CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
pugilato
26 min

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
33 min

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Altri sport
1 ora

Tom Brady annuncia il (nuovo) ritiro

L’uomo dei record, 45 anni, ha detto in un video che lascerà il football, stavolta ‘per davvero’
Hockey
2 ore

Ecco i 25 convocati di Fischer per i Beijer Hockey Games

Si gioca a Zurigo e Malmö, con Fora, Mirco e Marco Müller, Thürkauf, Heim, Eggenberger e Bichsel
Calcio
3 ore

Non valido il contratto di Ziyech al Psg

I documenti relativi al trasferimento dal Chelsea sono giunti fuori tempo massimo alla Lega francese di calcio
Hockey
11 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
16 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
16 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
17 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
18 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
18 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
21 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
CALCIO
08.11.2022 - 23:09

Vittoria al San Gallo, applausi all’Arbedo-Castione

Rossoblù sconfitti 0-5 ed estromessi agli ottavi di Coppa Svizzera, ma senza alcunché di cui vergognarsi

di Matteo Giottonini
vittoria-al-san-gallo-applausi-all-arbedo-castione

Tutto come – purtroppo – previsto al Comunale. A differenza di quanto ci si poteva immaginare, dato l’abisso che intercorre tra le due formazioni, l’Arbedo non ha tuttavia fatto da vittima sacrificale: i rossoblù hanno fatto pagare cara la pelle, resistendo a oltranza per quasi 40’ e non scomponendosi eccessivamente una volta subite le reti sangallesi.

A dire la verità, il risultato contava poco: festa doveva essere, e festa è stata. Sin dall’inizio, con i decibel alle stelle all’entrata in campo dei giocatori, canti, urla e risate – e addirittura fuochi d’artificio – da parte di un pubblico composto sì da parenti e amici, ma anche da tanti curiosi, stretti attorno a una piccolissima squadra che affronta una potenza del calcio confederato. Quel vecchio volpone di Peter Zeidler (l’allenatore sangallese) teme le classiche sorprese e senza dubbio ricorda molto bene com’è finita l’ultima partita di Coppa contro una squadra ticinese, prova ne è che nell’undici messo in campo all’inizio trovano posto ben 8 titolari dell’ultima sfida di Super League. Sulle tribune il pensiero – e il timore – è uno solo: fino a quando terranno le energie, fisiche e mentali, per contrastare i professionisti d’oltralpe e la loro rosa da oltre 25 milioni? Gli undici dell’Arbedo resistono bene, con la quaterna difensiva a mettersi in evidenza più volte, provando persino a mettere il naso alla finestra con alcune palle lunghe a cercare Decristophoris, con tanto di contestazioni per un rigore reclamato ma non fischiato. "Finché la va, la gà i gamb" recita un detto popolare, e così al primo pallone che finisce tra le braccia di Watkowiak, un cross sbagliato da Vargiu, metà tribuna trattiene il fiato e parte un "Ar-be-do! Ar-be-do!" da far impallidire i cori di non poche tifoserie di Challenge League. Passano i minuti, la palla gli arbedesi la vedono poco e il San Gallo continua ovviamente a spingere (il possesso sangallese a fine primo tempo raggiungerà il 79%) ma senza molta organizzazione, sicché la muraglia rossoblù non cede. Jakimov fa buona guardia, con i legni che gli danno un colpo di mano in due occasioni, ma gli dei del calcio decidono che quasi quaranta minuti di sogno possono bastare. In quattro minuti il San Gallo ne mette due – la prima con Guidotti, che colpisce quasi casualmente di testa e con la palla che entra in porta di pochi centimetri, la seconda con Latte Lath e la partita è bell’e archiviata.

Nella ripresa il copione si ripete, con i sangallesi che in difesa non cedono di un millimetro, ma che in attacco faticano a incrementare il vantaggio, sia perché devono districarsi in un mare di maglie rossoblù sia perché – diciamocelo – fanno un po’ i fighetti, privilegiando la spettacolarità all’efficacia. Jakimov prima e Pesenti poi, subentrato al portiere titolare in corso d’opera, pur subendo ancora qualche rete, ne approfittano per mettersi in mostra. Finisce 0-5, ma sulle tribune non importa a nessuno, così come poco importa ai giocatori. Il capitano Joel Minorini trattiene a stento le emozioni: «È una cosa che difficilmente capiterà ancora a qualcuno. Ci siamo divertiti, poteva andare molto peggio, ma siamo contenti di quanto abbiamo fatto. Siamo tutti ragazzi, lavoriamo o studiamo, ci portiamo a casa dei ricordi indimenticabili. Guardare gli spalti e vedere tutta questa gente… è incredibile». La birra negli spogliatoi è pronta, tutto il resto è storia.

Arbedo-Castione – San Gallo (0-2) 0-5

Reti: 38’ Guidotti 0-1, 42’ Latte Lath 0-2, 64’ Latte Lath 0-3, 79’ Vallci 0-4, 88’ Cavegn 0-5

Arbedo-Castione: Jakimov (69’ Pesenti), Berera, Maffi, Roguljic, Minorini (C), Zivko (69’ Christen), Colatrella, Anselmi (81’ Citrini), Vargiu, Decristophoris (81’ Namani), Ambrosetti (60’ Bozzini)

San Gallo: Watkowiak, Kempter, Maglica, Stergiou, Vallci, Quintillà (C), Guidotti (46’ Schmidt), Azevedo (28’ Schneider), Stillhart (46’ Witzig), Latte Lath (64’ Karlen), Akolo (64’ Cavegn)

Arbitro: Gianforte

Note: 1’369 spettatori. Ammoniti: 13’ Azevedo, 45+1’ Ambrosetti, 83’ Schneider. Arbedo-Castione privo di Noah Colatrella, Nicora, Filipovic, Berni, Lamanna, Maruccia; San Gallo privo di Schubert, von Moos, Münst, Besio (infortunati), Görtler (squalificato)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved