CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
OLIMPIADI
13 min

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
1 ora

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
4 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
8 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
9 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
9 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
9 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
9 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
9 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
1 gior

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
CALCIO
30.10.2022 - 16:47

Bellinzona vittorioso senza strafare

I granata si sbarazzano 2-0 del Vaduz e festeggiano il rientro in campo di Sergio Cortelezzi

di Matteo Giottonini
bellinzona-vittorioso-senza-strafare
Thomas Chacon

Riscossa doveva essere, dopo l’immeritata sconfitta maturata negli ultimi secondi di gioco contro l’Yverdon, e riscossa è stata. Capaci di trafiggere Büchel due volte nei primi 10’, i granata hanno in seguito dato prova di ordinaria amministrazione, ottenendo tre punti che li tengono incollati alla parte alta della graduatoria e facendo proseguire la tradizione che vede il Vaduz mai vittorioso al Comunale.

Alla prima apparizione nell’area avversaria i granata trovano subito la rete, con Guillermo Padula abile a infilare di testa dopo calcio d’angolo, approfittando di un’inguardabile uscita di Büchel. Non passano che pochi minuti e subito cade dal cielo il raddoppio. Dalla sinistra Berardi pesca Chacón solo soletto in area; il biondo numero 8 ha tutto il tempo di controllare, mirare e trafiggere il povero Büchel con uno splendido sinistro incrociato. Con una formazione composta perlopiù da riserve (con i titolari a riposo dopo la partita di giovedì in Conference League contro l’Az Alkmaar), il Vaduz non riesce mai a rendersi pericoloso in maniera seria. Se la squadra di Mangiarratti è spesso allo sbando, quella di Raineri sembra poter fare ciò che vuole: in evidenza, come sempre, due elementi che per la Challenge League sono quasi un lusso come il già citato Chacón e il capitano Mihajlovic. Recuperi di palla, ripartenze, aperture, i due sono carichi a molla e non c’è azione nella quale uno dei due non metta il piede. Il rientrante Kiassumbua, che durante la prima mezz’ora avrebbe quasi potuto noleggiare una sdraio al vicino bagno pubblico per farsi un sonnellino, viene richiamato all’ordine da Traber che prova a risvegliare i suoi, ma sul colpo di testa del difensore del Vaduz il numero 77 sfoggia una paratona da applausi. I granata sono bravi a non mollare mai la presa: pur con qualche errore di concentrazione, la truppa di Baldo Raineri stoppa sul nascere pressoché ogni iniziativa avversaria. L’unica pecca è forse la prestazione di Pollero, quasi mai capace di inserirsi nel gioco costruito dai compagni e spesso un po’ troppo egoista.

Nella ripresa il vento cambia drasticamente. Memori di quanto accaduto all’andata, quando erano stati capaci di recuperare due reti (pur uscendo sconfitti nel finale), i giocatori del Principato provano la "remuntada" e piantano le tende nella metà campo granata, con le occasioni che iniziano a moltiplicarsi. Fortunatamente gli attaccanti biancorossi faticano a trovarsi e non riescono a concretizzare trame offensive degne di tale nome – anche per merito di una difesa granata ben registrata – e si vedono annullare una rete per fuorigioco. Il Bellinzona sparisce gradatamente dal campo, pur senza mai deragliare: un quieto vivere conquistato grazie al calcio-champagne mostrato nei primi dieci minuti – del quale non rimangono nemmeno le bollicine – ma tutto sommato va bene così. Da segnalare il ritorno in campo di Sergio Cortelezzi, lontano dai campi da 3 mesi e subentrato a Centinaro a 30’ dalla fine: «Mi sono sentito molto bene, a livello personale era importante tornare dopo un lungo infortunio e cercare di riprendere il ritmo-partita. Per un attaccante non è facile entrare così, con gli avversari che pressano, ma sono contento di aver potuto aiutare la squadra. Nel secondo tempo l’abbiamo gestita da squadra, è quello che volevamo fare: devi essere pronto ad approfittare delle occasioni che hai e poi reagire come gruppo, con tanta grinta».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved