BENCIC B. (SUI)
2
MLADENOVIC K. (FRA)
0
fine
(6-4 : 6-3)
BENCIC B. (SUI)
2
MLADENOVIC K. (FRA)
0
fine
(6-4 : 6-3)
c-e-inghilterra-scozia-tra-punti-in-palio-e-rivalita-secolare
Keystone
In attesa di Inghilterra-Scozia (gruppo D Euro 2020)
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 ore

Supercoppa al Real Madrid, nel segno di Benzema

Il trofeo spagnolo alla 12esima volta alla squadra di Carlo Ancelotti (2-0 all’Athletic Bilbao). Per il francese è il 20esimo titolo con le ‘merengues’
Hockey
6 ore

Moses: ‘Segnare dà la sensazione di essere tornato al lavoro‘

Bella prova dello statunitense. Cereda: ‘Contenti di lui. Siamo vivi, continuiamo a lottare’ 
Volley
8 ore

Lugano, successo in campionato, sconfitta in Coppa

Le ragazze di Salomoni hanno battuto il Franches Montagnes ma negli ottavi di Coppa sono state eliminate dallo Sciaffusa
Hockey
8 ore

Decide un gol di Rajala, e il Lugano mastica amaro

Weekend a secco per i bianconeri di Chris McSorley, beffati nel finale da un tiro del finlandese del Bienne dopo lo scivolone della sera prima a Zugo
Gallery
Calcio
9 ore

Croci-Torti: ‘Amichevole interpretata bene’

Sabato il Lugano ha battuto 3-0 il Vaduz. Il mister bianconero: ‘A Berna Custodio e Sabbatini saranno squalificati, devo cercare delle alternative’
Gallery
tennis
10 ore

Ora a Melbourne è tempo di giocare. Senza Djokovic

La Corte federale ha chiuso la vertenza legata al numero uno al mondo, costretto a lasciare l’Australia. Ora spazio al torneo, senza il suo numero uno
Tennis
10 ore

Caso Djokovic: ‘Credevamo che avrebbe vinto lo sport’

A prendere la parola la famiglia del tennista che, tramite un comunicato, commenta la sua espulsione
SCI ALPINO
11 ore

Rimonta storica per Braathen, podio per Daniel Yule

Il norvegese ha vinto lo slalom di Wengen dopo aver chiuso 29° la prima manche. Secondo posto per il vallesano, clamoroso ‘suicidio’ di Kristoffersen
17.06.2021 - 17:290

C'è Inghilterra-Scozia, tra punti in palio e rivalità secolare

Domani al mitico stadio di Wembley l'ennesima puntata della più giocata delle partite. Un incontro che va ben oltre il calcio.

a cura de laRegione

Inghilterra-Scozia è più di una partita di calcio. L'incontro di venerdì s’inserisce in 150 anni di rivalità sportiva, ma anche in secoli di antagonismo storico.

Grande favorita è la squadra dei ‘Three Lions’, che all’esordio ha battuto i vice campioni del Mondo della Croazia, mentre gli scozzesi perso dalla Cechia di fronte al pubblico di casa.

Con soli 22’500 spettatori a Wembley (2’500 i tifosi ospiti), l’ambiente sarà un po’ meno bollente di ciò a cui il mitico stadio di Londra ha abituato. Ma dopo 23 anni a sostenere “chiunque, purché non gli inglesi” nei vari tornei guardati in tv, i supporter scozzesi avranno entusiasmo da vendere in questa classica del pallone. Dal 30 aprile 1872 – 0-0 a Glasgow – le due selezioni si sono affrontate 114 volte, un record mondiale. Gli incontri sono vieppiù andati a favore degli inglesi, che ne hanno vinti tredici degli ultimi venti; contro tre soli successi dei vicini del Nord. In totale i ‘Three Lions’ conducono per 48 vittorie a 41.

Senza dover tornare alla prima guerra d’indipendenza scozzese e alle truppe di William Wallace, battute da quelle del re d’Inghilterra Edoardo I tra il XIII e il XIV secolo, le relazioni tra i due Paesi non sono mai state semplici. In tempi recenti le tentazioni indipendentiste in Scozia sono state ravvivate dalla Brexit e se nel 2014 un referendum aveva sancito la permanenza nel Regno Unito, le elezioni parlamentari del maggio di quest’anno hanno dato la maggioranza ai partiti nazionalisti. «Storicamente non siamo stati sempre migliori amici – ricorda l’ex capitano della Scozia Graeme Souness –. Ma abbiamo sempre disputato belle partite. Non ci stancavamo mai di giocare a Wembley, e anche giocare a Hampden era un’occasione speciale, perché tutte le volte c’erano centomila persone in delirio».

Dai ‘maghi di Wembley’, che steero l’Inghilterra 5-1 a casa sua nel 1928 alle scene di giubilo del 1977, la Scozia ha avuto i suoi momenti di gloria nel tempio del calcio. Ma dagli anni Settanta gli spostamenti in massa delle tifoserie dei due campi si sono fatti sempre meno pacifici, portando all’annullamento dell’incontro annuale, abitudine fino al 1989. Si è dovuto poi l’Euro 1996, prima che le due squadre s’affrontassero di nuovo. «Non ho mai avvertito un’emozione del genere – racconta l’inglese Jamie Redknapp, che era entrato all’inizio del secondo tempo –. Inghilterra-Scozia è un match senza eguali; non foss’altro che per la feroce rivalità».

Benché sfavorita, la Scozia non ha intenzione di fare il capro espiatorio. “È un’ottima squadra, con diversi giocatori di classe mondiale – afferma John McGinn, centrocampista scozzese che milita nell’Aston Villa –; potremo fare più che semplicemente difenderci».

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved