l-ambiziosa-formula-1-guarda-verso-l-africa
AUTOMOBILISMO
23.03.2022 - 16:25
Aggiornamento : 18:13

L’ambiziosa Formula 1 guarda verso l’Africa

A breve termine è possibile un’ulteriore espansione del numero dei Gran Premi, secondo l’amministratore delegato Stefano Domenicali

La Formula 1 culla sogni di grandezza. Come parte di un’espansione del suo calendario, la classe regina dello sport automobilistico sta considerando un’espansione in Africa. «Oltre all’America e alla Cina, penso che ci sia il potenziale per essere rappresentati presto anche in Africa – ha affermato l’amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali, al canale televisivo britannico Sky Sports F1 –. L’interesse lì è grande. È certamente una zona geografica che manca nel panorama del nostro calendario». In particolare, sembra ipotizzabile un ritorno a Kyalami in Sudafrica, dove la F1 si è fermata l’ultima volta nel 1993.

Quest’anno, per la prima volta, la F1 ha in programma 23 gare. In futuro, si potrebbero prevedere fino a 24 Gran Premi entro il 2025, e questo numero potrebbe poi aumentare ulteriormente. «Direi che c’è un potenziale per arrivare a 30», ha detto Stefano Domenicali. Una visione realistica «alla luce dell’interesse che riscontriamo in tutto il mondo – ha sottolineato il 56enne italiano –. Sta a noi cercare di trovare il giusto equilibrio».

Si tratta di mantenere le sedi storiche della Formula 1, ma anche di offrire una prospettiva ai nuovi circuiti. Una strategia per il futuro dovrebbe essere presentata molto presto. Tuttavia, le squadre sono critiche nei confronti dei piani di espansione a causa dell’aumento dei costi. Las Vegas è vista come una potenziale nuova location, mentre i funzionari della F1 cercano di posizionarsi meglio nel mercato nordamericano. Quest’anno Miami ospiterà una gara per la prima volta. E il Gran Premio di Austin è ancora in calendario.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa f1 gran premi stefano domenicali

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved