KHACHANOV K. (RUS)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
0
1 set
(1-3)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
18 min

Giro di Lombardia, l’ultima passerella di Nibali e Valverde

Sabato pomeriggio a Como l’italiano e lo spagnolo metteranno fine a una carriera durata un ventennio. Pogacar alla caccia del bis
CALCIO
2 ore

Il Fc Chiasso prende posizione sulla sentenza del Tas

Il club sottocenerino precisa i termini della vicenda, la quale non avrà ripercussione sull’attuale gestione essendo di pertinenza della vecchia dirigenza
TRIATHLON
3 ore

Daniela Ryf cede il titolo mondiale dell’Ironman

Alle Hawaii la solettese ha chiuso all’ottavo posto, a 28’ dalla vincitrice, la statunitense Chelsea Sodaro
CALCIO
3 ore

Un morto negli scontri tra Gimnasia e Boca Juniors

A La Plata una persona è deceduta per infarto nel corso degli incidenti avvenuti sia all’esterno, sia all’interno dello stadio
calcio
9 ore

Haaland, il centravanti che polverizza i record

Ha segnato 14 reti (e tre triplette) in 8 partite di Premier League e 28 in 22 gare di Champions. Non ci si chiede più se batterà ogni primato, ma quando
calcio
15 ore

Giovedì europeo amaro per le svizzere

Zurigo demolito dal Psv Eindhoven, Basilea sorpreso dallo Slovan Bratislava
Hockey
18 ore

A Praga s’accendono i fari sulla Nhl. Con i russi in pista

Josi, Niederreiter e compagni pronti a dare spettacolo nell’avvio di stagione in Europa. A Denver si ricandidano per la Stanley, ma non sarà tanto facile
calcio
19 ore

Sei accuse per la tragedia allo stadio

Fra di loro tre poliziotti e il capo del comitato organizzatore della partita
hockey
20 ore

‘Ogni sera è una sfida, così è divertente’

Nick Shore si gode il buon inizio dell’Ambrì e l’alto livello del campionato. ‘Contro Kloten e Langnau bisognerà comunque dare il massimo’
CALCIO
22 ore

Il Chiasso perde la causa e non riceverà mezzo milione di euro

Lo ha deciso il Tas di Losanna nel contenzioso che opponeva la società rossoblù al Frosinone, per il trasferimento dell’olandese Rai Vloet
TENNIS
23 ore

Forfait di Belinda Bencic a Ostrava

La sangallese non disputerà l’ottavo di finale contro la ceca Krejcikova. Alla base della rinuncia, un infortunio al piede sinistro
CICLISMO
23 ore

Van Vleuten stella del primo Tour de Romandie femminile

Il meglio del parterre mondiale al via domani da Losanna per una corsa che si concluderà domenica a Ginevra
CORSA D'ORIENTAMENTO
1 gior

Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp

Sabato e domenica in alta Val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
Hockey
1 gior

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
1 gior

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
1 gior

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
1 gior

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
1 gior

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
1 gior

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
Hockey
15.03.2020 - 16:05
Aggiornamento: 21:56

René Fasel: 'L'annullamento del Mondiale non dipende da noi'

Chiusura di mandato (lungo 26 anni) col botto per il presidente della federazione internazionale di hockey: 'La decisione spetta a Confederazione e Cantoni'

rene-fasel-l-annullamento-del-mondiale-non-dipende-da-noi
Keystone

Il Corona virus ha messo il lucchetto allo sport. L'hockey vorrebbe chiudere la propria stagione agonistica con un Mondiale che è però a sua volta seriamente minacciato. Sollecitato su più fronti, il presidente della federazione internazionale (Iihf) René Fasel funge anche da manager di una crisi senza eguali.

Tutto era pronto, per il grande evento di Zurigo e Losanna. Il logo dei Mondiali ha già fatto la sua apparizione sul ghiaccio dell'Hallenstadion, teatro di quello che avrebbe dovuto il debutto della Svizzera, l'8 maggio contro la Russia. Sono 300'000 i biglietti venduti in prevendita. Per René Fasel quella elvetica sarebbe stata la 26ª edizione da presidente dell'Iihf, la terza in Svizzera, l'ultima per il friborghese prima del suo 'pensionamento' previsto in settembre. «È un tornei al quale tengo in modo particolare», ha detto.

La crisi globale non solo ha scombussolato i piani: rischia addirittura di mandare tutto a rotoli. All'Hallenstadion il direttore della struttura Philipp Musshafen ha decretato già giovedì scorso lo scioglimento del ghiaccio. Che la macchine si rimettano all'opera in primavera è poco meno di un'utopia.

«Sono giorni molti difficili - concorda Fasel - con sviluppi poco prevedibili e notizie infauste ogni giorno. Abbiamo già dovuto annullare sei tornei programmati in aprile: i Mondiali U18 negli Stati Uniti e altre appuntamenti iridati giovanili. Nel complesso, quest'anno sono già sedici i tornei cancellati. Restano ancora incerti il Mondiale di Zurigo e Losanna e i tornei della prima divisione in agenda in Slovenia e Polonia».

'Non dipende da noi'

In Svizzera la stagione è stata conclusa anzitempo, così come nel resto dell'Europa. La Nha ha sospeso il campionato. Quando la decisione di cancellare il Mondiale? «È una decisione che non  compete a noi, bensì a Confederazione e Cantone. Noi stiamo lavorando come se il torneo avesse luogo, dall'8 aprile. La speranza è l'ultima a morire. Ci rimettiamo al parere di specialisti, ma più o meno in ogni ambito ci sono opinioni che divergono. Alcuni dicono che il picco della pandemia in Europa verrà superato a fine aprile, altri parlano di maggio. Ho già anche sentito che il peggio deve ancora venire, a sarà a ottobre. In veste di dentista e di medico, valuto la situazione con maggiore sensibilità, ma nemmeno io ho una risposta. Presumo che una decisione in merito al Mondiale possa essere presa entro due settimane».

Realisticamente, però, è difficile pensare che il torneo possa andare in scena. Non fosse che per le restrizioni in termini di spostamento. Mal si vede come l'Italia possa giocare... «Ha ragione. In Italia, come anche in Norvegia e Danimarca, le piste sono state chiuse. In Germania, Austria e Svizzera i campionati sono già stati terminati. In tali condizioni, diventa difficile per una selezione nazionale preparare un appuntamento tanto importante. Mi spiego meglio con una metafora: stiamo navigando in acque tempestose. Ora si tratta di riportare un po' di calma, per fare delle valutazioni realistiche. Nelle quali entrano molteplici fattori: i tifosi che hanno già acquistato i biglietti, gli hotel con le le loro prenotazioni, i giocatori, le federazioni, le squadre. Si stanno moltiplicando i segnali di un annullamento, ma oggi è ancora troppo presto per una rinuncia definitiva».

Sono 300'000 i biglietti già venduti. I tifosi possono aspettarsi un rimborso? «Al cento per cento. Se il torneo dovesse essere annullato, partirebbe l'operazione limitazione dei danni, a tutti i livelli. Il nostro obiettivo è fare in modo che ci siano meno ripercussioni negative possibili, per tutti gli attori, siano essi tifosi, sponsor e città ospitanti».

Evento assicurato con 260'000 franchi all'anno

L'evento è assicurato? «Siamo assicurati contro guerre, terrorismo e catastrofi naturali. Nel 2012 facemmo una valutazione e decidemmo di cautelarci per un decennio, dal 2013 al 2023. Con un premio assicurativo di 260'000 franchi all'anno. Inoltre negli anni passati abbiamo accantonato delle riserve per circa 25 milioni di franchi, cifra che più o meno corrisponde all'utile di un campionato del mondo. Posso quindi dire che sul piano contabile siamo messi bene».

La federazione svizzera e le due città ospitanti perdono un affare importante. «Purtroppo sì. L'organizzatore locale guadagna sempre più o meno 1,5 milioni di franchi. Ma i partner più colpiti sono l'economia privata e le due città coinvolte. Basti dire che l'intera operazione muove circa 100 milioni».

Ha già vissuto prima, in 26 anni alla presidenza dell'Iihf, un'esperienza simile? No, è la prima volta. Ci sono delle analogie solo con quanto successe nel 2002, a causa della Sars. Allora cancellammo il Mondiale femminile in Cina. A differenza di adesso, però, l'allarme rientrò presto e riprendemmo  in fretta il controllo».

Ritiene che il pericolo sia stato sottovalutato? «Da parte della federazione internazionale certamente no. Già a inizio marzo abbiamo annullato i primi tornei, con decisioni che avavano sollevato non poche critiche. Non si può non tenere conto dell'enorme lavoro già svolto dalle federazioni e dai paesi ospitanti, è naturale che la delusione per una rinuncia sia enorme. Con il senno di poi, posso dire che sono state fatte le cose in modo corretto. La nostra commissione medica ha fatto valutazioni della situazione in modo preciso e giusto».

Nel 2021 Mondiale in Svizzera? Difficile

Il Mondiale del 2021 potrebbe a questo punto svolgersi in Svizzera? «È un'opzione che va discussa, ma di fatto le assegnazioni sono già avvenute, fino al 2025: 2021 a Minsk e Riga, 2022 a Tampere e Helsinki, 2023 a San Pietroburgo, 2024 a Praga e Ostrava e 2025 in Svezia e Danimarca. In un campionato del mondo ci sono talmente tanti interessi commerciali e strategici che un rinvio appare complicato. In competizioni a livello inferiore, sarebbe più facile. Stanti così le cose, l'edizione del 2021 si svolgerà in Bielorussia e Lettonia».

Il 2020 è un anno speciale, per lo sport, con le Olimpiadi e gli Europei di calcio. Saranno cancellati? «Nelle ultime settimane ho imparato che le cose evolvono molto in fretta. Guardare troppo avanti non ha senso. Ogni situazione va valutata giorno per giorno. Nessuno può sapere cosa accadrà in giugno. Nessuno conosce veramente questo virus».

Lei ha annunciato il suo ritiro in occasione del prossimo congresso. Tuttavia, non se ne può andare con un Mondiale cancellato. «(Ride, ndr)`. Come no? In settembre verrà eletto il mio successore. Al quale sono fiero di consegnare una federazione in ottima salute. Ma non abbandono la nave finché la tempesta è passata. Un buon capitano, in una situazione come questa, non può abbandonare la nave».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved