Milan
1
Sassuolo
3
1. tempo
(1-3)
TSITSIPAS S. (GRE)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
3
fine
(3-6 : 6-7 : 6-7)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
21 min

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Sci
1 ora

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nella secondo superG
Hockey
15 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
17 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
19 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
23 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
1 gior

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
1 gior

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
1 gior

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
CALCIO
12.09.2022 - 17:01
Aggiornamento: 17:27

Svizzera - Italia U16, un primo assaggio d’Europa

Domani (16.00) e giovedì (12.30) la selezione elvetica in campo ad Ascona. Ne abbiamo parlato con Mattia Tami, assistente di Francesco Gabriele

svizzera-italia-u16-un-primo-assaggio-d-europa
Lo staff della U16 con Mattia Tami primo da sinistra

Svizzera-Italia, in qualsiasi categoria e in qualsiasi disciplina, rappresenta un richiamo irresistibile per l’interesse degli sportivi ticinesi. Domani pomeriggio (16.00) e giovedì (12.30), sul campo di Ascona si affronteranno in amichevole le selezioni U16 rossocrociata e italiana. Ne abbiamo parlato con Mattia Tami, assistente allenatore della squadra elvetica diretta da Francesco Gabriele... «Per i ragazzi, la U16 rappresenta un’annata di passaggio. Di fatto, viene preparata la squadra che l’anno successivo prenderà parte all’avventura dell’Europeo U17. L’obiettivo è dunque di permettere ai giovani calciatori di accumulare un certo grado di esperienza internazionale, così da giungere preparati alla loro prima vera esperienza internazionale».

Nella U16, di conseguenza, non esiste una competizione ufficiale a livello continentale... «Vi sono però dei tornei ai quali cerchiamo di prendere parte. Ad esempio, nel mese di novembre andremo in Francia, più precisamente a Parigi, per disputare un quadrangolare. Vi prenderanno parte, ovviamente, i padroni di casa, ma le altre due squadre partecipanti ancora non sono state definite. Nel maggio 2023, invece, saremo impegnati in un torneo direttamente organizzato dall’Uefa. Si tratta di quadrangolari con uno sviluppo simile a quella che è la prima fase di un Europeo, ciò che dovrebbe aiutare i ragazzi a calcare il palcoscenico internazionale».

Seguire in maniera assidua lo svolgimento dell’attività U16, nonostante la Svizzera non presenti un territorio particolarmente vasto, non deve essere un gioco da ragazzi... «A dire il vero, esiste un lavoro di scouting piuttosto efficace e capillare, proprio a partire dalla U16. Un monitoraggio che permette di vedere le varie squadre più volte nel corso di una stagione. Per preparare questo doppio impegno con l’Italia, abbiamo deciso di svolgere uno stage il mese scorso, durante il quale abbiamo visionato 34 ragazzi, vale a dire tre per ruolo. Alla fine, abbiamo ristretto la rosa a due giocatori per posizione (c’è pure un ticinese, Ilija Maslarov del Lugano, ndr). Questa non è una selezione chiusa, bensì rimane aperta a tutti, anche se alla fine la scrematura va eseguita. Il fatto che per tutti si tratti della prima esperienza con la maglia rossocrociata, fa sì che in squadra vi sia un ambiente molto positivo. Nei ragazzi ci sono emozione, entusiasmo e orgoglio, addirittura in dosi forse maggiori rispetto a quanto accade nelle selezioni superiori, dove i calciatori sono già più uomini e consapevoli di certe dinamiche che si creano all’interno del mondo del calcio».

Mattia Tami con i ragazzi ha instaurato un ottimo rapporto, anche se... «Non ho mai nascosto che il mio obiettivo è di allenare una squadra di adulti. In questo momento, però, mi ero preso un periodo di stop per poter gestire al meglio altri impegni lavorativi e familiari. Mi si è presentata questa opportunità e ho deciso di accettarla: e ho trovato un mondo per molti aspetti differente rispetto a quello al quale ero abituato. Con i ragazzi occorrono sensibilità diverse, ma si tratta di un ambiente molto stimolante, nel quale i calciatori lasciano trasparire il loro entusiasmo, sono permeabili ai nostri insegnamenti e si concentrano al cento per cento. Inoltre, ho la fortuna di poter lavorare al fianco di Francesco Gabriele, il quale possiede una grande esperienza a livello giovanile e devo ammettere di aver imparato molto anche solo osservando la sensibilità che mette nei rapporti con i ragazzi. Il mio arrivo in federazione lo devo proprio a lui: cercava un assistente in possesso del diploma A e siccome ci conoscevamo e tra noi esisteva un feeling positivo, ha chiesto se fossi interessato. E sono felice di aver accettato, in quanto si tratta di un impegno che mi permette di conciliare benissimo l’attività sportiva con gli impegni lavorativi e familiari. Il lavoro intenso è concentrato in periodi limitati, per il resto si tratta di svolgere un compito essenzialmente di osservazione e scouting».

Dal titolo europeo del 2002, con la U17 di Ziegler, Senderos, Barnetta e compagni, la Svizzera ha sempre proposto un ottimo movimento giovanile, a maggior ragione se i risultati vengono rapportati a un parco giocatori molto più contenuto rispetto ad altre nazioni... «Credo che a livello internazionale l’Asf rimanga una federazione vista come un esempio positivo. Ovviamente, se qualche decennio fa la filosofia rossocrociata poteva dirsi all’avanguardia, nel corso degli anni le altre nazioni non sono rimaste a guardare. E, di conseguenza, anche la Svizzera si è dovuta muovere: da quanto posso vedere, l’Asf sta facendo un grandissimo lavoro per continuare a mantenere il nostro sistema di formazione ai vertici del panorama internazionale. Ed è proprio per poter abituare sin da subito i ragazzi a ritmi superiori che vengono organizzate amichevoli come quelle con l’Italia o con alte selezioni magari più avanti di noi nel processo di crescita».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved