a-montecarlo-dove-un-po-tutto-e-fuori-dalla-norma
Ed è di nuovo spettacolo (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
16 ore

Nina Christen regala la prima medaglia alla Svizzera

La 27enne ha ottenuto il terzo posto nella carabina ad aria 10m femminile. L'oro è andato alla cinese Qian Yang
MOUNTAIN BIKE
23 ore

Filippo Colombo, tutti i tasselli al posto giusto

‘Il percorso è stupendo e mi ci trovo molto bene, al caldo e all'umidità mi sono abituato, dormiamo in letti veri e l'ambiente è ideale’. In gara lunedì dalle 8.00
Calcio
1 gior

Incidente in auto, muore la mamma di Billy Costacurta

La donna ha perso il controllo della sua vettura finendo contro un muro a Cavaria Con Premezzo in provincia di Varese
Tokyo 2020
1 gior

Spuntano altri due casi: niente corsa in linea per Geschke

Il tedesco della Cofidis fermato dal Covid alla vigilia della gara più attesa. Positivo anche un massaggiatore iberico, ma tutti gli spagnoli saranno al via
Tokyo 2020
1 gior

Il Sudafrica chiede un trattamento rispettoso

Secondo il tecnico Notoane, ‘quando la gente ci incontra fugge a causa della presenza in squadra di tre casi di Covid-19‘
Calcio
1 gior

‘Vedo bene Braga e la squadra, ma iniziamo a salvarci’

Ancora scosso dalle vicissitudini societarie, domenica il Lugano di Angelo Renzetti ospita lo Zurigo nel primo match della nuova stagione di Super League
Tokyo 2020
1 gior

Il presidente dell'Ama: 'Sul doping, che gli Usa collaborino'

Il polacco Witold Banka parla di 'doping accademico' e invita Nfl, Nba, Nhl e Mlb a fare di più. 'Lavoriamo insieme e focalizziamoci su questa battaglia'
GALLERY
Tokyo 2020
1 gior

‘Dichiaro aperti i Giochi’. Gli occhi del mondo su Tokyo

La tennista Naomi Osaka accende il braciere con il fuoco di Olimpia, dando avvio alla trentaduesima olimpiade. Per sedici giorni di spettacolo, nonostante il Covid
CALCIO
1 gior

Benzema positivo al Covid-19

Lo ha annunciato il Real Madrid, senza precisare lo stato di salute dell'attaccante francese
Tokyo 2020
1 gior

L'ultimo colpo di Heidi Diethelm-Gerber

Bronzo nella pistola a Rio, la turgoviese (52 anni) chiuderà la carriera a Tokyo: ‘Gli ultimi 12 mesi sono stati mentalmente difficili’
Tokyo 2020
1 gior

Gmelin e Röösli - Delarze avanti con brio

Nel singolo la zurighese ha ottenuto l'accesso ai quarti di finale, mentre il due di coppia ha centrato la qualificazione alle semifinali
Formula 1
21.05.2021 - 22:040

A Montecarlo, dove un po' tutto è fuori dalla norma

Torna lo spettacolo e lo scintillio monegasco, dopo la polemica via social tra Hamilton e Horner e una livrea McLaren-Gulf che ha fatto impazzire la rete

È ovvio e banale affermare che il Gran Premio di Montecarlo rappresenti un'icona della storia della Formula 1: qui si corre dal 1950, praticamente da sempre, e soprattutto per quanto attiene gli anni '60 e '70 attorno c'era quel sapore un poco da film James Bond attorno ai piloti, che spesso erano degli sciupafemmine, fumatori che conducevano una vita diversa al di fuori delle corse, con sullo sfondo il casino, la bellissima Grace Kelly, le star, il denaro e le barche. Insomma una di quelle cartoline che a giusta ragione si sono scolpite in tanta memoria collettiva, pur se ovviamente non certo in quella delle nuove generazioni.

Ma come spesso dice Lewis Hamilton, a Montecarlo non si corre: infatti qui le monoposto si alzano, e i tombini vengono saldati nella speranza di limitare i danni. Qui, grazie al leggendario direttore Nogues, c'è la migliore sicurezza sui circuiti e il team di commissari più affiatato dell'intero Mondiale. Insomma tutto un poco fuori dalla norma, ma del resto Montecarlo lo è già come destinazione senza dubbio, e dunque ad esempio qui il venerdì sono solo chiacchiere e relazioni pubbliche. Mentre i giornalisti con qualche capello grigio rimpiangono il tempo in cui i piloti davvero dicevano qualcosa nelle interviste, e magari si lasciavano andare, dopo aver combinato marachelle nella notte. Oggi invece sono degli automi, inseguiti dal loro addetto stampa con registratore digitale e parlano del loro mestiere con la noia che pochi altri lavoratori a cottimo saprebbero esprimere. Le personalità, poche.

Ma un ma stavolta c'è, ed è la lite epistolare via social media tra Lewis Hamilton e Chris Horner, il team principal della Red Bull.
Il primo come ad ogni prova libera dichiara che la macchina vada così così, per poi regolarmente piazzare la zampata nelle qualifiche ufficiali. Quindi in gara per radio si lamenta di una serie di deficit della monoposto, che poi puntualmente si ripara da sola e per puro miracolo divino alla fine vince. Questa cosa Horner non lo sopporta per nulla, e ieri finalmente, ma anche il giorno prima in realtà, ha sparato un carico come a briscola. In buona sostanza ha accusato il britannico di giochini stupidi che divertono solo lui, e che loro, il team dei bibitari, certe cose non se le bevono. Aggiungendo, semmai, che lo stesso Hamilton deve preoccuparsi della costante ascesa di Verstappen. A onore del vero, nelle libere ha brillato un Leclerc che adora da sempre questo circuito, e che da vero cittadino monegasco, e non solo per ragioni fiscali, qui terrebbe molto a vincere. Ben sapendo che qui partire davanti significa facilmente anche vincere, perché le chance di sorpassare sono praticamente nulle, purtroppo. 
In verità, molto bene hanno fatto entrambe le Ferrari, che risultano prime, ma nessuno sa il vero valore della prestazione, del carico, della benzina e via di questo passo: avendo ingegnerizzato a livello parossistico le monoposto, diventa poi molto difficile giudicarle nel loro complesso aerodinamico a occhio nudo, tali e tante sono le regolazioni digitali.

Hanno girato per contro non male le due Sauber, con Giovinazzi che continua ad avere tempi migliori rispetto a un Raikkonen che sente finalmente la pressione di un compagno di squadra a livello di cronometro.

Il marketing, come dicevamo, a Montecarlo è preminente, pur se a volte riesce a partorire una bella azione di comunicazione. La McLaren, che ha Gulf quale sponsor, ha deciso di regalare una mitica livrea azzurro arancio ai tifosi di tutto il mondo, portando una novità a livello visuale per il solo appuntamento monegasco facendo impazzire la rete. Vista sulla mitica Porsche 917 di Le Mans, celebrata dal film di Steve Mc Queen, altra icona storica per gli appassionati, gli stessi Norris e Ricciardo hanno ammesso di avere avuto un tuffo al cuore non appena hanno visto la monoposto con quella speciale livrea.

In fondo Montecarlo è un po' tutta qui: molta immagine, una cura maniacale dell'apparire, molto denaro, poco agonismo puro.
Eppure dal 1950 piace, e convince.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved