Langenthal
Ticino Rockets
17:00
 
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
6 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
10 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
17 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
18 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
18 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
21 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
21 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
21 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
22 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
22 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
22 ore

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
23 ore

Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo

Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
CALCIO
02.10.2022 - 19:37
Aggiornamento: 20:29

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu

di Matteo Giottonini
bellinzona-tradito-dai-dettagli-lo-sciaffusa-ringrazia

Dopo un primo tempo disordinato, ma equilibrato, nella ripresa i granata patiscono l’espulsione di Izmirlioglu e subiscono due reti in dieci minuti. Inutile l’assalto finale, che porta unicamente alla rete di Pollero.

Nel giorno della protesta di un gruppo di tifosi granata, espressa tramite un comunicato nel quale viene criticata la gestione del club (e con proteste anche a fine partita), a rendersi inizialmente più pericoloso è lo Sciaffusa: a farne le spese è Kiassumbua, rimasto a terra dopo un’uscita un po’ avventata e sostituito dal debuttante Muci. Gli uomini guidati da Hakan Yakan si rendono pericolosi soprattutto sulle palle ferme, con Muci che causa non pochi brividi ai tifosi di casa. I granata riescono raramente a costruire trame offensive degne di tale nome: quando riescono a farsi vedere dalle parti di Ruberto sono purtroppo vittima dei loro errori o, in almeno due casi, di decisioni arbitrali quantomeno dubbie (in particolare su alcuni tocchi di mano reputati involontari). Con il passare dei minuti il gioco rimane equilibrato, con Miranda che salva i suoi togliendo dai piedi di Bobadilla il pallone del vantaggio ospite; poco dopo la mezz’ora è invece Pollero ad avvicinarsi al classico gol dell’ex. Il Bellinzona stenta a ingranare, e nonostante l’incessante sgolarsi di un indiavolato mister Raineri a bordocampo (al suo debutto in Challenge) gli errori si moltiplicano, con il solo Mihajlovic a salvarsi nel caos generale. L’undici in campo sembra una pallida e triste copia di quello – tanto battagliero quanto ben organizzato – ammirato in Coppa contro il Lucerna, ma a onor del vero lo Sciaffusa non è messo molto meglio: la scelta più gettonata è la palla lunga, a cercare l’inossidabile Bobadilla. A inizio ripresa Izmirlioglu la combina grossa, lasciando i suoi in dieci a causa di due interventi fallosi in due minuti (!) che gli costano due gialli. Un attimo di follia che inizia a far colare a picco il vascello granata. La picconata successiva la assesta Muci poco dopo, uscendo a valanga sul lanciatissimo Luan e non dando altra possibilità all’arbitro Kanagasingam che quella di indicare il dischetto del rigore, dal quale il capitano Müller non sbaglia. Lo Sciaffusa capisce di aver fatto il grosso del lavoro e si accomoda ad aspettare che il raddoppio cada dal cielo: cosa che succede prontamente dieci minuti dopo, con Luan che parte sul filo del fuorigioco e supera un esitante Muci con un pregevole pallonetto. Mentre sulle tribune gli aficionados granata già sentenziano "Pori nüm!", ci pensa Pollero – su ottimo cross dell’inesauribile Mihajlovic – a rinvigorire le speranze di portare a casa almeno un punto, ma i tentativi di assedio conclusivo sono infruttuosi: è difatti lo Sciaffusa a chiuderla definitivamente nel recupero. A fine partita Baldo Raineri analizza così la sfida: «La partita è stata decisa dai dettagli. Nella fase offensiva dobbiamo ancora lavorare, non siamo stati brillanti. I ragazzi però ci hanno messo impegno. Peccato per il rosso di Izmirlioglu dato che è un giocatore molto importante per noi, ma d’altronde queste cose succedono anche ad altissimi livelli. Lo Sciaffusa è una squadra che ho sempre sofferto, che ti fa giocare male. È una squadra tosta, non per niente l’anno scorso è quasi salita in Super League. Il risultato dice che è un passo indietro, ma la prestazione secondo me no».

Bellinzona - Sciaffusa (0-0) 1-3

Reti: 63’ S. Müller 0-1, 73’ Luan 0-2, 83’ Pollero 1-2, 90+4’ Vogt

Bellinzona: Kiassumbua (12’ Muci), Izmirlioglu, G. Padula, Miranda, Mihajlovic, Centinaro (78’ Doldur), Romero, Morgado (78’ Tia), Souza, Samba (57’ Manis), Pollero

Sciaffusa: Ruberto, Lika, Hamdiu, S. Müller, Lurvink, Soldo (46’ A. Müller), Luan (78’ Vogt), Stevic (92’ Kalem), Gonzalez, Sliskovic (67’ Cherny), Bobadilla (92’ Rustemoski)

Arbitro: Kanagasingam

Note: 872 spettatori. Ammoniti: 34’ Pollero, 38’ Stevic, 52’ Izmirlioglu, 68’ Gonzalez, 78’ Morgado, 87’ Mihajlovic; Espulso: 54’ Izmirlioglu (doppia ammonizione). Bellinzona privo di Cortelezzi, A. Padula, Klein (infortunati), Monti (squalificato); Sciaffusa privo di Sahitaj, Krasniqi (infortunati), Rhyner (squalificato);

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved