Christen regala la prima medaglia alla Svizzera

La 27enne ha ottenuto il terzo posto nella carabina ad aria 10m femminile. L'oro è andato alla cinese Qian Yang
MOUNTAIN BIKE
8 ore

Filippo Colombo, tutti i tasselli al posto giusto

‘Il percorso è stupendo e mi ci trovo molto bene, al caldo e all'umidità mi sono abituato, dormiamo in letti veri e l'ambiente è ideale’. In gara lunedì dalle 8.00
Calcio
16 ore

Incidente in auto, muore la mamma di Billy Costacurta

La donna ha perso il controllo della sua vettura finendo contro un muro a Cavaria Con Premezzo in provincia di Varese
Tokyo 2020
18 ore

Spuntano altri due casi: niente corsa in linea per Geschke

Il tedesco della Cofidis fermato dal Covid alla vigilia della gara più attesa. Positivo anche un massaggiatore iberico, ma tutti gli spagnoli saranno al via
Tokyo 2020
19 ore

Il Sudafrica chiede un trattamento rispettoso

Secondo il tecnico Notoane, ‘quando la gente ci incontra fugge a causa della presenza in squadra di tre casi di Covid-19‘
Calcio
19 ore

‘Vedo bene Braga e la squadra, ma iniziamo a salvarci’

Ancora scosso dalle vicissitudini societarie, domenica il Lugano di Angelo Renzetti ospita lo Zurigo nel primo match della nuova stagione di Super League
Tokyo 2020
20 ore

Il presidente dell'Ama: 'Sul doping, che gli Usa collaborino'

Il polacco Witold Banka parla di 'doping accademico' e invita Nfl, Nba, Nhl e Mlb a fare di più. 'Lavoriamo insieme e focalizziamoci su questa battaglia'
GALLERY
Tokyo 2020
20 ore

‘Dichiaro aperti i Giochi’. Gli occhi del mondo su Tokyo

La tennista Naomi Osaka accende il braciere con il fuoco di Olimpia, dando avvio alla trentaduesima olimpiade. Per sedici giorni di spettacolo, nonostante il Covid
CALCIO
1 gior

Benzema positivo al Covid-19

Lo ha annunciato il Real Madrid, senza precisare lo stato di salute dell'attaccante francese
Tokyo 2020
1 gior

L'ultimo colpo di Heidi Diethelm-Gerber

Bronzo nella pistola a Rio, la turgoviese (52 anni) chiuderà la carriera a Tokyo: ‘Gli ultimi 12 mesi sono stati mentalmente difficili’
Tokyo 2020
1 gior

Gmelin e Röösli - Delarze avanti con brio

Nel singolo la zurighese ha ottenuto l'accesso ai quarti di finale, mentre il due di coppia ha centrato la qualificazione alle semifinali
Tokyo 2020
1 gior

Betschart e Hüberli già certe della fase a eliminazione diretta

La coppia elvetica approfitta del ritiro delle ceche Hermannova e Slukova per la positività di quest'ultima
Tokyo 2020
1 gior

Hussein squalificato nove mesi, per lui niente Giochi

Il turgoviese punito dalla camera di disciplina di Swiss Olympic per l'assunzione di un integratore alimentare contenente uno stimolante proibito in gara
Tokyo 2020
1 gior

Michele e un sogno con vista sul podio. 'Qui rivaluti te stesso'

Prime Olimpiadi per lo spadista di Lugano Scherma, titolare inamovibile di una Svizzera che aspetta una medaglia dal 2004. 'Pressione sì, ossessione no'
Altri sport
1 gior

La ricetta del football: Non ti vaccini? Non ti paghiamo

L'Nfl ammonisce società e giocatori 'no vax': le partite cancellate porteranno a sconfitte a tavolino e al blocco degli stipendi settimanali ai giocatori
Tokyo 2020
1 gior

A Tokyo c'è un altro ceco positivo. ‘Ed è uno scandalo’

Salgono a sei gli atleti contagiati dal Covid sul medesimo volo charter per il Giappone. 'Persuadiamo la gente a vaccinarsi, mentre il medico non lo era'
Atletica
1 gior

Il Galà riabbraccia il pubblico e promette ancora più stelle

Il 14 settembre il meeting dovrebbe poter tornare a riempire il Comunale di Bellinzona, dove lo spettacolo non mancherà grazie anche a un aumento del budget
ATLETICA LEGGERA
1 gior

Roberto Delorenzi campione nel caldo di Locarno

L'esponente dell'Us Capriaschese si è aggiudicato il titolo cantonale dei 10'000 metri. In campo femminile nei 3'000 successo della compagna di società Letizia Martinelli
Tokyo 2020
1 gior

La Svizzera gioca la prima carta con Marc Hirschi

Sabato la prova in linea, con il bernese tra i principali outsider su un percorso molto duro (4'800 metri di dislivello). Tra i favoriti, Van Aert, Roglic e Pogacar
Hockey
15.03.2020 - 16:050
Aggiornamento : 21:56

René Fasel: 'L'annullamento del Mondiale non dipende da noi'

Chiusura di mandato (lungo 26 anni) col botto per il presidente della federazione internazionale di hockey: 'La decisione spetta a Confederazione e Cantoni'

Il Corona virus ha messo il lucchetto allo sport. L'hockey vorrebbe chiudere la propria stagione agonistica con un Mondiale che è però a sua volta seriamente minacciato. Sollecitato su più fronti, il presidente della federazione internazionale (Iihf) René Fasel funge anche da manager di una crisi senza eguali.

Tutto era pronto, per il grande evento di Zurigo e Losanna. Il logo dei Mondiali ha già fatto la sua apparizione sul ghiaccio dell'Hallenstadion, teatro di quello che avrebbe dovuto il debutto della Svizzera, l'8 maggio contro la Russia. Sono 300'000 i biglietti venduti in prevendita. Per René Fasel quella elvetica sarebbe stata la 26ª edizione da presidente dell'Iihf, la terza in Svizzera, l'ultima per il friborghese prima del suo 'pensionamento' previsto in settembre. «È un tornei al quale tengo in modo particolare», ha detto.

La crisi globale non solo ha scombussolato i piani: rischia addirittura di mandare tutto a rotoli. All'Hallenstadion il direttore della struttura Philipp Musshafen ha decretato già giovedì scorso lo scioglimento del ghiaccio. Che la macchine si rimettano all'opera in primavera è poco meno di un'utopia.

«Sono giorni molti difficili - concorda Fasel - con sviluppi poco prevedibili e notizie infauste ogni giorno. Abbiamo già dovuto annullare sei tornei programmati in aprile: i Mondiali U18 negli Stati Uniti e altre appuntamenti iridati giovanili. Nel complesso, quest'anno sono già sedici i tornei cancellati. Restano ancora incerti il Mondiale di Zurigo e Losanna e i tornei della prima divisione in agenda in Slovenia e Polonia».

'Non dipende da noi'

In Svizzera la stagione è stata conclusa anzitempo, così come nel resto dell'Europa. La Nha ha sospeso il campionato. Quando la decisione di cancellare il Mondiale? «È una decisione che non  compete a noi, bensì a Confederazione e Cantone. Noi stiamo lavorando come se il torneo avesse luogo, dall'8 aprile. La speranza è l'ultima a morire. Ci rimettiamo al parere di specialisti, ma più o meno in ogni ambito ci sono opinioni che divergono. Alcuni dicono che il picco della pandemia in Europa verrà superato a fine aprile, altri parlano di maggio. Ho già anche sentito che il peggio deve ancora venire, a sarà a ottobre. In veste di dentista e di medico, valuto la situazione con maggiore sensibilità, ma nemmeno io ho una risposta. Presumo che una decisione in merito al Mondiale possa essere presa entro due settimane».

Realisticamente, però, è difficile pensare che il torneo possa andare in scena. Non fosse che per le restrizioni in termini di spostamento. Mal si vede come l'Italia possa giocare... «Ha ragione. In Italia, come anche in Norvegia e Danimarca, le piste sono state chiuse. In Germania, Austria e Svizzera i campionati sono già stati terminati. In tali condizioni, diventa difficile per una selezione nazionale preparare un appuntamento tanto importante. Mi spiego meglio con una metafora: stiamo navigando in acque tempestose. Ora si tratta di riportare un po' di calma, per fare delle valutazioni realistiche. Nelle quali entrano molteplici fattori: i tifosi che hanno già acquistato i biglietti, gli hotel con le le loro prenotazioni, i giocatori, le federazioni, le squadre. Si stanno moltiplicando i segnali di un annullamento, ma oggi è ancora troppo presto per una rinuncia definitiva».

Sono 300'000 i biglietti già venduti. I tifosi possono aspettarsi un rimborso? «Al cento per cento. Se il torneo dovesse essere annullato, partirebbe l'operazione limitazione dei danni, a tutti i livelli. Il nostro obiettivo è fare in modo che ci siano meno ripercussioni negative possibili, per tutti gli attori, siano essi tifosi, sponsor e città ospitanti».

Evento assicurato con 260'000 franchi all'anno

L'evento è assicurato? «Siamo assicurati contro guerre, terrorismo e catastrofi naturali. Nel 2012 facemmo una valutazione e decidemmo di cautelarci per un decennio, dal 2013 al 2023. Con un premio assicurativo di 260'000 franchi all'anno. Inoltre negli anni passati abbiamo accantonato delle riserve per circa 25 milioni di franchi, cifra che più o meno corrisponde all'utile di un campionato del mondo. Posso quindi dire che sul piano contabile siamo messi bene».

La federazione svizzera e le due città ospitanti perdono un affare importante. «Purtroppo sì. L'organizzatore locale guadagna sempre più o meno 1,5 milioni di franchi. Ma i partner più colpiti sono l'economia privata e le due città coinvolte. Basti dire che l'intera operazione muove circa 100 milioni».

Ha già vissuto prima, in 26 anni alla presidenza dell'Iihf, un'esperienza simile? No, è la prima volta. Ci sono delle analogie solo con quanto successe nel 2002, a causa della Sars. Allora cancellammo il Mondiale femminile in Cina. A differenza di adesso, però, l'allarme rientrò presto e riprendemmo  in fretta il controllo».

Ritiene che il pericolo sia stato sottovalutato? «Da parte della federazione internazionale certamente no. Già a inizio marzo abbiamo annullato i primi tornei, con decisioni che avavano sollevato non poche critiche. Non si può non tenere conto dell'enorme lavoro già svolto dalle federazioni e dai paesi ospitanti, è naturale che la delusione per una rinuncia sia enorme. Con il senno di poi, posso dire che sono state fatte le cose in modo corretto. La nostra commissione medica ha fatto valutazioni della situazione in modo preciso e giusto».

Nel 2021 Mondiale in Svizzera? Difficile

Il Mondiale del 2021 potrebbe a questo punto svolgersi in Svizzera? «È un'opzione che va discussa, ma di fatto le assegnazioni sono già avvenute, fino al 2025: 2021 a Minsk e Riga, 2022 a Tampere e Helsinki, 2023 a San Pietroburgo, 2024 a Praga e Ostrava e 2025 in Svezia e Danimarca. In un campionato del mondo ci sono talmente tanti interessi commerciali e strategici che un rinvio appare complicato. In competizioni a livello inferiore, sarebbe più facile. Stanti così le cose, l'edizione del 2021 si svolgerà in Bielorussia e Lettonia».

Il 2020 è un anno speciale, per lo sport, con le Olimpiadi e gli Europei di calcio. Saranno cancellati? «Nelle ultime settimane ho imparato che le cose evolvono molto in fretta. Guardare troppo avanti non ha senso. Ogni situazione va valutata giorno per giorno. Nessuno può sapere cosa accadrà in giugno. Nessuno conosce veramente questo virus».

Lei ha annunciato il suo ritiro in occasione del prossimo congresso. Tuttavia, non se ne può andare con un Mondiale cancellato. «(Ride, ndr)`. Come no? In settembre verrà eletto il mio successore. Al quale sono fiero di consegnare una federazione in ottima salute. Ma non abbandono la nave finché la tempesta è passata. Un buon capitano, in una situazione come questa, non può abbandonare la nave».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved