l-ambri-piotta-infrange-il-tabu
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
14 ore

Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati

Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
19 ore

Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni

Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
1 gior

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
Altri sport
1 gior

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
1 gior

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
1 gior

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
1 gior

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
1 gior

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
1 gior

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
18.10.2019 - 22:17
di Marco Maffioletti

L'Ambrì Piotta infrange il tabù

I biancoblù di Luca Cereda festeggiano a Langnau la prima vittoria in trasferta vincendo 4-3 dopo i rigori. Con Manzato grande protagonista: li para tutti

Arriva a Langnau, la prima vittoria in trasferta per l'Ambrì di Cereda. Che nell'Emmental può regolarmente contare su Matt D’Agostini, infortunatosi a una mano mercoledì in Champions, con Manzato a difesa della gabbia, e Jelovac e Hrachovina in soprannumero. Eppure nel canton Berna è difficile l'entrata in materia dei leventinesi, che si ritrovano subito in inferiorità numerica, ma Manzato è bravo a respingere due conclusioni pericolose di capitan Berger. Il primo intervento di Ciaccio è invece al 4’, su tiro di Neuenschwander. Sul ribaltamento di fronte la difesa ospite si fa trovare impreparata e passiva, e così Earl apre le marcature. Sullo slancio Pesonen semina il panico, ma Manzato si fa trovare pronto. È sempre il Langnau a fare prevalentemente la partita: Leeger all’11’ a porta praticamente vuota non centra il bersaglio. L’Ambrì ha il merito di essere più cinico e al 15’ ecco il pareggio di Hofer. La rete mette le ali ai biancoblu, e al 16’ arriva il secondo punto siglato da Egli.

La frazione centrale con una chance per Dotti, il difensore da buona posizione spara alto. Dal 22’ l’Ambrì può giocare per praticamente 4’ consecutivi in powerplay, ma senza esito. Scampato il pericolo i Tigrotti tornano a spingere, con Berger e DiDomenico che mettono i brividi alla difesa. In superiorità numerica è poi Pesonen a impegnare l’estremo difensore ospite. La sfida ha poi una fase di stanca e si risveglia solo negli ultimi 5’ del periodo. I padroni di casa tornano a spingere, ma il fortino leventinese regge. In una delle rare ripartenze al 37’ buona opportunità per Fohrler, ma Ciaccio è attento.

Pesonen e compagni cominciano pure il terzo periodo in avanti, e con Bianchi sulla panchina dei penalizzati al 43’ arriva il pareggio firmato nuovamente da Robbie Earl. Il Langnau preme, ma l’impeto viene frenato da una penalità di Glauser. Matt D’Agostini con una bella azione personale sfiora il nuovo vantaggio. Al 50’ altra superiorità numerica per l’Ambrì, stavolta D’Agostini non perdona, la sua cannonata supera Ciaccio. I locali tentano di reagire, ma nel complesso i ticinesi gestiscono bene la situazione e a 5’ dal 60’ possono nuovamente giocare a 5 contro 4, sfiorando il quarto punto. Poi al 58’ Trisconi è costretto a fermare fallosamente Earl lanciato a rete: ennesima situazione speciale, stavolta sfruttata dal Langnau, con un po’ di fortuna visto che il tiro di DiDomenico al 59’ incoccia sulle gambe di Fischer per il più classico degli autogol, che manda tutti al supplementare.

L’overtime non offre emozioni sino al 64’, quando Dostoinov si presenta da solo davanti a Manzato e fallisce il gol-partita, mentre negli ultimi secondi  Sabolic e poi Pesonen falliscono a loro volta due ghiotte chance. Si va dunque ai rigori che premiano l’Ambrì, grazie alle trasformazioni di D’Agostini e Hofer, mentre Earl, Sabolic, Pesonen, DiDomenico, Müller e Dostoinov rimangono all'asciutto.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved