laRegione
Nuovo abbonamento
Losanna
Servette
16:00
 
S.Gallo
Sion
16:00
 
Basilea
Vaduz
16:00
 
a-far-festa-e-il-lugano
TiPress
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Atletica
1 ora

Swiss Athletics sprint, Giona Losa difende il titolo

Negli 80 metri in finale Matilda Rosa, Joao Sepulveda Moreira e Ivana Pirolli. Primo degli esclusi Giona Pasteris.
Motociclismo
1 ora

Nella pioggia di Misano si fa largo Bastianini. Nono Lüthi

Gara in due fasi nella Moto2, dove la pioggia costringe tutti a uno stop di oltre venti minuti. Il bernese va meglio nel... secondo tempo
Basket
1 ora

La Sam tiene testa al Ginevra

Pur con l'organico ridotto in attesa di due stranieri, la squadra di Gubitosa non sfigura al cospetto dei 'Lions'
Gallery
Hockey
16 ore

Carr apre e chiude il derby di Biasca, vinto dal Lugano

I bianconeri passano due volte in vantaggio, ma in entrambe le circostanze si fanno rimontare dall'Ambrì Piotta. Poi risolve il canadese
CALCIO
18 ore

Lugano, esordio con i fiocchi

Gran bel primo tempo dei bianconeri che mettono sotto il Lucerna. Nella ripresa, rimasti in dieci (espulso Lungoyi) devono stringere i denti
CALCIO
20 ore

Un Lugano rodato per l'esordio con il Lucerna

Il portiere Osigwe e il laetrale Guerrero sono le uniche due novità proposte da Maurizio Jacobacci
Atletica
1 gior

La piccola Kambundji sta (già) diventando grande

Per gli addetti ai lavori la 18enne Ditaji, fresca del titolo svizzero sui 100 m ostacoli, ha il potenziale per andare persino più veloce della sorella Mujinga
CALCIO
1 gior

Jacobacci: ‘Ripartire da dove ci eravamo fermati’

Lugano pronto alla nuova stagione. Il presidente Renzetti: ‘Tra me e il tecnico nessuna incomprensione, non mi interessa distruggere ciò che ho costruito’
Tennis
1 gior

Niente ruggine, Nadal vince facile. E Djokovic pure

Il mancino di Manacor vince anche il suo secondo impegno a Roma e accede ai quarti, al pari del campione serbo, trionfatore nel derby contro Krajinovic
RALLY
1 gior

In Turchia Loeb tira il carro dopo il venerdì

Ritorno col botto per l'alsaziano, che si lascia alle spalle l'altra Hyundai i20 di Neuville e la Toyota del leader del Mondiale, Sébastien Ogier
CICLISMO
1 gior

Ancora Kragh Andersen, altro colpo Sunweb

Il danese bissa in Borgogna il successo ottenuto a Lione. La maglia verde definitivamente a Bennett, mentre Roglic resta serenamente in giallo
Hockey
07.12.2018 - 22:040
Aggiornamento : 23:26

A far festa è il Lugano

I bianconeri battono l'Ambrì 5-3 (con doppietta di Fazzini), in un derby giocato da ambo le parti con poca disciplina difensiva

In una Cornèr Arena esaurita i locali conquistano tre punti importanti. Derby confuso e pasticciato, ma sicuramente divertente. E domani sera alla Valascia si replica. 

Il Lugano vede il rientro di Vauclair in difesa e di Bertaggia in attacco. Il quarto straniero è Haapala, mentre Klasen finisce in tribuna. Lapierre, all’ala, gioca con Lajunen e Walker. L’Ambrì ripresenta la stessa formazione dello scorso weekend, l’unica novità è la titolarizzazione in porta di Daniel Manzato.

Per i tifosi bianconeri c’è subito una sorpresa, l’ingaggio d’inizio viene effettuato dallo svedese Tommy Sjödin. Il 53enne ex difensore militò per 4 anni a Lugano, dal 1994 al 1998.

I locali partono forte, dopo appena 19’’ Hofmann colpisce il palo. All'1’23’’ è però l’Ambrì a festeggiare. Clamoroso nella circostanza il pasticcio combinato da Merzlikins che «cicca » il disco rilanciandolo nella propria porta. La rete viene assegnata a Lerg. Superato lo choc il Lugano reagisce e trova al 6’20’’ con Fazzini il pareggio. Troppo lo spazio concesso al numero 17 nella circostanza dalla difesa leventinese. Sullo slancio i bianconeri continuano a premere e trovano il vantaggio al 10’23’’. Non esente da colpe Daniel Manzato. A esultare è capitan Chiesa. I biancoblù cercano immediatamente la riscossa, ma il tiro di Kneubuehler si stampa sul palo. Le difese sono decisamente allegre, parecchi gli errori, la sfida è divertente proprio perché disordinata. Hofer e Dotti portano ulteriori pericoli, ma Merzlikins risponde presente. Il primo powerplay è per gli ospiti, ma non porta nulla. Ottimo nel frangente il boxplay di Chorney e soci. Sul finire del primo periodo pure il complesso locale può agire con il vantaggio numerico sul ghiaccio. Lapierre colpisce una traversa, è l’ultima emozione dei primi 20’.

Il secondo periodo si apre con una grande chance per Lauper, ma Merzlikins ci mette una pezza. Al 26’ nuovo powerplay per il Lugano. Nella cicostanza Novotny riceve oltre ai 2’ anche 10’ di penalità ulteriori. I ragazzi di Ireland non sfruttano la possibilità. Il gioco è più spezzettato rispetto alla prima frazione, diverse le interruzioni. Poco oltre metà contesa è nuovamente il complesso bianconero ad agire in superiorità numerica, ma ancora una volta l’Ambrì respinge il tentativo (non molto convincente) dell’avversario. Le parti s’invertono al 35’, stavolta sono gli ospiti a disporre di un powerplay, in un derby peraltro molto corretto. Zwerger non si fa pregare e pareggia con un tiro di precisione chirurgica. La gioia leventinese dura pochissimo. Appena 24’’più tardi Bertaggia parte in break e super con eleganza Manzato fissando il punteggio sul 3-2. Ora i sottocenerini premono e a 1’26’’ dalla seconda sirena arriva il punto del 4-2 firmato da Hofmann. Anche stavolta la difesa biancoblù concede troppa libertà allo sniper neocastellano. Non c’è un attimo di tregua, al 39'02’’, complice forse un rilassamento locale, ecco la terza rete dell’Ambrì a opera di Lerg. Lo statunitense viene lasciato troppo solo dalla retroguardia rivale. 

La terza frazione comincia in salita per i biancoblù. Goi viene penalizzato e stavolta il powerplay bianconero funziona. Fazzini, ben servito da Hofmann, confeziona la doppietta al 43’22’’. I ragazzi di Cereda non ci stanno e tentano di rifare superficie. Merzlikins si deve superare per fermare una conclusione di Novotny. Al 46’ è Sannitz a finire sulla panchina dei cattivi. Kubalik con il suo classico tiro al volo impegna l’estremo difensore lettone. A 6’ dal 60’ penalità contro Hofmann, ma il Lugano non si fa sorprendere, anzi è Walker a partire in break, ma il numero 91 perde il disco sul più bello. Nel complesso i padroni di casa riescono a gestire gli ultimi istanti della gara senza troppi problemi e si finisce dunque con il pubblico locale tutto in piedi a dedicare una standing ovation ai propri idoli. 

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved