CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
3 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
4 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
4 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
7 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
10 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
13 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
14 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
16 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
21 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
1 gior

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
SCI ALPINO
1 gior

Le condizioni meteo costringono a rinviare la discesa libera

Niente da fare a Lake Louise per i velocisti, ancora fermi al palo in questo tribolato inizio di stagione. Donne in gara nel weekend a Killington
QATAR 2022
1 gior

L’Ecuador di Valencia mette alle corde l’Olanda

La sfida finisce in parità e a entrambi basterà un punto nell’ultima partita per accedere agli ottavi di finale. Tanti applausi per i sudamericani
QATAR 2022
1 gior

L’ultimo arrivato fa già tanto rumore

A Fabian Rieder sono bastati 9’ più recupero nell’esordio in rossocrociato per dimostrare di essere un jolly importante per Yakin: ‘Mi tremavano le gambe’
CURLING
1 gior

Anche gli uomini in finale: non accadeva dal 2009

Come le ragazze di Silvana Tirinzoni, anche Yannick Schwaller e compagni si guadagnano il diritto di giocarsi l’oro europeo: sfideranno la Scozia
Qatar 2022
1 gior

Il Senegal fa il minimo indispensabile per vincere

Dia, Diatta e Dieng mettono sotto il Qatar, che si consola con la prima rete storica di Muntari
QATAR 2022
1 gior

Distorsione alla caviglia, contro la Svizzera Neymar non ci sarà

Il brasiliano si era infortunato nella sfida contro la Serbia. Potrebbe rientrare nella fase a eliminazione diretta
QATAR
1 gior

Romelu Lukaku è tornato ad allenarsi in gruppo

Il belga è reduce da un infortunio alla coscia. Lo staff dei Diavoli rossi ritiene che sarà pronto a scendere in campo il 1° dicembre contro la Croazia
02.10.2022 - 18:33
Aggiornamento: 20:56

Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano

I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette

prima-vittoria-casalinga-stagionale-del-lugano

Il sole e i 22 gradi - ideali per il football - facevano sperare nello spettacolo, invece per oltre mezz‘ora a Cornaredo è stata la noia a farla da padrona, con una sola conclusione ginevrina dopo nemmeno due minuti (Antunes), deviata in angolo da Saipi, e addirittura zero tiri da parte luganese. I padroni di casa, subito pressati dal Servette, faticavano clamorosamente a costruire dal basso e perdevano presto ogni pallone. Il 4-2-3-1 schierato da Croci Torti avrebbe dovuto garantire maggiore vicinanza fra i reparti, invece si vedeva un certo scollamento fra le linee. In questo senso, gli ospiti parevano più compatti, e oltretutto - non venendo attaccati - riuscivano a costruire meglio dei bianconeri. Ma solo fino alla trequarti, perché da lì in avanti per fortuna Ziegler, Mai e Dapreà riuscivano a chiudere su ogni palla che si avvicinava troppo all’area e a sventare le eventuali minacce. All’improvviso però, fra gli sbadigli, per merito di Sabbatini (35’) si accendeva la luce. Il capitano, ricevuta la palla da Steffen un po’ a sinistra della lunetta, se la sistemava sul destro e faceva partire una rasoiata angolatissima su cui Frick non poteva fare nulla. Il gol pareva aver finalmente dato la scossa ai bianconeri, che un minuto più tardi avrebbero potuto raddoppiare con Steffen, fin lì piuttosto in ombra come tutti. Il nazionale rossocrociato, però, svirgolava clamorosamente una bella palla in contropiede, mandandola altissima. Nell’ultima decina di minuti si tornava a sonnecchiare, e la sola annotazione riguarda un brutto fallo del ginevrino Valls che, già ammonito, avrebbe potuto (e dovuto) essere espulso, ma l’arbitro Bieri - davvero magnanimo coi ginevrini in diverse occasioni, e dunque fischiatissimo - lo graziava. Saggio il tecnico romando Geiger a toglierlo dal campo, per evitare guai, quando le squadre tornavano in campo per disputare la ripresa.

La ripresa si rivelava un po’ più vivace, ma solo perché le squadre inevitabilmente si erano allungate, concedendo spazi per i contropiedi avversari: più numerosi quelli bianconeri, dato che i romandi, costretti a recuperare lo score, si portavano più spesso nella metà campo dei rivali, e appena perdevano la palla erano costretti a inseguire nelle ripartenze i padroni di casa. Da segnalare al 61’ una bella parata di Saipi, che deviava in corner una bella conclusione da lontano di Pflucke. Al 67’ Aliseda, al primo pallone toccato, si ritrovava davanti al portiere avversario, ma gli sparava addosso. Al 77’ ciabattata altissima di Sabbatini, che purtroppo arrivava col sinistro sul pallone servitogli da Haile-Selassie. E lo stesso Haile-Selassie andava vicino al gol dieci minuti più tardi, quando chiudeva troppo un diagonale dalla sinistra. Il Servette visto a Cornaredo non sembrava una squadra degna della seconda posizione in classifica che occupava fino alla vigilia del match, mentre il Lugano, pur non brillando troppo, mostrava quantomeno cuore e, soprattutto, riusciva finalmente a vincere davanti al proprio pubblico, pur soffrendo, dopo un tempo immemorabile.

«Sono contento», ha detto alla fine il tecnico Mattia Croci Torti, «perché non è mai facile riprendere a giocare dopo la sosta per le nazionali. Oggi nessuno si è nascosto in campo, non abbiamo concesso troppo al Servette. Mi sono tenuto i giocatori più veloci da inserire nella ripresa, nella speranza di poterli sfruttare nei contropiede. Finalmente abbiamo vinto in casa, non succedeva da maggio. Continuare a rimandare il successo fra le mura amiche avrebbe potuto condizionare il prosieguo della nostra stagione. Sono felice per la prestazione di Aliseda, molto cresciuto rispetto all’anno scorso. Sull’arbitraggio di Bieri, mi pare che si possa dire che non abbia adottato un metro coerente nel valutare i nostri falli e quelli del Servette. Certo, Valls andava espulso: lo fosse stato, avremmo giocato i secondi 45’ in superiorità numerica, e magari avremmo segnato altri gol».

«Oggi è stato molto bello», ha detto alla fine Capitan Sabbatini, autore del gol-vittoria. «I successi portano la gente allo stadio, e quello di oggi spero possa convincere molta gente a venire a Cornaredo per la prossima partita contro il Basilea, che sarà importantissima. Il mio gol? Il mister ci chiede di provare ogni tanto a colpire da lontano, e stavolta è andata bene».

Lugano - Servette: 1-0 (1-0)

Lugano: Saipi; Valenzuela, Mai, Daprelà, Ziegler; Sabbatini, Doumbia; Steffen (80. Amoura), Bislimi (63. Macek), Mahou (63. Haile-Selassie); Babic (67. Aliseda). All. Croci Torti

Servette: Frick; Bauer (67. Diallo), Vouilloz, Severin, Clichy; Cognat; Antunes (82. Cespedes), Valls (46. Kutesa); Stevanovic, Rodelin (56. Crivelli, 67. Fofana), Pflücke. All. Geiger

Reti: 35’ Sabbatini

Spettatori: 3’340

Arbitro: Alain Bieri

Ammoniti: 24’ Valls, 46’ Daprelà, 70’ Doumbia, 70’ Steffen, 76’ Vouilloz, 88’ Diallo.

Le pagelle

Saipi: 5. Attento nel primo tempo sull’unica conclusione ginevrina, che riesce a deviare in angolo. Impeccabile nella ripresa, dove non sbaglia nulla e mostra grande tempismo nelle uscite, sia alte sia basse, coi piedi e con le mani.

Valenzuela: 3,5. Alcuni controlli sbagliati, ma lascia sempre troppo spazio a Pflucke. Grandi polmoni e generosità, ma sta troppo lontano dall’avversario diretto e ha piedi tagliati un po’ con l’accetta. Fra i difensori, è l’unico un po’ in difficoltà.

Mai: 4,5. Pare più sicuro di altre volte, anche se nel primo tempo troppo spesso la dà indietro al proprio portiere, pure quando non sarebbe strettamente necessario, evidenziando ancora qualche timore. Nelle chiusure però è puntuale. In crescita.

Daprelà: 4,5. Fa buona guardia, come tutto il reparto arretrato, anche se non è stata la sua migliore partita. Però è provvidenziale all‘86’, quando di testa sventa un’enorme minaccia.

Ziegler:4,5. Dialoga bene con Mahou, e nella sua zona i ginevrini non sono mai pericolosi, trasmette calma e sicurezza ai compagni, l’ex nazionale è sempre una garanzia.

Sabbatini: 4,5. Uomo d’ordine, stavolta si rivela anche goleador risolutivo. Il destro da fuori area del capitano che regala al Lugano il primo successo casalingo della stagione è un vero colpo di biliardo.

Doumbia: 5. Si propone sempre, tocca il pallone in ogni azione bianconera, ed è provvidenziale in più di un’occasione quando chiude al limite dell’area su avversari pronti a calciare in porta. Mostra grande personalità: la sua miglior partita in maglia bianconera.

Steffen: 4. Si vede poco, e non è nemmeno troppo preciso, sulla destra lui e Valenzuela faticano a dialogare, ha comunque il merito di servire a Sabbatini l’assist per il gol dell’1-0. Cala vistosamente nella ripresa.

Bislimi: 3,5 Si dà da fare, svariando sull’intero fronte d’attacco, ma è sempre abbastanza impreciso, oltre che poco servito dai compagni. Lascia il campo al 64’ a favore di Macek.

Mahou: 4. Nel primo tempo, effettua una chiusura fondamentale in area, guadagnando anche un fallo. Lui e Ziegler si intendono abbastanza bene, poi cala vistosamente e al 64’ lascia il posto a Hailé- Selassié.

Babic: 4. Come unico vero terminale d’attacco, si muove molto e difende bene il pallone, ma non si rende mai pericoloso. Al 67’ viene sostituito da Aliseda.

Croci Torti: 4,5. Finalmente ha la soddisfazione di vincere a Cornaredo. Doveva fare i conti con diverse assenze, e ha messo in campo il meglio di cui disponeva.

Haile-Selassie, Amoura, Macek, Aliseda: NG

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved