Losanna
4
Aarau
1
fine
(2-1)
Bienne
3
Lakers
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Ambrì
3
Ajoie
4
fine
(0-2 : 1-0 : 2-1 : 0-1)
Langnau
3
Ginevra
4
fine
(2-1 : 0-2 : 1-0 : 0-1)
Zugo
1
Lugano
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
Friborgo
1
Zurigo
2
fine
(0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-0 : 0-1)
Losanna
5
Davos
4
rigori
(2-0 : 1-1 : 1-3 : 0-0 : 1-0)
Winterthur
1
Visp
4
fine
(0-0 : 0-3 : 1-1)
Sierre
2
Ticino Rockets
1
fine
(1-0 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Langenthal
2
La Chaux de Fonds
3
fine
(0-1 : 1-0 : 1-1 : 0-1)
Dra.gosier-ga
2
Turgovia
1
fine
(1-1 : 0-0 : 1-0)
Olten
2
GCK Lions
3
rigori
(1-1 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-1)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
24 min

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 ora

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 ora

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
5 ore

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
6 ore

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
6 ore

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
6 ore

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
7 ore

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
14 ore

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
1 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
1 gior

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
19.10.2022 - 22:28

Sconfitto senza demerito un Lugano generoso e sfortunato

Uno Young Boys cinico e pure aiutato dalle decisioni dell’arbitro Schär espugna Cornaredo segnando quattro reti

sconfitto-senza-demerito-un-lugano-generoso-e-sfortunato

I bianconeri escono battuti, paradossalmente, dopo una delle loro migliori partite stagionali, senza troppe occasioni da gol, ma giocata in modo molto ordinato e senza alcun timore reverenziale nei confronti di un avversario che sta dominando il campionato. Che sarebbe stato un buon primo tempo per il Lugano si è visto già dopo dieci secondi di gioco, quando Mahou, rubata alla retroguardia bernese la prima palla della partita, si è involato verso l’area avversaria e dal limite ha fatto partire un destro secco e basso che si è stampato sul palo alla sinistra di Von Balmoos facendo correre più di un brivido alla capolista del campionato. Al contrario di quanto visto in diverse occasioni in questi primi mesi, i bianconeri non soffrono l’avversario nei minuti iniziali, sono anzi la squadra più propositiva e mostrano una verve notevole, perdendo pochi palloni e andando ad aggredire e a chiudere sugli avversari nel migliore dei modi. Degna di nota una combinazione precisa e veloce fra Bottani, Ziegler e Celar, col tiro dello sloveno che frutta ai bianconeri soltanto un corner.

Purtroppo per i padroni di casa, però, contro l‘andamento del match, alla prima occasione (21’) i gialloneri riescono a passare in vantaggio con Nsame. Sull’azione precedente, da segnalare un erroraccio in disimpegno di Mai, al quale a rimediare è stato lo stesso difensore tedesco con una successiva chiusura puntuale. Al gol subito, ad ogni modo, il Lugano ha reagito bene, tanto che dopo nemmeno cinque minuti è stato in grado di raggiungere il più che meritato pareggio grazie a un imperioso colpo di testa di Ziegler, magistralmente servito da Steffen dalla bandierina del corner. Rimesse le cose in parità, gli uomini di Croci-Torti - trascinati da un Valenzuela a tratti incontenibile e da un Bottani padrone sia della fascia destra sia di quella mancina - hanno continuato a macinare gioco e a difendere bene, raccogliendo in più occasioni applausi a scena aperta, una cosa che quest’anno non si era ancora vista. Unico dato negativo, al di là del gol subito, l’arbitraggio di Schär, smaccatamente filo-bernese.

Il Lugano, che ritrova Daprelà e Ziegler ma che è privo degli indisponibili Aliseda e Facchinetti e dello squalificato Arigoni, tiene bene il campo anche nella ripresa, tanto che mister Croci-Torti, soddisfatto dei suoi ragazzi, non effettua sostituzioni fino al al 69‘, quando purtroppo giunge la seconda rete ospite - firmata da Garcia - al termine di un’azione viziata da un evidente fallo ai danni di capitan Sabbatini bellamente ignorato dal signor Schär, della cui pessima direzione di gara si è già detto. I nuovi innesti - Amoura, Bislimi e Haile-selassie al posto di Celar, Boittani e Mahou - purtroppo non sortiscono quanto sperato dal tecnico luganese. E all’81’, col Lugano inevitabilmente proiettato in avanti in cerca di un pareggio che meriterebbe, i bernesi segnano pure la loro terza rete col nuovo entrato Imeri, che si ritrova da solo davanti a Saipi e lo infila con un preciso diagonale basso. A quel punto, comprensibilmente, il Lugano sparisce e nel recupero giunge anche la quarta rete dei gialloneri, firmata da Itten, davvero una punizione troppo severa per i padroni di casa.

Lugano - Young Boys (1-1) 1-4
Reti:
21’ Nsame 0-1. 26’ Ziegler 1-1. 68’ Garcia 1-2. 81’ Imeri 1-3. 95’ Itten 1-4.
Lugano: Saipi; Valenzuela, Mai, Daprela, Ziegler; Sabbatini (86’ Macek), Doumbia (77’ Mahmoud); Mahou (70’ Haile-Selassie), Bottani (70’ Bislimi), Steffen; Celar (70’ Amoura).
Young Boys: Von Ballmoos; Rüegg (51’ Blum), Camara (56’ Lustenberger), Zesiger, Garcia; Niasse; Fassnacht, Sierro, Ugrinic (51’ Imeri); Itten, Nsame (87’ Monteiro).
Arbitro: Schärer.
Note: 3’307 spettatori. Lugano senza Arigoni (squalificato), Aliseda e Facchinetti (entrambi infortunati). Al 1’ palo colpito da Mahou. Ammoniti: 37’ Celar, 40’ Rüegg, 57’ Niasse (salterà la prossima partita), 60’ Lustenberger, 64’ Doumbia, 79’ Daprela, 86’ Bislimi, 91’ Itten.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved