WAS Capitals
0
SJ Sharks
1
1. tempo
(0-1)
COB Jackets
0
CAL Flames
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
WAS Capitals
0
SJ Sharks
1
1. tempo
(0-1)
COB Jackets
0
CAL Flames
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
l-italia-e-regina-ma-il-futuro-parla-spagnolo
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
3 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
4 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
6 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
7 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
8 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
8 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
8 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
9 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
9 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
9 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
9 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
11 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
13 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
14 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
20 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
1 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
1 gior

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
1 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
1 gior

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 gior

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
1 gior

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
1 gior

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
1 gior

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
1 gior

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
1 gior

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
2 gior

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
2 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
2 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
EURO 2020
12.07.2021 - 18:370
Aggiornamento : 19:14

‘L'Italia è regina, ma il futuro parla spagnolo’

Davide Morandi analizza il torneo: ‘Azzurri, titolo meritatissimo in un torneo di alto livello. Svizzera, grande gruppo ma adesso l'asticella si è alzata’

Tre anni sono stati sufficienti per una rivoluzione di uomini e di idee in grado di trasformare in regina d'Europa chi era stato cacciato con ignominia dal contesto internazionale. L'Italia del 2018 non era riuscita a qualificarsi per i Mondiali in Russia, superata in modo chiaro nella fase a gironi dalla Spagna e presa a calci dove non batte il sole dalla Svezia nello spareggio; quella del 2021 è salita sul trono continentale regalando l'ennesima delusione a chi il calcio l'ha inventato, ma che dal 1966 non colleziona che sberleffi.

Euro 2020 ha chiuso i battenti e già si guarda al prossimo appuntamento, i Mondiali in Qatar, in calendario tra 16 mesi. Ne abbiamo parlato con il neo-tecnico del Kriens, Davide Morandi.

Il giudizio sull'Europeo

«Il giudizio principale che mi permetto di dare è che è stato un torneo di alto livello, giocato ad alta intensità, con delle innovazioni, soprattutto per Nazionali che storicamente proponevano un calcio differente, e qui penso in primo luogo all’Italia. Tra le squadre che mi hanno colpito, citerei la Danimarca, indipendentemente dal fatto di aver raggiunto le semifinali. A mio modo di vedere è emerso il fatto che la capacità tecnica delle giocate decisive diventa sempre più importante perché è sempre più limitato il tempo a disposizione per ragionare, per cui tutti i giocatori devono essere in possesso di un livello tecnico altissimo. E qui penso alla sfida tra Italia e Belgio, con giocate tecniche risultate decisive, o alle due reti del Belgio contro Danimarca, espressione della tecnica pura legata all’azione offensiva, o ancora all’Inghilterra e alla sua capacità di creare occasioni da rete arrivando sempre in area con il pallone rasoterra».

Si temeva un torneo deludente

«Proprio perché nell'ultimo anno e mezzo si è giocato molto per recuperare il tempo perso con il lockdown, la preparazione per l’Euro è stata soprattutto rigenerativa. Le Nazionali che avevano in previsione di arrivare in fondo non hanno fatto un grande lavoro fisico, ma un lavoro molto coscienzioso, mirato e personalizzato. Sul piano fisico, allenamenti collettivi ritengo non ne abbia fatto nessuno, ma ci si è concentrati sui singoli giocatori, a dipendenza del carico fatica che ogni giocatore si portava dietro. Di conseguenza, mi sembra chiaro che in casa Svizzera, Shaqiri e Rodriguez abbiano lavorato di più rispetto a Freuler o Xhaka. E quanto questa preparazione mirata abbia fatto bene, è dimostrato dall'Inghilterra, giunta fino in fondo quando di norma i suoi giocatori arrivavano a Euro e Mondiali sempre cotti da una stagione lunga e logorante sia dal profilo fisico, sia da quello mentale».

Al tecnico Davide Morandi Euro 2020 ha detto che...

«Ha detto che il possesso palla, checché se ne dica è comunque importante perché ti permette di gestire bene le situazioni di gioco. A maggior ragione considerando che con la costruzione da dietro permette di allungare la squadra di 60 metri in fase offensiva edi avere maggiori spazi nella zona centrale del capo, dove, se giochi bene la tua superiorità numerica, il pallone l’avversario non lo vede mai. La Spagna è l’emblema di questo approccio: che negli anni è sempre stato propositivo, ma questa volta tiki taka è stato applicato in maniera molto razionale, con l'utilizzo sistematico dell'ampiezza del campo. Il possesso palla, dunque, è ancora importantissimo, ma addirittura fondamentale è la capacità di transizione tra riconquista palla e la fase offensiva. In questo esercizio, l'Italia contro la Spagna è stata fenomenale». 

Il trionfo dell'Italia

«È stato assolutamente meritato. Se bisogna cercare la squadra più meritevole, si può affermare senza patemi d'animo che ha vinto quella che, nel complesso, sulle 7 partite giocate ha sempre offerto il miglior calcio. Che poi sia passata con la Spagna ai rigori, che abbia superato Austria con difficoltà e che in finale abbia ancora avuto bisogno dei tiri dagli undici metri è un dato di fatto. Così come è innegabile che contro l'Inghilterra ha comunque dominato la partita. Pensiamo a che Italia sarebbe stata se avesse potuto schierare potuto schierare un Lukaku o un Kane: avrebbe vinto tutte le partite con tre reti di scarto. Nel complesso, aveva il portiere più forte (Donnarumma), il regista migliore (Jorginho), l’esterno sinistro più in forma (Spinazzola), un gioco d’assieme superiore a molte altre squadre. Non c’è nessuno in Europa che possa dire che il successo dell’Italia non è meritato».

La sorpresa

«L’Italia non lo era. Ho visto dal vivo la partita con la Turchia e mi sono detto che per il gioco espresso sarebbe arrivata in finale. L’unico dubbio era che fossero arrivati con troppo anticipo all'apice della forma e in effetti qualche elemento (Barella) alla fine ha iniziato a pagare. La squadra che davvero non mi aspettavo sui quei livelli e i cui risultati non hanno nulla a che veder con il dramma di Eriksen, è stata la Danimarca. È riuscita a mettere in campo il giusto equilibrio tra una difesa solida, una fase di pressing in zona 2 di grande livello e davanti un gruppo di giovani davvero forti. Che poi siano usciti con Inghilterra in semifinale è un peccato, ma rimango convinto che la finale più giusta fosse proprio Italia - Inghilterra».

Qatar 2022, le prospettive

«Vedo benissimo la Spagna. È una squadra tanto giovane, a differenza dell'Italia che rischia di arrivare ai Mondiali un po' in là con l'età, per quanto sono sicuro che mancini, con la sua abilità, saprà trovare le giuste contromisure. La Spagna ha un futuro, nonostante sia una squadra priva di grossi nomi, a parte Busquets che probabilmente in Qatar non ci sarà più. È una squadra con qualità eccelsa, all’immagine del 18enne Pedri. Ha il futuro davanti a sè. L’Inghilterra, per contro, deve riuscire a metabolizzare la cocente delusione di domenica. Quando ho visto entrare Rushford e Sancho a un minuto dalla fine dei supplementari, mi sono detto che sarebbero stati loro a sbagliare il rigore. Erano designati per far fronte all'impegno, ma come puoi entrare nella finale di un Europeo, davanti a 60’000 spettatori, con un minuto nelle gambe e avere una responsabilità così grande. È quasi impossibile, la tensione è ingestibile. Del resto, Southgate lo ha ammesso: è colpa mia, non dei giocatori. Tra l'altro, chi calcia alla sinistra di Donnarumma ha l’80% di possibilità di farsi parare il rigore. Non ha perso quello di Maguire perché indirizzato nel sette, ma contro Spagna e Inghilterra ha dimostrato che sulla sinistra è quasi imbattibile».

Le delusioni

«In un contesto come quello di quest'anno, era difficile aspettarsi di più da qualcuno. Alla fine, alla fsse a eliminazione diretta sono arrivate le migliori. Al di là della Germania, alle prese con problemi interni e con la necessità di una ricostruzione, la principale delusione, tra quelle che potevano essere considerate le outsider, è stata la Polonia, perché con giocatori di quel livello non puoi fare così tanta fatica».

Svizzera, missione compiuta?

«La Svizzera ha dimosttrato come unione del gruppo faccia la differenza. Trovo che quest’anno la grande forza sia stata il gruppo, non le individualità che comunque ci sono (Zuber, Xhaka, Sommer…). E il gruppo più forte è stato lo staff. Non perché si tratta di un ticinese, ma la presenza di una figura come Pier Tami ha cambiato radicalmente l’approccio della squadra verso l'esterno e dell'esterno verso la squadra. Tami ha gestito benissimo tutti i problemi nati, dai capelli di Xhaka e Akanji, alla questione del tatuaggio, senza timore di ammettere gli errori. Il rapporto con la stampa è molto migliorato, ma ancora di più il rapporto verso il pubblico: si danno più informazioni, si rende la Nazionale molto più visibile verso l’esterno e questo trovo sia un bene. Del resto, la differenza è stata fatta scendendo dall'aereo con le magliette raffiguranti la bandiera svizzera: una dimostrazione di senso d’appartenenza che va al di là dell’inno cantato o non cantato. Un bel passo avanti. Il grossissimo peccato è il non essere riusciti a passare con la Spagna: quella partita, giocata per così tanti minuti in 10, ha ulteriormente innalzato il livello di coesione del gruppo, perché non resisti tanto a lungo alla Spagna se dentro non hai dei forti valori. Chi in questo momento critica Svizzera sbaglia, ma è vero che adesso bisogna ripartire da quel quarto di finale/quasi semifinale, direzione Qatar. L’asticella si è ulteriormente alzata. A settembre averemo subito una partita importante con l’Italia a Basilea. Fallirla non sarebbe positivo, per contro giocarla come va giocata, a prescindere dal risultato finale e contro una squadra alla quale la fame non sarà certo passata, significherebbe che ci siamo definitivamente stabilizzati su uno standard di rendimento elevato».

Arbitri e VAR

«Il VAR è stato una delusione. Si è deciso che doveva intervenire pochissimo, ma fatto così non serve. La decisione di concedere il rigore a Sterling contro la Danimarca, quando in campo vi erano due palloni, è assolutamente inaccettabile. Si ferma il gioco su una rimessa laterale perché in campo vi sono due palloni e su un rigore che determina l'accesso alla finale di un Euro non si interviene? Incomprensibile. Per contro, gli arbitri si sono dimostrati di altissimo livello come personalità, presenza, capacità dialettica. In tutto l’Euro non si sono fatti sfuggire di mano una sola partita. Pur commettendo errori, hanno una tale personalità da poter condurre in porto la partita senza problemi. Kuipers in finale è stato stratosferico. Gli errori fanno parte del gioco, anche da parte degli arbitri e il fallo di Freuler contro la Spagna poteva non essere fischiato come rosso, ma nel complesso le loro prestazioni sono state di livello altissimo. I fischietti del giorno d'oggi, dimostrano sempre più di essere grandi atleti: noi analizziamo i chilometri percorsi dai giocatori, ma non guardiamo mai a quelli degli arbitri, sempre nel vivo delle azioni, con la necessità oltretutto, nel bel mezzo dello sforzo fisico, di mostrare grande reattività cognitiva per valutare le situazioni e fischiare a tempo debito».

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved