CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
9 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
11 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
13 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
17 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
19 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
19 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
22 ore

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
1 gior

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
1 gior

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
1 gior

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
CALCIO
1 gior

Parcheggi limitati a Cornaredo, meglio i mezzi pubblici

L’Fc Lugano comunica che verranno creati parcheggi a lisca di pesce su una corsia di via Ciani (imbocco da via Brentani). Chiuso lo sterrato della Gerra
CALCIO
1 gior

La pazienza è la virtù dei forti

Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
Basket
1 gior

Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare

Al via un Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha in campo ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
TENNIS
1 gior

Djokovic - Tsitsipas, una finale da numeri uno

Il serbo e il greco si sono facilmente qualificati per l’atto conclusivo degli Australian Open. Il vincente scavalcherà Alcaraz in vetta al ranking Atp
Calcio
2 gior

‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’

A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
TENNIS
2 gior

Nadal conferma un’assenza di 6-8 settimane

Gli esami effettuati a Barcellona hanno confermato diagnosi e tempi di recupero scaturiti dai primi controlli a Melbourne
PATTINAGGIO ARTISTICO
2 gior

Kimmy Repond può sognare il podio europeo

Ad Espoo, la 16.enne basilese ha chiuso al terzo posto il programma corto. Bene anche Livia Kaiser (18 anni) in nona posizione
SNOWBOARD
2 gior

Prima vittoria in Coppa del mondo per Ladina Jenny

A Blue Mountain (Canada), la svittese ha superato in finale l’italiana Dalmasso. Fuori agli ottavi le altre rossocrociate
CALCIO
2 gior

Nel 2022 la Fifa ha certificato più di 70’000 trasferimenti

Oltre 20’000 quelli di calciatori professionisti, cifra superiore al 2019 pre-Covid. Boom anche in campo femminile
MOUNTAIN BIKE
2 gior

Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità

Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
calcio
19.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 21.09.2022 - 15:17

L’Union, la squadra fai-da-te che ha rivoltato la Bundesliga

I tifosi del club berlinese, contestatori del regime ai tempi della Ddr, hanno un legame viscerale col loro stadio, che hanno ricostruito con le loro mani

l-union-la-squadra-fai-da-te-che-ha-rivoltato-la-bundesliga
Una coreografia dei tifosi dell’Union (Keystone)
+3

"Il teatro dei Sogni", "La Scala del calcio", "La Catedral". Ci sono stadi dai soprannomi altisonanti che provano a contenere in poche parole una storia, un’atmosfera. E poi c’è lo Stadion an der Alten Försterei, letteralmente lo "stadio vicino alla vecchia casa del guardaboschi", che sembra un altro soprannome e invece è il nome vero. Molto esatto e molto tedesco. Senza fronzoli eppure pieno di poesia, se la sai trovare. Come molto tedesca è la storia dell’Union Berlino, la squadra che ci gioca dentro da sempre, da quando l’hanno tirato su, nel 1920, al confine con il bosco di Wuhlheide, a Köpenick, che in quello stesso anno perse lo status di comune per diventare un altro pezzo del grande Berlino.

Era il periodo in cui la capitale si espandeva a vista d’occhio. Poi, con l’inizio della Guerra fredda, la tagliarono in due: di qua Berlino Ovest, di là Berlino Est. Di là c’era la Vecchia Foresteria, lo stadio che si era preso il nome e anche quelli che ci giocavano dentro, che non erano nemmeno un granché, ma non era importante, perché – come in ogni altro club al mondo e qui pure un po’ di più – quelli che contavano erano i tifosi. E, appunto, lo stadio.

Quella squadra scalcagnata, talmente in periferia che arrivarci era un viaggio, è rimasta tale per decenni: al netto delle competizioni locali ha una bacheca praticamente vuota, dove c’è un solo, impolverato trofeo, la Coppa della Germania Est del 1968, che è anche l’anno della Primavera di Praga, dove un popolo alzò la testa contro i soprusi del proprio regime e dell’Unione Sovietica, proprio come faceva – nel suo piccolo – il pubblico dell’Union Berlino ogni maledetta domenica.


Con la Coppa della Germania Orientale vinta nel 1968 (Wikipedia)

Un luogo a parte

Era lo stadio degli operai e degli irregolari, di chi non si riconosceva nella Ddr, in quel comunismo arrivato in coda al nazismo tanto da finire per somigliargli, nei volti ingrigiti di Walter Ulbricht prima ed Erich Honecker poi, gli uomini che hanno diretto il partito telecomandati da Mosca. La curva dell’Union Berlino era un posto a sé, dove potevi dire, perfino urlare, cantare cose che altrove non potevi nemmeno sussurrare; che nemmeno in casa tua potevi dire, perché nella Ddr una persona su tre collaborava col regime, e se parlavi in una stanza con altre due persone – anche se era la tua stanza – e tu non eri una spia, beh, ci voleva davvero poco a fare i conti.

Quello stadio insomma, era l’unico sfogatoio pubblico dell’intero Paese. Andarci era un atto di ribellione, era un morso proibito alla libertà: a quel punto vincere o non vincere era un di più.

Oggi che l’Union Berlino – arrivato dopo un infinito girovagare nelle serie inferiori – vince, issandosi fino al primo posto della Bundesliga, vincere conta, ovviamente. Ma alla fine sempre un po’ meno che altrove, come se anche i tifosi più giovani, quelli nati in Germania e basta, senza più Est e Ovest, avessero assimilato la lezione dei padri. Il "Dna di una squadra", si dice: la Juventus brutta e vincente nei secoli dei secoli, il Barcellona palleggiatore e spettacolare, l’Ajax dei giovani, il Tottenham sprecone. Anche l’Union ha il suo, fatto di un rapporto viscerale con quello stadio dal nome strano, che ti chiedi come fanno a sentirlo così loro, eppure è loro davvero. Almeno in parte.


I divani dei tifosi sul campo da calcio durante il Mondiale 2014 (Keystone)

Il futuro nelle proprie mani

Quando nel 2008 ci si trovò davanti al bivio tra un nuovo impianto e l’ammodernamento dell’amata Foresteria, i tifosi non ebbero dubbi, anche se c’era da rimboccarsi le maniche. La squadra era stata appena promossa dalla quarta alla terza serie e le casse erano mezze vuote: finì che i tifosi si accollarono parte del lavoro regalando 140’000 ore della loro vita al club della loro vita: elettricisti, falegnami, muratori o anche semplici volenterosi indirizzati da chi sapeva cosa fare. Nei pressi dello stadio, assieme alla casa del guardaboschi, ora c’è perfino un curioso monumento: un grosso casco rosso da operaio sostenuto da una base con tutti i nomi di chi ha contribuito, col denaro o col sudore (spesso con entrambi), all’ampliamento dello stadio, diventato poi in parte di proprietà degli stessi tifosi.

La storia dicono che si ripete, ma a volte fa semplicemente giri strani trasformandosi nella famosa vendetta servita fredda: nel periodo in cui lo stadio rimase chiuso per lavori, l’Union finì a giocare nell’impianto della Dinamo Berlino, i rivali durante gli anni della Ddr. Rivali che baravano: erano infatti la squadra di Erich Mielke, capo della Stasi. Ogni mezzo era buono per far vincere la Dinamo, dalla razzia dei migliori giocatori di altre squadre allo squilibrio nelle scuole calcio (negli anni d’oro alla Dinamo ne furono assegnate 36, all’Union appena 5) per non parlare degli arbitri, che non andavano nemmeno corrotti, perché se arbitravano sfavorendo la squadra di Mielke li aspettava qualcosa di peggio. E loro lo sapevano.

Così l’Union perse per anni partite, giocatori e occasioni. Nella stagione 2008-2009, nello stadio prestato dai rivali, l’Union vinse anche il campionato di terza serie. Nel frattempo aveva battuto la Dinamo 8-0, un successo che è diventato parte integrante del nuovo stadio: infatti, quando non si giocano partite, sul tabellone ricompare quel risultato. D’altronde, negli anni dell’Union ribelle, sugli spalti si cantava "a Berlino ci sono solo due club, l’Union e l’Hertha", omettendo volutamente la Dinamo. L’Hertha era la squadra rimasta all’Ovest, amata e tifata da molti nella Ddr: 79 giorni dopo la caduta del Muro, l’Hertha ospitò nel suo Olympiastadion l’agognato derby con l’Union finito 5-3 per i padroni di casa davanti a 52 mila persone: ma anche lì, il risultato interessava a pochi.


La vecchia casa del guardaboschi ora è la sede del club (Wikipedia)

Con l’inno di Nina Hagen

Nel frattempo la casa del guardaboschi è diventata il quartier generale della squadra, mentre lo stadio, ai Mondiali del 2014, è diventato la cosa più simile a una casa quando il club ha avuto l’idea di far vedere la competizione sul maxischermo dello stadio. Ognuno poteva portare il proprio divano da casa e aveva a disposizione lampada e tavolino personalizzato: alla fine i divani erano più di 800 e la Germania vinse quel Mondiale. Altra tradizione casalinga è ormai la festa di Natale, avviata - come al solito - da uno sparuto gruppo di tifosi nel 2003 e diventata un appuntamento che attira decine di migliaia di tifosi.

La diversità dell’Union Berlino sta anche nel suo inno, "Eisern Union" ("L’Unione di ferro"), che è anche il nome della tifoseria. Lo canta Nina Hagen, icona punk che frequentava lo stadio da bambina insieme al padre. E proprio padri, nonni e amici che non sono più su questa Terra sono stati i protagonisti della prima coreografia al ritorno in Bundesliga: con chi c’era che teneva in alto le fotografie di chi non c’era più.


L’icona punk Nina Hagen, tifosa e cantante dell’inno (Keystone)

Sembrava dovesse essere una coincidenza, un premio alla carriera, una meteora l’Union Berlino in Bundesliga, la squadra del popolo, caciarona e squattrinata; invece sotto la guida dello svizzero Urs Fischer sono riusciti ad arrivare undicesimi al primo anno, poi settimi e l’anno scorso addirittura quinti, a un punto della Champions League (qualificandosi per l’Europa League). In questa stagione hanno battuto il ricchissimo Red Bull Lipsia e gli amati cugini dell’Hertha, poi pareggiato con la corazzata Bayern Monaco, che vince il titolo ininterrottamente da dieci anni. Sembrerebbe impossibile fare di meglio, ma sembrava impossibile anche vedere il Muro cadere, battere la Dinamo 8-0, ricostruire uno stadio fai-da-te e trasformare un campo di calcio in un salotto con 800 divani.


Festa in campo per tifosi e giocatori (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved