Tunisia
Australia
11:00
 
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Video
Qatar 2022
1 ora

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
5 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
10 ore

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
10 ore

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
12 ore

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
12 ore

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
14 ore

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
SCI ALPINO
14 ore

Le condizioni meteo costringono a rinviare la discesa libera

Niente da fare a Lake Louise per i velocisti, ancora fermi al palo in questo tribolato inizio di stagione. Donne in gara nel weekend a Killington
EURO 2020
13.06.2021 - 17:54

Andy Robertson, da bigliettaio a eroe di Scozia

Il laterale del Liverpool otto anni fa sbarcava il lunario alla cassa di Hampden Park. L'inusuale traiettoria del capitano degli ‘highlander’

andy-robertson-da-bigliettaio-a-eroe-di-scozia

L’ultima apparizione della Scozia su un palcoscenico internazionale risale a Francia 98. Un’astinenza che avrà fine lunedì pomeriggio (15.00) nel debutto europeo contro la Repubblica ceca. Per il capitano Andy Robertson, fino a otto anni fa cassiere a Hampden Park, la sfida odierna avrà un sapore molto più speciale. “La vita alla mia età, senza soldi, fa schifo #needawork”, aveva twittato il 18enne Andrew Henry Robertson, un oscuro giocatore del club scozzese di quarta categoria del Queen's Park, che a volte, per sbarcare il lunario, vendeva biglietti allo stadio di Glasgow.

Il messaggio del 2012 è riemerso dall'oblio ed è diventato virale, ora che Robertson è diventato una pedina fondamentale del Liverpool, con il quale ha vinto una Champions, una Premier, e della Nazionale che si appresta a guidare sul palcoscenico continentale.

Tre anni prima di quel messaggio che aveva il sapore di un SOS, era stato cacciato dall'accademia del Celtic perché troppo fragile. I suoi genitori avevano accettato di aiutarlo per un'altra stagione nel club della massima serie scozzese prima di voltare pagina.

Dalla quarta divisione alla Champions League

Il destino si fece vivo con la retrocessione dei Glasgow Rangers nella quarta categoria a seguito del fallimento del club, con la conseguente maggior attenzione mediatica posta sul campionato nel quale il giovane Andy si stava barcamenando. Dopo essere stato notato dal Dundee United, club di prima categoria, e poi essere sceso in Inghilterra per vestire la maglia dell’Hull City, la sua carriera ha fatto un balzo in avanti vertiginoso. Dopo tre stagioni con la stessa maglia, con due retrocessioni e una promozione, le sue prestazioni hanno convinto il Liverpool a offrire otto milioni di sterline per andare a occupare il suolo di laterale sinistro. Ruolo che, per altro, era occupato dallo spagnolo Alberto Moreno, criticato per la sconfitta di poche settimane prima nella finale di Europa League contro il Siviglia (3-1)

Se la sua determinazione e tenacia lo rendono il tipo di giocatore che piace a Jurgen Klopp, la sua qualità di laterale basso è stata un elemento chiave nella rinascita del Liverpool sotto l’ala del tecnico tedesco. Nelle ultime tre stagioni di Premier League, solo il suo compagno di squadra Trent Alexander-Arnold e il belga Kevin De Bruyne, con il Manchester City, hanno fornito più assist. Grazie al contributo fornito nella cavalcata vincente che la passata stagione ha riportato i Reds sul trono della Premier League dopo un’astinenza durata 30 anni, ad Anfield Robertson è già diventato una leggenda. Se riuscisse a trascinare i suoi connazionali a superare, per la prima volta, la fase a gironi di una grande manifestazione, diventerebbe di sicuro un eroe nazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved