SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
8 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
14 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
14 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
17 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
18 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
19 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
19 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
20 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
CICLISMO
30.11.2022 - 16:43
Aggiornamento: 17:54

Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion

Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel

morto-davide-rebellin-investito-in-bicicletta-da-un-camion

Davide Rebellin (51 anni) è deceduto in un incidente della circolazione. È stato investito da un camion nel corso di una seduta d’allenamento ed è deceduto sul colpo. Il dramma è avvenuto nel comune di Montebello Vicentino, nel Veneto, e a quanto sembra l’autista del mezzo pesante non si sarebbe fermato. I carabinieri sono al lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente. Non è nemmeno chiaro se chi ha investito Rebellin si sia accorto di quanto successo.

Nel corso di una carriera infinita e conclusa ufficialmente soltanto al termine della scorsa stagione, Rebellin ha vinto tre volte la Freccia vallone (2004, 2007, 2009), la Liegi – Bastogne – Liegi nel 2004 e l’Amstel Gold Race nello stesso anno. A livello di corse a tappe, aveva fatto sue la Parigi-Nizza nel 2008 e la Tirreno-Adriatico nel 2001. Nel corso degli anni aveva dovuto fare i conti anche con casi di doping. Nel 2008 aveva conquistato la medaglia d’argento nella prova su strada alle Olimpiadi di Pechino, medaglia poi ritiratagli in quanto risultato positivo al Cera. Sette anni dopo, però, un tribunale di Padova lo aveva scagionato dalle accuse.

Appassionato, caparbio, lo scalatoer dal fisico da uccellino spennacchiato ha continuato negli ultimi anni a gareggiare a un livello molto rispettabile con la sua squadra di terza divisione. "Mia moglie mi dice spesso che sono nato per pedalare. Mi vedo pedalare anche di notte, mentre dormo", aveva confidato in un’intervista per il sito specializzato Velo-Club.net. Si era ritirato solo un mese fa alla Veneto Classic, dopo trenta stagioni in gruppo.

Sui social network, molti corridori hanno reso omaggio all’italiano che, per molti avrebbe potuto essere il loro padre. "Non posso crederci. Davide Rebellin era ancora con noi domenica sera a Monaco e ha persino festeggiato la sua lunga carriera alla cena di gala" del criterium di Monte Carlo, ha dichiarato John Lelangue, direttore generale del team Lotto-Soudal.

Anche Christian Prudhomme, direttore del Tour de France, ricorda di aver stretto la mano all’italiano in quell’occasione. "Oggi è un giorno di infinita tristezza per chi ama il ciclismo", hanno dichiarato gli organizzatori del Giro d’Italia.

Questa tragica fine suggella un destino che, al di là delle vittorie, è stato macchiato dal sigillo del doping. Sospeso per due anni dopo essere risultato positivo al Cera alcuni mesi dopo le Olimpiadi di Pechino, Rebellin per diversi anni era scomparso dal mondo del ciclismo. "È stato un grosso ostacolo per la mia carriera – aveva spiegato nel 2016 –. Dopo la sospensione, sono tornato alle squadre piccole perché avevo la porta chiusa ovunque, soprattutto nelle grandi formazioni". Nel corso degli anni, tuttavia, è riuscito gradualmente a togliersi di dosso l’etichetta di emarginato e a guadagnarsi il rispetto grazie alla sua passione per il ciclismo e anche alla sua gentilezza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved