SINNER J. (ITA)
0
ALCARAZ C. (ESP)
0
1 set
(4-1)
test-invernali-al-via-e-c-e-attesa-per-la-sauber-cinese
Keystone
Fuori dall’ombra. Ma per la luce piena bisognerà pazientare ancora
20.02.2022 - 18:29
Aggiornamento: 19:28

Test invernali al via, e c’è attesa per la Sauber ‘cinese’

Al Montmeló mercoledì debuttano in pista le monoposto che segneranno l’inizio di una nuova era. Ma senza risultati in tempo reale né diretta tivù

La nuova Formula 1, quella della rivoluzione tecnica e aerodinamica, sta per accendere i motori. In una stagione segnata dalle novità regolamentari volute per rendere i Gran Premi più spettacolari, con le monoposto che monteranno gomme più grandi (da 18 pollici) e potranno tornare a sfruttare il cosiddetto effetto suolo, limitando le turbolenze di scia che rendono la vita difficile a chi vuol sorpassare, ciò che sulla carta dovrebbe dar vita a domeniche più equilibrate.

Il primo, vero antipasto della F1 che verrà lo si avrà da mercoledì al Montmeló, circuito situato a nordest di Barcellona che terrà a battesimo le monoposto nei primi test invernali. Tre giornate in totale che, però, si svolgeranno nel più grande riserbo, a differenza degli anni scorsi: nessun dato cronometrico in tempo reale, nessuna ripresa in diretta tivù. Per vedere all’opera dal vivo le nuove vetture, insomma, i fan dovranno aspettare la seconda sessione di test, in Bahrain, dal 10 al 12 marzo, siccome in Catalogna le uniche informazioni che verranno diffuse saranno i tempi a fine giornata, oltre a un resoconto dell’attività in pista.

In ogni caso, sarà proprio in Catalogna che i team getteranno le basi della nuova stagione, dopo le presentazioni ufficiali al pubblico nelle scorse settimane da parte di quasi tutti i costruttori. Quasi, perché all’appello manca la francese Alpine – su cui si accenderanno i riflettori domani a Parigi –, ma soprattutto la nuova Alfa Sauber C42, affidata all’ingegnere francese Jan Monchaux, con la curiosità del nuovo pilota cinese Guanyu Zhou approdato a Hinwil con una valigia zeppa di milioni, ciò che ha portato la scuderia zurighese a scaricare Antonio Giovinazzi: così la Cina per la prima volta sale a bordo di una monoposto di Formula 1, lasciando l’Italia senza piloti nel Circus. A differenza di tutti gli altri team, l’Alfa-Sauber (che, in gran segreto, era già stata vista girare qualche giorno fa sul circuito di Fiorano, sotto la pioggia, con il nuovo pilota Valtteri Bottas, l’erede di Kimi Raikkonen, che si è messo al volante di una vettura con la livrea camuffata) ha infatti deciso che la presentazione ufficiale della nuova vettura avverrà sulla rete la mattina del 27 febbraio, quindi due giorni dopo la fine dei test al Montmeló, che si concluderanno venerdì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved